Calcio

Il coast to coast di Gervinho come altri grandi campioni

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

82 metri di campo a 26 chilometri orari di velocità media con un picco di 30 chilometri orari. Sono questi i numeri di Gervinho messi in campo durante l’azione dell’eurogol segnato contro il Cagliari.

Un vero e proprio coast to coast completato con la palla in rete alle spalle dell’incolpevole Cragno. L’ivoriano è partito dalla propria trequarti ha saltato prima due avversari, poi un altro e poi un altro ancora fino all’epilogo finale per il 2-0 che ha chiuso il match al Tardini di Parma.

Il gol ha scatenato i tifosi, appassionati e sono tornati in mente azioni simili di altri campioni che hanno realizzato reti come quella messe a segno dall’ex giallorosso.

Uno dei riferimenti più vicini alla rete dell’ivoriano è la rete di un altro africano che ha fatto faville in casa Milan: George Weah. L’attuale presidente della Liberia quando era un grande campione di calcio, l’8 settembre 1996 in un Milan – Hellas Verona mostrò tutta la sua forza, velocità e agilità in 90 metri di corsa. Sportellate, dribbling e tanto fiato per un gol che fece esplodere san Siro entrando di diritto negli annali del calcio.

Facendo un salto al 17 ottobre 2004, ma restando sempre al Meazza sponda nerazzurra, l’Imperatore Adriano realizzò una rete mozzafiato contro l’Udinese. Il brasiliano prese palla dalla sua trequarti e iniziò una corsa fino alla porta avversaria abbattendo Bertotto e Jankulovski.

Spostandoci in Liga non possiamo non citare Lionel Messi e quel gol messo a segno contro il Getafe che lo hanno reso celebre.

Paragoni con Diego Armando Maradona e il gol del secolo del Pibe de Oro messo a segno contro l’Inghilterra al Mondiale di Messico ‘86.

Rimanendo in tema Mondiale, quello chè sicuramente un gol che I nostalgici ricordano è quello messo a segno dall’arabo Saeed Al-Owairan contro il Belgio a Usa ’94. Un coast to coast Mondiale.

Giornalista professionista, cura “Italians”, rubrica che parla di sportivi italiani che si sono affermati all’estero. E chissà magari, Ivanka Trump, la prossima volta non confonderà più Giorgio Chinaglia, ex attaccante di Lazio e New York Cosmos, per un santo.

Comments are closed.