Warning: stripos() expects parameter 1 to be string, array given in /home/customer/www/mondiali.it/public_html/wp-includes/functions.wp-styles.php on line 90

Warning: trim() expects parameter 1 to be string, array given in /home/customer/www/mondiali.it/public_html/wp-includes/functions.wp-styles.php on line 101
Ryder cup Archives - Mondiali.it
Tag

Ryder cup

Browsing

Un 2018 da incorniciare un po’ com’è stato il 2010 per la sua Inter.

Una stagione al top per il golfista Francesco Molinari che, con la vittoria del Race to Dubai, conquista il suo personale “triplete” così com’è successo alla sua squadra del cuore otto anni fa, aggiudicandosi la palma di miglior giocatore europeo.

L’azzurro è sicuramente l’atleta italiano che più si è messo in luce in questo 2018 sportivo a livello sia continentale che mondiale.

Negli Emirati è arrivata anche un’altra bella vittoria, che si va ad aggiungere a quanto fatto di buono finora. Non è, infatti, la prima volta che il piemontese fa la voce grossa su campo quest’anno: ne sono una prova l’Open Championship e la Ryder Cup.

In quest’ultima, il 36enne torinese ha guidato il team europeo alla conquista dell’importantissimo torneo che mette di fronte i golfisti del vecchio continente e gli americani. Durante il torneo Molinari ha trascinato gli europei e ha avuto anche l’onore di ottenere un orgoglioso record personale, come quello di vincere 5 incontri su 5 disputati.

A livello individuale il grande salto l’ha fatto grazie al trionfo del 22 luglio scorso nel più antico torneo major: l’Open Championship in Gran Bretagna. Un vera e propria vittoria per il golf e per lo sport azzurro, dove nessuno mai era riuscito a imporsi. Ed è per questo che ci vorrà un bel po’ di tempo per realizzare ciò che è riuscito a fare Molinari in questa straordinaria stagione.

Francesco Molinari dopo la vittoria all’Open Championship 2018

Annata ricca partita con la conquista del Bmw Pga Championships  in Inghilterra a maggio, per poi passare per il Quicken Loans National, diventando così anche il primo italiano a vincere nel Pga Tour statunitense, prima dei due capolavori agli Open e alla Ryder Cup.

Ci ha ben abituati Chicco Molinari alle sue “prime volte”. A 22 anni diventa professionista e appena 2 anni dopo conquista il primo trofeo professionale della sua carriera: l’Open d’Italia del 2006, diventando il primo italiano a imporsi nel torneo di casa dal 1980 (ne vincerà un altro nel 2016). Da lì in poi saranno tutte sorprese fino a questo grande 2018.

Uno straordinario percorso sportivo culminato con l’affermazione alla Race To Dubai in cui Francesco Molinari diventa il migliore golfista europeo della stagione affermandosi sempre di più nel Gotha del golf mondiale, così com’è stata la sua Inter del 2010. Una sensazione che lui stesso non riesce a spiegare.

È l’Europa a trionfare nella 42esima edizione della  Ryder cup di golf, con un super Chicco Molinari.

In effetti è stato proprio l’italiano l’assoluto protagonista di questa edizione in cui i golfisti del vecchio continenti hanno sconfitto i statunitensi.

Record per il nostro Chicco: il torinese ha vinto tutti e 5 gli incontri che ha disputato sul par 72 del Le Golf National di Saint-Quentin-en-Yvelines, a pochi chilometri dal centro di Parigi. È il primo atleta europeo ad aver realizzato questo strepitoso filotto di successi nella Ryder Cup.

Un’annata più che soddisfacente per il golfista azzurro, soprattutto per la vittoria dell’Open Championship e ora in pianta stabile tra i campioni più forti del pianeta.
Vittoria numero 14 per l’Europa, la quarta nelle ultime cinque edizioni.

La partecipazione alla Ryder Cup è stata una gran bella vetrina e lui è stato un degno protagonista. Dopo il record fatto segnare nei doppi con quattro incontri vinti su quattro giocati (in coppia con l’inglese Tommy Fleetwood), ha aggiunto il quinto nel singolo.

omaggiare il golfista piemontese, tutto il gruppo degli europei e i tifosi, i quali hanno pienamente riconosciuto la grande prestazione e hanno festeggiato la vittoria

A vittoria ottenuta, il nostro Chicco si è lasciato andare tra la folla dei tifosi presenti sul campo da golf. Un urlo liberatorio e il sorriso di chi sapeva di aver ottenuto un grande risultato

Il grande stato di forma l’ha messa a disposizione del team europeo e tra le sue migliori performance di questo torneo non bisogna dimenticare le sfide vinte contro Tiger Woods. L’americano è stato sconfitto per tre volte nei match doppi sotto i colpi di SuperChicco.

L’Europa torna a vincere in Ryder dopo il passo falso a Chaska nel 2016.