Calcio

Simeone Vicino al Marsiglia

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

A volte capita che un giocatore lasci il campionato italiano dopo averci giocato per anni e questo è il caso di Giovanni Simeone che è vicino al Marsiglia. Il centravanti argentino, figlio del ben più famoso allenatore dell’Atletico Madrid, infatti, dopo 5 anni di militanza in Serie A, tra Genoa, Fiorentina e Cagliari, sembra in procinto di andare a giocare nella Ligue1.

L’attaccante, probabilmente consapevole del fatto che non troverebbe spazio nelle file del Cagliari, avrebbe accettato l’Olympique Marsiglia come destinazione. La cessione di Dario Benedetto, passato all’Elche, potrebbe sbloccare il trasferimento del Cholito, la cui volontà è quella di giocare per l’ex ct Sampaoli.

Secondo i media, con l’entourage del giocatore ci sarebbe già un’intesa di massima e il tutto potrebbe concretizzarsi nell’arco di poche ore. Su Giovanni Simeone c’è anche l’interesse dell’Udinese ma l’attaccante sembra essere intenzionato a valutare il Marsiglia come prima opzione, per via del mister.

Simeone Vicino al Marsiglia – Caratteristiche Tecniche

Giovanni Simeone è un centravanti di 180 cm per 81 Kg, che sa svariare su tutto il fronte dell’attacco. In area di rigore è abbastanza efficace e, essendo molto rapido, sa farsi valere anche in campo aperto quando ha spazio.

La sua forza fisica e atletica, unite al suo spirito di sacrificio, fanno sì che la punta ripieghi spesso anche in difesa, per supportare la squadra. In fase offensiva, Simeone predilige giocare sul filo del fuorigioco e attaccare la profondità tagliando verso la porta avversaria. Pur non essendo altissimo, è molto bravo nel gioco aereo e dispone anche di un ottimo dribbling negli spazi stretti.

In fase di non possesso, spesso si lancia il pressing, cercando di chiudere le linee di passaggio dell’avversario e forzandolo al rilancio lungo. Essendo un combattente nato, come suo padre che in campo dava sempre tutto, lo vediamo spesso tornare e cercare di recuperare il pallone anche molto lontano dalla porta avversaria. Il suo punto debole sta nell’eccessiva irruenza che mette nel rettangolo di gioco e nel sinistro.

Nel corso della sua carriera ha vinto un Campionato Argentino, una Coppa Sudamericana, una Coppa Libertadores, una Recopa Sudamericana, una Coppa Suruga Bank con il River Plate e un Campionato Sudamericano Under20.

Redazione mondiali.it

Comments are closed.