Author

Giovanni Sgobba

Browsing

L’avevano definito di ghiaccio, non incline a far trasparire sentimenti, seguendo un classico stereotipo da uomo tutto d’un pezzo tedesco. Del resto Michael Schumacher parlava in pista, con le vittorie, i sorpassi, i contatti aggressivi.
Nella sua lunga e dominante carriera in Formula 1, l’ex ferrarista solo poche volte ha esternato i suoi sentimenti più personali, privati. E’ successo nel 2000, al termine del Gran Premio di Monza, gara che rimarrà tristemente nota per i rocamboleschi incidenti avvenuti a inizio tracciato che causarono la morte al commissario di gara Paolo Gislimberti, colpito al torace ed al volto da una ruota e da un pezzo di sospensione staccatisi dalla Jordan di Frentzen.

A Monza, però, si celebrò il ritorno prepotente di Schumacher nella lotta per il titolo iridato. Quando mancavano solo quatto circuiti alla fine della stagione, il ferrarista, infatti, compì il cosiddetto Grande Slam ottenendo vittoria, pole position e giro veloce. Fu la carica, la marcia in più, per arrivare, alla fine dell’anno, davanti a tutti: Schumi, infatti, dopo una serie di ritiri e secondi posti, inanellò quattro vittorie di fila, tenendosi dietro i rivali Mika Häkkinen e David Coultard.

A fine gara, durante la conferenza con le domande di rito, gli appassionati scoprirono il lato umano di Schumi. Un giornalista gli chiese:

Michael, hai raggiunto le 41 vittorie di Ayrton Senna, significa molto per te?

Il glaciale teutonico si sciolse, riuscendo solo a dire «Sì significa molto per me…», per poi abbassare la testa, nascondersi dietro il cappello rosso, lasciandosi andare in un lungo, sincero e spontaneo pianto. L’importante accostamento al talento brasiliano, un traguardo individuale maestoso, ben 41 vittorie, toccarono le corde dei sentimenti del pilota tedesco. Häkkinen, sincero, amico e rivale d’onore, lo consolò appoggiandogli un braccio, in una conferenza che diventò surreale, tutto divenne spontaneo e genuino e nessuno volle rovinare quel momento magico.
Il cuore di Schumacher, tante volte visto in pista, si mostrò quella volta al mondo intero. Senza casco.

Le “Notti magiche” alla fine non le abbiamo davvero esattamente contate. Furono sette, quelle che l’Italia nel suo Mondiale casalingo disputò. Sette era il numero massimo, dall’esordio all’ultimo giorno del torneo, solo che a noi ci toccò la “finalina” che fu altrettanto magica perché si giocò allo stadio San Nicola di Bari festante, perché gli azzurri vinsero 2-1 contro l’Inghilterra, perché segnò Schillaci – l’uomo della provvidenza di Azeglio Vicini – e Roberto Baggio. Felici anche i baresi perché videro per la prima volta segnare Platt e di certo non fu l’ultima su quel terreno di gioco.

Azeglio Vicini e Roberto Baggio durante il ritiro nel Mondiale italiano

Eppure contandole, forse, le notti magiche si fermano a sei, perché la semifinale quella contro l’Argentina di Maradona crea ancora dispiacere. E tanto ne creò al nostro ct, Azeglio Vicini, vedendo un’uscita a vuoto proprio sul più bello e due rigori sbagliati.
Estromessi dai detentori del trofeo acciuffato quattro anni prima, nel Mondiale messicano, aggrappandosi al genio di Maradona. Nel 1986, l’Italia concluse la sua avventura agli ottavi di finale buttata fuori con un secco 2-0 contro la Francia di Platini che purgò gli azzurri in quella circostanza.

Un’avventura senza infamia e senza lode, ma che portò alla fine di un’era: l’addio da commissario tecnico di Enzo Bearzot. Con lui, per 11 anni sulla panchina dell’Italia, un Mondiale, quello del 1982, una mancata qualificazione agli Europei del 1984 e soprattutto l’aver lanciato in Nazionale Beppe Bergomi, nell’aprile del 1982, a 18 anni e tre mesi, contro la Germania Est. Ben 45 presenze, ma del resto l’uomo venuto da Aiello del Friuli stravedeva per il ragazzo col baffo buttato tra i grandi nella spedizione spagnola con quel filo di paura che gli passava appena si girava e vedeva Dino Zoff. Stravedeva per Bergomi, sì, ma piccolo problema: come terzino destro qualche gol se lo sarebbe aspettato.

