Tag

olimpiadi tokyo 2020

Browsing

Dopo l’oro Olimpico a Rio e il Mondiale vinto a Budapest sui 1500 metri, Gregorio Paltrinieri non ha la pancia piena e punta a nuovi obiettivi:

“Alle Olimpiadi di Tokyo nel 2020 – ammette a margine della presentazione del suo libro “Il peso dell’acqua” al Mondadori Megastore di Milano – punto al triplete. Vincere i 1500 che restano la mia gara di punta ma far bene anche negli 800 e nella 10 chilometri in acque libere. Punto a vincere tutto, avversari permettendo”.

Ora Paltrinieri partirà per l’Australia dove si allenerà per i prossimi sei mesi con l’amico Mack Horton, alla ricerca di nuovi stimoli:

“E’ un modo per trovare nuovi stimoli, provare allenamenti diversi, cambiare dimensione. Al record mondiale non ci penso, non è un’ossessione, ma certamente vorrei abbassare i miei tempi e continuare a vincere”.

E da tifoso juventino non poteva mancare una battuta sulla Juve impegnata questa sera contro il Barcellona:

“Le mie paure ai blocchi di partenza a Rio sono come le paure della Juventus sulla Champions League. Le aspettative di dover vincere a tutti i costi possono avere un effetto boomerang. Per questo dico alla Juventus di non avere paura e di affrontare questa competizione con cuore leggero. Restiamo una delle squadre più forti d’Europa”

”Ho deciso che parteciperò alle Olimpiadi di Tokyo 2020. Alla fine ho capito che la sfida è con se stessi e questa scelta l’ho fatta per me: non potevo smettere quello che ho fatto per una vita e finire con un ricordo così, un quarto posto, una medaglia mancata di pochissimo a Rio. Non volevo chiudere la mia carriera così”.

Così Federica Pellegrini in un’intervista al settimanale “Chi” nel numero in edicola domani, dichiara la sua intenzione di continuare a gareggiare fino ai prossimi giochi olimpici, smentendo così le voci di un suo possibile ritiro.

‘Una donna sente quando arriva il momento anche per fare dell’altro – le parole della nuotatrice veneta – Forse ho deciso di spostare tutto in avanti proprio perché quel momento per me non è ancora arrivato, non mi sento pronta a spostare l’attenzione sulla famiglia. Ma io non è che mi sento in ritardo rispetto a una tabella di marcia prestabilita. Forse ho scelto di continuare a nuotare anche perché voglio farlo nel migliore dei modi e la vittoria di dicembre (ai Mondiali in vasca corta a Windsor, in Canada, ndr) mi ha aiutato in parte a cancellare quel brutto ricordo. Non è ancora il momento – ha concluso Pellegrini – di fare un’altra vita”.