Tag

roja

Browsing

Quella tra Spagna – Stati Uniti sarà un ottavo di finale in cui i pronostici sono tutti dalla parte delle campionesse in carica delle americane.

La Spagna, dal canto suo, ha la possibilità però di sorprendere Morgan e compagne e centrare un imprevisto quarto di finale.

Sotto la lente d’ingrandimento e dovrà avere il peso dell’attacco della Roja è Alexia Putellas. L’attaccante del Barcellona non ha ancora gonfiato la rete in questo Mondiale e ha evidenziato i problemi della nazionale spagnola sotto porta (gli unici tre gol realizzati sono stati nel match inaugurale contro il Sudafrica).

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Vamos #FIFAWWC

Un post condiviso da Alexia Putellas (@alexiaps94) in data:

Contro gli Stati Uniti le ragazze del ct Jorge Vilda, invece, devono cercare di sfruttare al meglio le poche occasioni da gol che le americane concederanno.

Vogliamo giocare contro la nazionale migliore al mondo: è una grande opportunità e bisogna coglierla. Desideriamo che in questo mondiale femminile ognuno abbia la possibilità di parlare di noi!

La Roja ha sfidato in amichevole gli Usa lo scorso gennaio. Una sconfitta di misura (1-0) che lascia buone speranze per la partita di oggi.

Risultati immagini per alexia putellas spain usa
Alexia Putellas in azione durante l’amichevole Spagna – Usa

Serve una vittoria e, soprattutto, alla Spagna servono i tre punti se vuole continuare il percorso al Mondiale femminile di Francia2019. Contro la Cina allo stadio Océane di Le Havre, la Roja ha vuole strappare il pass per gli ottavi di finale.

A trascinare l’undici del ct Jorge Vilda ci sarà sicuramente la calciatrice più importante: la numero 10, Jennifer Hermoso.

In questo Mondiale l’attaccante dell’Atletico Madrid ha già realizzato due reti (entrambe su rigore) nel match vinto contro il Sudafrica per 3-1.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Siempre tú. 👵🏼 ✨

Un post condiviso da Jenni Hermoso 🙃 (@jennihermoso) in data:

Dotata di un grande fiuto del gol, la bomber ha un’ottima media realizzativa con la selezione spagnola oltre a essere capocannoniere 2018/19 del campionato spagnolo di Liga con 24 centri. In verità questo è il suo terzo personalissimo premio dato che anche nella stagione 2015/16 (24 gol) e nel 2016/17 (35 gol) è stata la Pichichi iberica.

Oltre al suo grande talento, Jenni Hermoso ha un piccolo amuleto: la sua famiglia. Sì perché i suoi parenti sono al centro della sa vita e l’ha voluto mostrare al mondo intero. Innanzitutto l’esultanza dopo il gol contro il Sudafrica dedicata a sua nonna che è morta due anni fa.

Era una seconda madre per me. Dov’è, si prende cura di me ogni giorno e mi da coraggio!

ha rivelato nel post gara contro le africane.

Le sue braccia, inoltre, sono ricche di tatuaggi: quello sinistro dedicato proprio alla famiglia, il destro a se stessa.

Ce n’è uno per mia madre, la mano di mia nipote, le iniziali dei miei nonni, un garofano per mia nonna e la vecchia stazione radiofonica di mio nonno!

Cresciuta a Carabanchel, un quartiere di Madrid, ha iniziato a giocare a calcio grazie al nonno ex portiere dell’Atletico Madrid e a interi pomeriggi trascorsi giocando per strada. Ora è l’unico che gli è rimasto in vita e, ovviamente, è molto legata.

Tutta la famiglia la stanno seguendo dalla tv e certamente Jenni Hermoso ha diversi motivi per trascinare la Roja agli ottavi di questo Mondiale.

Social network e media spagnoli hanno accusato Gerard Piqué, difensore del Barcellona e della Nazionale iberica, di aver volontariamente rimosso, dai bordi delle maniche, il rosso e il giallo, unici simboli che richiamano la bandiera sulla camiseta da trasferta completamente bianca. La vittoria fuori casa della Spagna di Lopetegui per 2-0 sull’Albania, valevole per la qualificazione ai Mondiali in Russia nel 2018, è passata in secondo piano perché i riflettori erano tutti puntati sulla maglietta di Piqué.

In molti, riconoscendo il forte trasporto politico del difensore blaugrana, sostenitore dell’indipendenza della Catalogna, hanno visto questo gesto come chiara offesa e presa di posizione rispetto alla bandiera spagnola. Sospetti in gran parte ingiustificati, ma che ben fanno capire quando Piqué sia sempre nell’occhio del ciclone quando scende in campo con le Furie Rosse.

Il difensore ex Manchester United ha indossato la maglia numero 3 a maniche corte con sotto una maglia termica, più aderente, a maniche lunghe. Nulla di strano, si è visto già in altri stadi e in altre partite, eppure gli occhi attenti della rete hanno notato un’anomalia rispetto al modello Adidas a maniche corte che prevede il richiamo ai colori spagnoli ai bordi. Giù il putiferio prontamente smorzato dalla Federazione calcistica spagnola e dal calciatore che in un’intervista nel post-gara ha esibito la maglia: Piqué, che è solito giocare con le maniche lunghe, sentendosi accaldato e “imballato” nei movimenti ha deciso di prendere un paio di forbici e tagliare le maniche senza cambiare direttamente divisa.

L’ennesimo episodio controverso che ha fatto definitivamente sbottare Piqué: al termine del match, infatti, ha dichiarato di dire addio dalla Nazionale dopo il Mondiale 2018. Una scelta che avrebbe dell’incredibile considerando la sua età (nel 2018 avrebbe 31 anni e ancora nel pieno della carriera). Piqué ha anche detto che non si ritirerà nei prossimi giorni solo per rispetto all’allenatore Lopetegui e al suo nuovo ciclo in Nazionale.
Quello tra il difensore, la Roja e i tifosi è un rapporto in pieno conflitto: alcuni lo vedono sempre con lo sguardo rivolto verso il basso durante la Marcha Real, l’inno ufficiale della Spagna, come atteggiamento in aperta contestazione, altri ricordano un presunto dito medio, fatto sempre durante l’inno, nella partita tra Croazia e Spagna durante l’ultimo Europeo, mentre ciclicamente torna d’attualità la partecipazione di Piqué alla Diada nel 2014, una festa molto sentita in Catalogna e che ricorda la caduta di Barcellona nelle mani di Madrid nel 1714, ovvero la fine dell’indipendenza e l’inizio del dominio della Castiglia.