Il capitano tedesco Rumenigge in contrasto con Beppe Bergomi nella finale del Mondiale ’82

Bearzot lasciò la panchina senza vedere lo “zio” segnare. Vicini, che la ereditò dopo la gavetta nell’Under proprio come il suo predecessore, fece il suo esordio l’8 ottobre 1986 in un’amichevole contro la Grecia. Partita vinta dall’Italia 2-0. Marcatori: Bergomi, Bergomi. E che gol:

 

Ecco il ricordo dello stesso Beppe Bergomi:

E pensare che all’esordio di Vicini come ct ho fatto pure una doppietta, io che con Bearzot non avevo mai segnato, facendolo arrabbiare…. Questa cosa divertiva molto Vicini. Ricordo spesso un aneddoto divertente con ex compagni come Mauro o Vialli: Vicini volle giocare con la Scozia a Catanzaro per sfruttare il caldo, al quale gli avversari non erano abituati. Ma piovve per una settimana e perdemmo. Era un tecnico della vecchia scuola, con quella saggezza e quella semplicità della piccole cose del calcio che sembrano scontate ma non lo sono: i tacchetti giusti, l’attenzione al metro di giudizio dell’arbitro, le riunioni a gruppi distinti per difesa e attacco. Era un allenatore che sdrammatizzava, ed è vero che aveva un atteggiamento paterno: non veniva a controllare nelle camere, ma sapeva che ci trovavamo a parlare, a giocare a carte o a mangiare un panino in più perché avevamo fame. Ma lasciava fare e ci lasciava responsabilità

Dopo quasi 28 anni, l’amarezza per quel Mondiale resta. Resta forse perché nel nostro incoscio vorremmo consegnarlo a quella persona garbata, a modo, qual era Azeglio Vicini. Un senso di correttezza per riequilibrare il senso delle cose. L’ha alzata al cielo Bearzot che pure, dopo la doppietta di Bergomi contro la Grecia gli disse: «Allora com me lo facevi apposta!»

Azzurri a lezione di tattica dal ct Vicini

Era da novantanove anni che una partita di calcio femminile non registrava un così alto numero di spettatori. Stadio Wanda Metropolitano di Madrid, casa dell’Atletico: 60.739 spettatori muniti di biglietto  hanno riscritto la storia. Nella partita di campionato contro il Barcellona, poi vinta dalle calciatrici blaugrana per 2-0, si è infatti registrato il più alto numero di spettatori della storia dei club calcistici femminili. Quasi 61mila i paganti, un record che cancella – come scrive l’Atletico Madrid sul proprio sito ufficiale – il primato del Boxing Day inglese del lontanissimo 1920, quando al Goodison Park circa 53mila persone assistettero alla sfida tra Kerr’s Ladies e Helen’s Ladies.

 

Sono numeri impressionanti quelli del Wanda e dell’Atletico femminile. O almeno per noi italiani dove il calcio femminile è catalogato nel “dilettantismo”. Invece pensate che la capienza massima dello stadio è di 68mila posti a sedere, mentre la media tenuta dalla squadra maschile nella stagione 2017-18 è stata di 55.482 spettatori,  secondo la Uefa.

 

Un primato che batte anche il precedente record nel calcio femminile spagnolo, fatto registrare lo scorso gennaio nella Copa de la Reina (l’equivalente della Coppa del Re) con 48.121 spettatori per Athletic Bilbao-Atletico Madrid. Numero a sua volta inferiore ai più di 51mila che hanno assistito, sempre quest’anno, a Tigre-Monterrey della serie A messicana. Ora c’è un nuovo primato storico. E una bolgia che ha confermato ulteriormente la grande crescita del pallone al femminile.

Nello snooker, lui è una leggenda conclamata. E se non bastano i cinque titoli mondiali conquistati in carriera, Ronnie O’ Sullivan, il 10 marzo 2019, ha tagliato un traguardo impensabile che si fa fatica solo a pensarci: è il primo e unico giocatore nella storia del biliardo internazionale a realizzare 1.000 “centoni”, ovvero il break continuo di cento o più punti all’interno della stessa gara. Nella classifica all-time, il secondo è Stephen Hendry, fermo a 775 centoni.

