Tag

giochi

Browsing

Vi prego non svegliatemi proprio adesso

Un sorriso largo come tutta la O2 Arena di Londra, quello di Mohammed Harkous, in arte ‘MoAubameyang’, che è il nuovo campione della eWorld Cup di Fifa 19, in pratica il mondiale del videogame più amato del pianeta. Nella finale cross console il tedesco ‘MoAuba’ ha sfilato la coppa dal caveau di Mossad ‘MsDossary’ Aldossary, campione in carica. 3-2 il risultato del main event, dopo l’1-1 su Xbox (favorevole al saudita) e il 2-1 su Playstation, la casa del ragazzo del Werder Brema.

Per il cinque volte campione della eBundesliga è il primo, vero acuto internazionale. Oltre la coppa, la gloria e l’impresa di aver portato la Germania per la prima volta in cima al mondo degli eGames, Mohammed ha incassato un assegno da 250 mila dollari (100 mila al secondo classificato).

È un vero e proprio team special quello dei 115 atleti italiani che voleranno ad Abu Dhabi per gli Special Olympics World Games tra il 14 e il 21 marzo prossimo.

La nazionale, che è stata ospitata dal presidente della Camera, Roberto Fico, e dal premier, Giuseppe Conte, presenta un foltissimo gruppo di atleti (il più ampio della storia) che si sfideranno nelle 24 discipline sportive, in una settimana ricca di appuntamenti.

Il presidente del Consiglio, nell’augurare il meglio, ha anche assicurato che chiederà in maniera insistente che la Rai possa trasmettere le gare in chiaro sui propri canali televisivi.

Centosettanta Paesi si sono dati appuntamento negli Emirati Arabi per quella che è una manifestazione sportiva e colturale di rilievo, a dimostrazione che pregiudizi, divisioni e barriere possono essere cancellati e abbattuti.

Quella che si sposterà ad Abu Dhabi sarà una vera e propria macchina organizzativa per quello che sarà il più grande evento sportivo e umanitario dell’anno. Inoltre, è la prima volta che la regione del Medio Oriente e del Nord Africa ospita questa competizione che, tra l’altro, va a braccetto con l’«Anno della tolleranza», inaugurato da papa Francesco lo scorso febbraio con la visita negli Emirati.

 

Per la manifestazione ci saranno ben 7mila atleti, 2500 coach e 20mila volontari, con una stima di oltre 500mila spettatori. Un vero e proprio boom.

La squadra azzurra conta 115 atleti e 39 tecnici. Il team Italia avrà modo di mettere in campo nella stessa squadra atleti con e senza disabilità intellettive in sport come: il basket, le bocce, il bowling, il calcio e la pallavolo.

Tra coloro che sostengono l’Italia c’è una grande ex pluricampionessa come Valentina Vezzali:

Mi sento vicinissima a questa iniziativa perché si parla di sport non solo come veicolo per accrescere il benessere fisico ma anche per consentire alle persone con disabilità intellettive di poter sviluppare abilità e poter raggiungere risultati, che fino a poco tempo fa erano insperati, con coraggio facendo accrescere la loro autostima!

Non ci resta che gustarci le gare e “Forza Italia!”.