Curiosità Mondiali

Storia dei Mondiali Francia 1998 Curiosità Mondiali

Qualche volta la squadra ospitante riesce a vincere davanti al proprio pubblico e questo è il caso della Storia Mondiali Francia 1998, in cui i transalpini salgono per la prima volta sul tetto del mondo. I giocatori, però, devono essere forti e gli uomini di Jacquet sono veramente una corazzata, a cui manca forse solo un attaccante di grande esperienza, vista la giovane età di Henry e Treseguet.

Curiosità Mondiali

Giocare per una squadra come l’Atalanta, che negli ultimi anni è migliorata in modo esponenziale, aiuta a conquistare le convocazioni in nazionale, come nel caso di Toloi e la sua Storia dell’Europeo 2020. Il difensore brasiliano naturalizzato italiano, infatti, grazie alla sua lunga militanza nella Dea, rientra ormai stabilmente nel giro della nazionale azzurra; con cui, la scorsa estate, si è laureato campione d’Europa.

Florenzi Storia dell'Europeo 2020 Curiosità Mondiali

In tutte le competizioni calcistiche c’è il rischio di infortuni e Florenzi e la sua Storia dell’Europeo 2020 sono un esempio di come questo spesso accada in rassegne importanti. Il nuovo giocatore del Milan, infatti, parte titolare nella partita d’esordio dell’Italia a Euro 2020 ma si fa male ed è costretto a uscire nell’intervallo, perdendo il posto da titolare.

L’Italia, calcisticamente parlando, è terra di grandi difensori e, nonostante un calo rispetto al passato, Bastoni e la sua Storia dell’Europeo 2020 dimostrano che riusciamo ancora a sfornarne di buoni. Il giovanissimo calciatore interista, infatti, a soli 22 anni è titolare nella squadra campione d’Italia del 2021 ed è ormai stabilmente nel giro della nazionale italiana.

Il difensore è molto bravo in fase di impostazione e, essendo cresciuto nelle giovanili dell’Atalanta, ha una buona tecnica individuale; deve, però, migliorare nella scelta dei tempi degli anticipi, anche perché, se sbaglia l’intervento, la sua struttura fisica imponente non gli consente un facile ripiegamento difensivo. Inoltre, il modo di giocare nell’Inter è diverso da quello della nazionale e ci vuole un po’ di tempo per adattarsi a queste differenze.

Ciononostante, è il difensore italiano più promettente e Mancini molto probabilmente punterà su di lui già nel breve periodo. Il commissario tecnico azzurro, infatti, ha piena fiducia in lui, lo porta a Euro2020 e gli permette di giocare tutta la terza partita del primo turno contro il Galles.

Bastoni Storia dell’Europeo 2020 – Percorso con la Nazionale di Mancini

Alessandro Bastoni gioca in tutte le nazionali giovanili dell’Italia. Nel febbraio 2019, Mancini lo convoca per uno stage esplorativo, in cui visiona i giovani calciatori italiani. La sua convocazione arriva nell’anno successivo, il 27 agosto 2020 e il Mancio lo fa esordire l’11 novembre in un’amichevole contro l’Estonia, in cui parte titolare dal primo minuto di gioco. L’interista, complessivamente, disputa nove partite con l’Italia e in tutte parte dall’inizio.

Nations League 2020-2021

Nella Nations League gioca, in totale, quattro partite. Le prime due sono relative al primo turno e le avversarie sono Polonia e Bosnia Erzegovina. Le ultime sono la semifinale contro la Spagna e la finale di terzo e quarto posto con il Belgio. La sfida contro la squadra di Luis Enrique lo vede protagonista in negativo in occasione del primo gol, perché perde la marcatura di Torres e questo errore condiziona la sua gara. Nella ‘finalina’ contro il Belgio, invece, la sua prova è ottima e lui rimane sempre concentrato nelle chiusure e nei raddoppi di marcatura per aiutare Acerbi.

Qualificazioni Euro 2020

Per quanto riguarda le qualificazioni ai Mondiali 2022 in Qatar, che sono ancora in corso, Bastoni scende in campo in due occasioni, entrambe contro la Lituania, che terminano con due successi dell’Italia. Il seguente video riporta alcune azioni relative all’ultima sfida contro i Lituani.

 

Bastoni Storia dell’Europeo 2020 – Euro 2020

Agli Europei, la coppia titolare in difesa è quella della Juve, Chiellini e Bonucci. Quando si fa male Chiellini, il sostituto naturale è Acerbi. Il giovane Bastoni, comunque, è consapevole delle gerarchie e aspetta il proprio turno, che arriva nella terza sfida del girone Italia-Galles.

In questa partita, l’interista si posiziona accanto a Bonucci e spesso si trova in marcatura su Bale, che è un osso duro. Nonostante la bravura dell’avversario, il giovane azzurro non trema e ne limita di molto l’efficacia; in un paio di occasioni, tra l’altro, fa valere la sua abilità con degli ottimi lanci che partono dal suo mancino. Si rivede, poi, al momento della premiazione per la vittoria dell’Italia di Euro 2020.