Soprannominato “The Rocket” (il razzo) per la sua straordinaria velocità nel gioco, il 43enne inglese è considerato da molti il giocatore più talentuoso della storia dello snooker. Gioca con la mano destra, ma è capace di usare la sinistra quasi con la stessa precisione, il che gli permette di evitare in molte circostanze l’uso dei ponticelli meccanici. E anche in finale del Players Championship a Preston, in Gran Bretagna, ha dimostrato il suo talento restituendo agli appassionato un record mondiale a suo modo storico. L’australiano Neil Robertson si è arreso 10-4 e ha applaudito l’ennesima gesta del campione che, tra i tanti record, detiene anche quello delle serie perfette, ben 15 in carriera.

 

Cresciuto a Chigwell, nell’Essex, dove vive tuttora, i genitori di Ronnie gestivano dei sexy shops nel quartiere londinese di Soho. Divenuto giocatore professionista nel 1992, O’ Sullivan cinque anni dopo ha realizzato il break perfetto di 147 punti in soli 5 minuti e 8 secondi.

E’ un’Italia luccicante e plurivincente quella che torna da San Miguel de Tucumàn, inArgentina, dove si sono disputati i Mondiali di bocce 2019. Un’edizione sudamericana che ha proposto due le novità di rilievo: per la prima volta ha vinto chi è arrivato per primo ai punti 12 o si è trovato in vantaggio entro i quarantacinque minuti nelle fasi eliminatorie (sessanta nelle finali) e, sempre per la prima volta, è stato assegnato anche il titolo di coppia mista (oltre a quelli degli individuali maschili e femminili).

E proprio dagli individuali sono arrivate le medaglie d’oro: gli azzurri, infatti, hanno vinto l’alloro sia con Elisa Luccarini sia con Gianluca Formicone, mentre nella coppia mista composta, da Chiara Morano e Luca Viscusi, è arrivato un ottimo bronzo, dopo l’eliminazione per mano del Brasile, vincitore con Silvia Bohnenberger e Valdecir Garcìa.

E’ un piacevole prima volta per Gianluca Formicone che centra il primo successo iridato nella sua carriera, mentre Elisa Luccarini conquista il tris personale, il secondo oro consecutivo dopo Roma 2015. Oltre a questo ottimo bottino, l’Italia festeggia anche la Coppa per Nazioni grazie alla classifica generale stilata sulla base dei risultati ottenuti dagli atleti nelle tre specialità.

RISULTATI MONDIALI BOCCE 2019:

Individuale maschile: 1) Gianluca Formicone (Italia); 2) Oswaldo Palomino (Perù); 3) José Botto (Usa); 4) Rodolfo Gàlvez (Cile)

Individuale femminile: 1) Elisa Luccarini (Italia); 2) Stella Paoletti (San Marino); 3) Franca Martini (Cile); 4) Yamila Fernàndez (Uruguay)

Coppia mista: 1) Brasile (Silvia Bohnenberger-Valdecir Garcìa); 2) Argentina (Natalia Limardo-Juan Pablo Urra); 3) Italia (Chiara Morano-Luca Viscusi); 4) Cile (Franca Martini-Rodolfo Gàlvez)

I risultati delle finali: specialità individuale maschile ITALIA-Perù 12-2; specialità individuale femminile ITALIA-San Marino 12-10; specialità coppia mista Argentina-BRASILE 10-11

Delegazione azzurra: Gianluca Formicone, Elisa Luccarini, Chiara Morano, Luca Viscusi. Commissari tecnici: Giuseppe Pallucca e Germana Cantarini. Capo delegazione: Moreno Rosati (vicepresidente federale).

 

La maglia d’allenamento le va un po’ aderente, il necessario per accentuare la sua pancia e l’attesa della figlia. Sydney Leroux, calciatrice dell’Orlando Pride, squadra della NWSL – la massima divisione statunitense – ha iniziato la preparazione per la nuova stagione incinta al quinto mese e mezzo di gravidanza.

Tra le attaccanti più forti nel panorama americano e mondiale, Sydney Leroux ha deciso di non stare ferma e di essere presenta sin dal primo giorno d’allenamento: «Non pensavo di iniziare la preparazione incinta di 5 mesi e mezzo, ma eccoci qua», ha scritto sul suo profilo Twitter.

