Pallavolo

Mondiale, l’Italia passa alla seconda fase senza nemmeno giocare

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

L’Italvolley vola alla seconda fase del Mondiale senza nemmeno giocare.

Sì perché stavolta è l’Argentina dell’ex ct Velasco a regalare il sorriso del passaggio matematico del turno al primo posto del Pool A, battendo la Slovenia per 3-2 (25-18, 22-25, 27-29, 25-17, 15-13).

In effetti il match di stasera al Mandela Forum di Firenze contro gli sloveni avrebbe dovuto essere uno scontro diretto per il primo posto del girone, partita invece che sarà dunque più una passerella per l’Italia.

Se anche oggi infatti la squadra di Kovac battesse l’Italia 3-0 e andasse a pari vittorie e punti con gli azzurri a 12, non riuscirebbe comunque a migliorare il quoziente set a sufficienza per agganciarli in classifica.

A tal proposito, la bella notizia della vittoria dei sudamericani permette al ct Blengini di non forzare l’utilizzo degli uomini chiave, ma darà spazio a chi ha giocato meno con una bella rotazione. Proprio per questo i ragazzi che finora sono scesi in campo meno degli altri, avranno modo di mettersi in mostra sottolineando che tutto il gruppo azzurro c’è.

Tuttavia la classifica della prima fase si porta infatti integralmente nella seconda e diventa quindi decisiva per accedere alle finali a sei di Torino.

La seconda fase si terrà a Milano dal 21 al 23 settembre e l’Italia sarà inserita nel girone E. Il gruppo sarà composto dall’Italia; la seconda classificata del girone B che sarà una tra Olanda, Canada e Brasile; la terza della pool C, ovvero la perdente di Serbia-Russia; la Finlandia già certa del 4° posto nel girone D.

A Bologna, invece, andrà in scena la Pool F composta da: prima classificata del gruppo B, seconda e terza del raggruppamento A e Australia (quarta del girone C).

Giornalista professionista, cura “Italians”, rubrica che parla di sportivi italiani che si sono affermati all’estero. E chissà magari, Ivanka Trump, la prossima volta non confonderà più Giorgio Chinaglia, ex attaccante di Lazio e New York Cosmos, per un santo.

Comments are closed.