Storia dei Mondiali Germania 2006

Una rassegna calcistica iridata è sempre spettacolare da vere ma quando vince l’Italia per noi è molto meglio e la Storia Mondiali Germania 2006 è gloriosa. La nazionale di Lippi, infatti, nonostante le vicissitudini di Calciopoli, si compatta e dimostra di avere grandi doti umane e tecniche, che portano alla vittoria della Coppa del Mondo.

Avere dei buoni giocatori anche in panchina è sicuramente un valore aggiunto e Cristante con la sua Storia dell’Europeo 2020 ne è un esempio lampante. Nonostante i tre piccoletti della linea mediana siano insostituibili per Mancini, ogni tanto anche loro hanno bisogno di rifiatare; in queste occasioni, chi entra deve garantire un grande dinamismo e aiutare la squadra.

In queste occasioni, il centrocampista della Roma si dimostra sempre un calciatore di affidabilità assoluta, utile sia in copertura che nel supportare l’azione offensiva. Per questo motivo, Mancini gli concede un buon minutaggio e in finale lo fa entrare al minuto 54, al posto di uno spento Barella. Cristante, dal canto suo, lo ripaga ampiamente, risultando uno dei migliori in campo e fornendo un grande vigore al centrocampo azzurro.

Cristante Storia dell’Europeo 2020 – Percorso con l’Italia di Mancini

Dopo una lunga trafila nelle nazionali giovanili, il centrocampista della Roma riceve la prima convocazione per la nazionale maggiore il 2 ottobre 2017, con Gian Piero Ventura. Il commissario tecnico lo fa esordire il 6 ottobre al posto di Gagliardini, nella partita contro la Macedonia, valida per le qualificazioni ai Mondiali 2018.

Con Roberto ManciniCristante gioca una partita nelle qualificazioni di Euro 2020, contro il Liechtenstein e la sfida contro L’Olanda, valida per la Nations League 2021.

Qualificazioni Euro 2020

Le qualificazioni a Qatar 2022 sono ancora in corso e Cristante partecipa alle ultime due gare, contro Bulgaria e Lituania, entrambe successive a Euro 2020.

Cristante Storia dell’Europeo 2020 – Euro 2020

Per quanto riguarda i gloriosi EuropeiCristante scende in campo, da subentrato, in tutte le partite, eccetto la semifinale Italia – Spagna.

Nella gara inaugurale contro la Turchia, il romanista entra al 74′, al posto di Locatelli, quando la gara è ormai quasi decisa; in questa situazione, dà il suo apporto e raggiunge la sufficienza piena.

Per quanto riguarda la sfida contro gli Elvetici, Cristante entra solo nel finale e quindi non ha il tempo di incidere. La stessa cosa accade contro il Galles, in cui rileva Jorginho al minuto 75, senza strafare e contro lAustria, quando entra al posto di Insigne e gioca solo per pochi minuti.

I quarti di finale, invece, vedono l’Italia contrapposta al Belgio, una delle favorite e Cristante entra a un quarto d’ora dalla fine. Gli avversari si buttano in avanti per pareggiare; il centrocampista giallorosso dà una grossa mano alla squadra che si barrica in difesa e sta incollato a De Bruyne, il più pericoloso tra i Diavoli Rossi.

La sua migliore partita, però, è la partita contro l’Inghilterra allo stadio Wembley. In finale, Cristante subentra a Barella e gioca per più di un’ora, contrastando gli inglesi sul piano fisico e mettendo lo zampino, anzi la testa, sull’azione da cui scaturisce il gol di Bonucci. Il suo ingesso è, quindi molto positivo per la vittoria degli Europei da parte dell’Italia.

Storia Mondiali Sudafrica 2010

Milioni di persone hanno ancora il ricordo della canzone di Shakira e il suono della vuvuzela, che sono certamente i simboli della Storia dei Mondiali in Sudafrica 2010. Tale strumento musicale, molto famoso nella nazione ospitante per la suddetta edizione, accompagna tutta la rassegna sportiva anche se non tutti ne apprezzano la melodia.

Storia mondiali 2014 Germania Campione

La rassegna mondiale del 2014 ha riservato diverse sorprese, tra cui la più eclatante è certamente la sconfitta sonora del Brasile per mano della Germania, l’evento più noto nella Storia Mondiali Brasile 2014. Nessuno, infatti, alla vigilia avrebbe immaginato una disfatta così netta dei padroni di casa, proprio nella patria del calcio mondiale, presso lo stadio Mineirão di Belo Horizonte.

Raspadori e la storia di Euro 2020

Vincere una competizione importante con la nazionale è bello anche se si vede il campo solo per qualche minuto, soprattutto se si è giovani, come nel caso di Raspadori e la sua Storia dell’Europeo 2020. Gli esempi sono illustri e tutti si augurano che l’attaccante del Sassuolo ne segua la scia.

Sirigu e la Storia dell'Europeo 2020

A volte anche chi non gioca quasi mai può essere determinante per una squadra e Sirigu e la sua Storia dell’Europeo 2020 insegnano che si può dare una grande mano anche dalla panchina. Sin dalla partita di esordio contro la Turchia, infatti, il portiere del Genoa si è prodigato nel motivare i suoi compagni di squadra, inviando a tutti messaggi motivazionali.

Curiosità Mondiali

Un mondo di curiosità mondiali, statistiche e articoli di approfondimento sui Mondiali di calcio che hanno reso grande lo sport.