 

La 28enne è la moglie di Dom Dwyer, attaccante di Orlando City in MLS, e ha collezionato in carriera 77 presenze con la nazionale americana e ci tiene a rassicurare tutti sul tipo di lavoro fisico che dovrà svolgere in queste settimane: «Mi alleno senza contatti fisici ed evitando qualsiasi pericolo per il bambino. Lavoro col pallone e non faccio sforzi ad alta intensità. Chi sa meglio di me cosa posso e non posso fare con il mio corpo?».

La scelta quella dell’ex centravanti di Sporting Kansas City e Vancouver è stata accolta con eccitazione sia dai tifosi che l’hanno incoraggiata, ma anche dalle compagne di squadra, una su tutte Alex Morgan, una delle più forti calciatrici attualmente: «Sono orgoglioso di essere in squadra con te. Non vedo l’ora di tornare a fare coppia con te in attacco».

 

Oltre ai complimenti e alle felicitazioni di tanti sostenitori, però, è stata anche bersagliata dagli insulti di molte persone. L’accusa principale, sostanzialmente, è che sta mettendo in pericolo la vita della figlia per i soldi. Ma Sydney ha avuto la fermezza di rispondere a modo e con convinzione della propria scelta: «Il 99 per cento di chi critica il fatto che mi alleno sono uomini. Finché non tirate fuori un bambino dalla vagina, statene fuori».

Sydney e Dom hanno già un figlio, Cassius apparso a novembre in un post sempre su Twitter quando la calciatrice aveva annunciato a tutti che avrebbe avuto un secondogenito.

 

Per un ragazzino di Akron che aveva bisogno di un’ispirazione, Jordan è sempre stato il punto di riferimento

Alla fine, l’emozione ha preso il sopravvento, e lui, LeBron James si è rifugiato in panchina e si è coperto il volto con un asciugamano. Sì, il numero 23 dei Lakers ce l’ha fatta e ha concluso la lunga scalata ai 32.292 punti messi a referto in carriera da Michael Jordan: un canestro in penetrazione a metà secondo quarto ha portato James oltre quota 13 punti nella sfida contro Denver, quanto serviva per raggiungere un altro storico traguardo. Ora è quarto nella classifica all-time dietro a Kareem Abdul-Jabbr, Karl Malone e Kobe Bryant.

Risultati immagini per lebron james

Capita solo una volta nella vita, a LeBron era già successo di passare MJ per punti segnati ai playoff nella primavera del 2017, ma nella notte tra il 6 e il 7 marzo ha superato la leggenda per punti nella regular season. E il tre volte campione Nba con Miami e Cleveland ha detto:

Di tutto quello che ho fatto nella mia carriera, questo risultato sta lassù in cima, insieme ai titoli vinti. Per un ragazzino di Akron, Ohio che aveva bisogno di un’ispirazione e di un’influenza positiva, Michael Jordan è sempre stato un punto di riferimento. Guardandolo da lontano, volevo essere come MJ, tirare in fadeaway come MJ, tirare fuori la lingua come MJ, vestire le scarpe di MJ. Il fatto che i ragazzini possano guardare a me come io facevo con MJ è pazzesco, ad essere onesto. Anzi, è oltre il pazzesco

image

Se James veste il numero 23 è proprio per Jordan, così come per la partita del sorpasso di questa notte contro Denver ha deciso di indossare un paio di LeBron 16 con una colorazione che richiamava uno dei modelli più celebri di MJ, le Air Jordan III “white cement”. Su quelle scarpe, come fa sempre prima delle gare, aveva scritto anche in pennarello “Thank you M.J. 23”.

Una notte storica per il basket e amara – paradossalmente – per il Los Angeles Lakers e per lo stesso LeBron: la sconfitta per 99-115 che ha sancito definitivamente la fine della sua striscia di 13 partecipazioni consecutive ai playoff. I Lakers infatti dicono addio alle speranze di prendere parte alla post-season, rendendo molto deludente una stagione partita con grandi propositi. Vedere LeBron in gialloviola al momento è sinonimo di obiettivo mancato; non la condizione ideale per tributare chissà quale standing ovation finale.

 

Sarà che ormai ha scollinato quota 34 anni, ma James si è lasciato andare ai tanti ricordi che si sono affollati nella sua testa dopo il sorpasso:

Con i miei amici non facevamo altro che parlare di MJ. Quando eravamo al campetto, anche con la neve o la pioggia del Northeast Ohio, volevamo solo essere MJ. Tutti noi, fino all’ultimo. È pazzesco. Anche i miei amici del liceo mi hanno scritto e fanno fatica a crederci, così come non ci riesco bene neanche io, perché tutti ci ricordiamo di quando passeggiavamo per le vie di Akron con un pallone da basket cantando ‘I wanna be, I wanna be like Mike’

Un manga che ha segnato più di una generazione e un cartone animato che ha ispirato più di un futuro campione. Chiamatelo “Holly e Benji” o “Captain Tsubasa” nella versione originale, di certo è un must per gli appassionati di calcio e da oggi, a Tokyo, c’è una stazione ferroviaria totalmente dedicata al fumetto calcistico.

La stazione in questione è la Yotsugi e dal pavimento al soffitto è stata completamente riempita con le immagini del famoso manga: al taglio del nastro c’era anche l’autore Yoichi Takahashi, ma anche il campione spagnolo Andres Iniesta, fan dichiarato e sfegatato dell’anime nipponico. L’ex blaugrana, oggi centrocampista del Vissel Kobe ha detto: «Ricordo gli stili di gioco unici dei personaggi e sono felice di giocare in Giappone, dove è stato realizzato l’anime».

Risultati immagini per metro tokyo captain tsubasa

Entrando nella stazione si compie un autentico viaggio nelle avventure di Oliver Hutton e Benjamin Price, grazie a giganteschi murales che mostrano le gesta dei protagonisti della serie. Camminando all’interno si entra in un campo da calcio, sulle pareti e sul soffitto è un susseguirsi di calci di rigore, parate, dribbling e quei tiri supersonici dei giovani calciatori con le maglie immortali della New Team o della Muppet e  che hanno alimentato la fantasia, e le aspettative, di milioni di giocatori in erba.

A Tokyo la stazione di Yotsugi è già stata ribattezzata come la Mecca per i fan di Holly e Benji. La voce del protagonista è utilizzata negli annunci della stazione, mentre la sigla del cartone è utilizzata per segnalare l’arrivo di un convoglio. Ma c’è di più perché lì vicino ci sono anche le statue dei leggendari fuoriclasse: nel parco adiacente c’è la statua di Holly nel parco, quella più rappresentativa dell’intero allestimento curato in città. Rappresenta il campioncino che, pallone tra i piedi, si stringe al braccio la fascia da capitano. In bronzo e fatta ad altezza naturale, si tratta di una delle prime istallazioni: le altre, in tutto sono otto, sono dedicate a Mark Lenders , a Benji Price, a Bruce Harper, alla mitica Patty e al grandissimo Roberto Sedinho (Roberto Hongo), sono disseminate in giro per il paese. Sulle strade, appese ai lampioni, campeggiano le gigantografie di Tom Becker e degli altri campioni della nazionale giapponese dei cartoni.

Risultati immagini per metro tokyo iniesta

La serie manga è stata pubblicata per la prima volta nel 1981 e in pochi anni è diventata un successo planetario, anche grazie all’anime lanciato nel 1983 in Giappone e trasmesso per la prima volta in Italia nel 1986. Per quarant’anni è rimasta popolare, ancora oggi viene trasmessa dalle televisioni di tanti paesi, e nell’aprile dello scorso anno è partito il remake della prima serie. Un successo puntuale come un treno giapponese.

 

Piangere per lui proprio mentre stavamo per preparagli una bella torta di compleanno. Anche quando si tratta di morte, Lucio Dalla c’ha preso in giro tutti: se n’è andato il primo marzo del 2012 a un passo dal compiere i 69 anni. E i suoi funerali si sono tenuti il 4 marzo, proprio il giorno del suo compleanno come ben ci ricorda una sua canzone autobiografica. Portatore dei valori e dei temi tradizionali della canzonetta italiana, Dalla li ha accolti e fatti propri a modo suo, cantando l’amore senza tempo e spazio in “Caruso”, o la storia malinconica di un barbone che vive nella “Piazza grande” della sua Bologna. Ha cantato e raccontato, però, tutti gli aspetti della quotidianità dandone stesso risalto, stessa importanza.

Risultati immagini per lucio dalla calcio

E tra questi, nei suoi testi c’è tutta la passione per lo sport, diversamente da quello che è il pensiero nobile ed aristocratico di molti cantautori (lo stesso De Gregori, suo grande amico, ebbe difficoltà ad accettare l’inno della Roma scritto dall’amico Venditti). Era da tutti conosciuto come un assiduo frequentatore del Dall’Ara, lo stadio del Bologna calcio, dove era solito sedere accanto a Morandi. Per la stessa squadra scrisse, a quattro mani con  Luca Carboni, Gianni Morandi ed Andrea Mingardi, l’inno dal titolo “Le tue ali Bologna”. Nel 2001, inoltre, compose una canzone “Baggio…Baggio” dedicata al Divin Codino, rinato proprio nella sua breve parentesi bolognese:

Sei mai stato il piede del calciatore che sta per tirare un rigore e il mignolo destro di quel portiere che è lì, è lì per parare…

Ma più di tutto aveva la pallacanestro nel cuore. Da sempre tifoso della Virtus Bologna, con il suo fare da “buffone“, ironizzava sulla sua altezza:

Sono un grande playmaker. Forse il più grande. Mi ha fregato solo l’altezza

Resterà celebre la foto con accanto Augusto Binelli, cestista di oltre 2 metri, entrambi con la casacca bianca con la V nera della Virtus. Eppure nel suo scherzare, ne capiva di basket: ogni tanto scendeva negli spogliatoi, parlava con i giocatori, con la società e tutti accettavano i consigli (e qualche volta le critiche) che era solito impartire, sempre con grande pacatezza. Tifoso sì, ma sempre composto.

La sua altra grande passione erano i motori, le corse automobilistiche. In “Nuvolari” (traccia di spicco del disco “Automobili”, tutto incentrato sulle corse), narra, con ritmi accelerati e frenetici, l’esaltazione mista a mistificazione della folla, disposta ad aspettare un tempo infinito per poi vedere sfrecciare in un manciata di secondi, quando  giunge dall’orizzonte, quel tipetto “basso di statura, al di sotto del normale”. Ed infatti “la gente arriva in mucchio e si stende sui prati, quando corre Nuvolari, quando passa Nuvolari, la gente aspetta il suo arrivo per ore e ore e finalmente quando sente il rumore salta in piedi e lo saluta con la mano, gli grida parole d’amore, e lo guarda scomparire come guarda un soldato a cavallo”.

Un trasporto emotivo che trova l’apoteosi in una canzone, scritta nel 1996, che ricorda Ayrton Senna, pilota di Formula 1, tragicamente scomparso due anni prima in un incidente in pista ad Imola. Un testo, interpretato in prima persona, da leggere tutto d’un fiato: “Il mio nome è Ayrton e faccio il pilota e corro veloce per la mia strada anche se non è più la stessa strada anche se non è più la stessa cosa anche se qui non ci sono piloti anche se qui non ci sono bandiere… E ho deciso una notte di maggio in una terra di sognatori ho deciso che toccava forse a me e ho capito che Dio mi aveva dato il potere di far tornare indietro il mondo rimbalzando nella curva insieme a me mi ha detto “chiudi gli occhi e riposa” e io ho chiuso gli occhi”.

 

Ha dato tanto alla canzone italiana e nel suo piccolo, anche al mondo dello sport che non lo ha dimenticato. La Gazzetta dello Sport, il giorno dopo la sua morte, ha reso omaggio al cantautore intitolando ogni articolo in prima pagina con una sua canzone. La partita di calcio Bologna – Novara, in programma la domenica dopo alle 15.00, fu  spostata alle 18.30, dando la possibilità di essere presenti al suo funerale. La Virtus Bologna che ha intitolato la Curva Ovest dov’era solito guardare i match, è scesa in campo sulle note di “Caruso”.

Tra i tanti messaggi, c’e anche quello dell’allenatore Emiliamo Mondonico. Quel giorno disse:

Sono rammaricato di non essere  potuto andare quando sono morti Lucio Battisti e John Lennon, Lucio  Dalla non potevo non venire a salutarlo. Per me Lucio Dalla è stato molto  importante, ha circa la mia età e perciò mi ricorda la mia vita. E’ un pezzo di noi che viene a mancare

Immagine correlata

E’ il novantesimo, perdiamo 3-2. Punizione per noi, decido di andare nell’ area italiana. Arriva il cross e vedo che il pallone viene verso di me. Lo colpisco proprio bene, al centro della fronte, con forza, verso la porta di Zoff. Per noi è gol, la torcida salta in piedi, è fatta. Ma vedo gli italiani urlare e protestare, poi da terra riemerge Zoff col pallone in mano che strilla “No! No!” , l’ arbitro Klein gli dà ragione. Non era gol, lo ammetto, la palla rimase sulla linea. Cinque centimetri più in là, solo cinque, e avremmo pareggiato e la nostra generazione avrebbe avuto una vita diversa. Invece fu sconfitta: non solo quel giorno, ma per sempre. In Brasile, ancora oggi, siamo quelli che hanno perso. Zoff disse che quella era stata la parata della sua vita. Viceversa, sarebbe stato il gol della mia vita. Cinque centimetri, e tutto sarebbe cambiato

Tutto sarebbe davvero cambiato. A dirlo è Oscar in un’intervista a più di 20 anni da quella memorabile partita. Era il difensore centrale del Brasile edizione Spagna ’82, quello che doveva stravincere i Mondiali, ma allo stadio Sarrià di Barcellona si trovò sulla sua strada Paolo “Pablito” Rossi e la saracinesca di Dino Zoff.
In Brasile i giocatori di quella Nazionale saranno eternamente perdenti, antieroi da rimuovere dai ricordi, sorte beffarda e contraria rispetto al destino dei rivali azzurri che, nell’altro lato del globo, in un piccolo paese a forma di stivale, sono ancora oggi eterni eroi.
In quell’afoso pomeriggio estivo del 5 luglio di Barcellona, tra trombe, coriandoli e cori, abbiamo trattenuto il respiro. L’Italia, bistrattata alla vigilia dallo scandalo scommesse e dopo un primo turno non esaltante, deve battere il Brasile per accedere alla semifinale. Dopo essersi ritrovata in un girone a tre davvero di fuoco, assieme all’Argentina di Maradona, la sfida ai maestri del futbol è davvero ardua, al limite dell’impossibile. Ai verdeoro, con la differenza reti a favore, basta un pareggio.

Italia – Brasile è un turbinio di emozioni: Rossi apre, risponde subito Socrates, ancora Rossi per la doppietta, Falcão rimette in equilibrio il match, ma Pablito non ci sta e firma la tripletta. Il centravanti juventino sbuca e infilza la distratta retroguardia che è inerme, non sa come affrontarlo. Ma in questo susseguirsi di emozioni e patemi si attende la terza rete del Brasile.
E l’occasione arriva al minuto 89 con il colpo di testa di Oscar e la parata felina di Zoff. Dino dirà di aver passato 4-5 secondi terribili perché dopo la parata gli avversari esultavano, lui non vedeva l’arbitro e c’era il rischio che avesse convalidato la rete.

Ma quella parata, quel guizzo istintivo sulla linea, è il suggello di una formidabile carriera per l’estremo difensore nato a Mariano del Friuli il 28 febbraio 1942. A 40 anni, con la fascia da capitano sul braccio, ha vissuto un Mondiale da protagonista: a lui appartiene un record ancora imbattuto, essendo il giocatore più anziano a vincere una coppa del mondo con i suoi 40 anni e 134 giorni.
Un rapporto con la Nazionale vissuto con dignità e professionalità dall’esordio nella vittoria contro la Bulgaria, il 20 aprile 1968, all’alternanza tra i pali con Enrico Albertosi fino al record mondiale di imbattibilità ancora oggi ben saldo, conquistato tra il 1972 e 1974 con 1.143 minuti senza subire gol.

In tutto quattro Mondiali disputati, eterno quello conquistato l’11 luglio 1982, a Madrid, al cospetto di una Germania Ovest spazzata via con un roboante 3-1 firmato da Rossi, Tardelli e Altobelli. Unica macchia, la rete di Breitner al minuto 83.
E poi la coppa portata in trionfo, saldamente tenuta in mano da Zoff, l’esultanza del Presidente della Repubblica, Sandro Pertini, il tre volte “Campioni del mondo” esclamato da Nando Martellini e la memorabile “cartata” sull’aereo di ritorno tra Pertini, Causio, Zoff e il ct Bearzot con pipa in bocca e il luccichio della coppa lì accanto a loro.

Nella titanica impresa di racchiudere un’esistenza in una sola istantanea, beh, forse la carriera di Dino Zoff è tutta lì, in quella parata all’ultimo respiro tra la gioia e la disperazione. Del resto, il suo libro autobiografico pubblicato nel 2014 si intitola così: “Dura un attimo, la gloria”.