Tag

play off

Browsing

Dopo il pareggio casalingo con la Macedonia e il successo in Albania nelle ultime due gare della fase a gironi delle qualificazioni mondiali, l’Italia guadagna due posizioni e si porta al 15° posto del Ranking FIFA, che vede sempre in testa la Germania davanti a Brasile e Portogallo. Il Perù (10°) è per la prima volta nella top ten, dove rientra anche la Spagna, che guadagna tre posizioni attestandosi all’ottavo posto. Entra fra le prime 50 nazionali del ranking anche Panama (49ª), reduce dalla storica qualificazione al Mondiale.

In base al posizionamento nel Ranking, come previsto la Nazionale sarà tra le quattro teste di serie domani a Zurigo (ore 14) al sorteggio per il play off Mondiale che assegnerà gli ultimi quattro posti ‘europei’ per Russia 2018. Agli spareggi, in programma dal 9 al 14 novembre, gli Azzurri affronteranno quindi una tra Svezia, Irlanda, Irlanda del Nord e Grecia.

FIFA World Ranking

1) Germania 1631 (-)
2) Brasile 1619 (-)
3) Portogallo 1446 (-)
4) Argentina 1445 (-)
5) Belgio 1333 (-)
6) Polonia 1323 (-)
7) Francia 1226 (+1)
8) Spagna 1218 (+3)
9) Cile 1173 (-)
10) Perù 1160 (+2)
11)  Svizzera 1134 (-4)
12)  Inghilterra 1116 (+3)
13)  Colombia 1095 (-3)
14)  Galles 1072 (-1)
15)  ITALIA 1066 (+2)

Dopo la battuta di arresto, l’Italia riprende il cammino verso i Mondiali con una vittoria importante (1-0) contro Israele, firmata da un gol realizzato nella ripresa da Ciro Immobile. Vittoria che consolida il secondo posto degli Azzurri con 19 punti alle spalle della Spagna (22) e allontana l’Albania e avvicina i play off.

La squalifica di Bonucci e il forfait di Spinazzola costringono Ventura a cambiare la difesa azzurra; stesso modulo con due novità rispetto alla Spagna: Conti sulla fascia destra e Astori al centro della difesa in coppia con Barzagli, mentre Darmian si sposta a sinistra della porta difesa da Buffon; a centrocampo De Rossi e Verratti, in attacco la coppia Immobile-Belotti, sulle linee esterne Candreva a destra e Insigne a sinistra.
L’Italia ha il compito di ripartire e riprendere il discorso interrotto dal passo falso di sabato scorso al ‘Santiago Bernabeu’, soprattutto l’obbligo di vincere per blindare il secondo posto e l’accesso ai play off. Israele non è la Spagna, è reduce da tre sconfitte consecutive, delle quali l’ultima con la Macedonia, e si permette anche il lusso di escludere il suo miglior talento Zahavi per questioni disciplinari.

Gli Azzurri partono subito con le migliori intenzioni, o almeno così sembra. Dopo appena 47 secondi sfiora il gol Belotti, ma si tratta solo di una fiammata. Israele chiude bene le linee di passaggio, protegge con autorità la propria porta e riesce addirittura a creare ben tre occasioni da gol, l’ultima al 41’ che chiama Buffon ad una risposta da campione.

Insomma l’Italia fatica, proprio come accadde nella gara di andata, poi vinta 3-1. Ma riesce a chiudere il primo tempo con un colpo d’ala di Insigne da distanza ravvicinata, sulla quale è bravo Harush ad intercettare col piede sinistro. Si apre con gli Azzurri in avanti anche la ripresa. Nel giro di tre minuti due le occasioni pericolose create dagli uomini di Ventura, la prima con De Rossi e la seconda con Immobile. Ed è proprio quest’ultimo – dopo l’ingresso al 4’ di Zappacosta al posto di Conti – a portare l’Italia in vantaggio all’8’ andando ad attaccare di testa il secondo palo, su preciso cross di Candreva dalla destra.

Più autoritaria, più concentrata, più determinata, la squadra azzurra che continua a proporsi nell’area israeliana. Dopo un provvidenziale recupero di Zappacosta al 20’ su un contropiede degli avversari, l’Italia va vicinissima al raddoppio con un  colpo di testa di Belotti neutralizzato al 23’ da Harush. Prosegue l’assedio da parte degli Azzurri con Barzagli, a caccia della prima rete con la maglia della nazionale, e ancora con Belotti in due incursioni offensive. Poi l’Italia rischia al 41’ con un contropiede di Ben Chaim, ma è attento Buffon. Ultimi minuti, spazio per Bernardeschi al posto di Candreva e Montolivo in sostituzione di Verratti. E arriva anche il triplice fischio.

sorteggio play off

Si terrà alle ore 14 di martedì 17 ottobre a Zurigo il sorteggio dei play off che assegnano gli ultimi posti riservati alle nazionali europee per la Fase Finale della Coppa del Mondo di Russia 2018. Lo ha ufficializzato la FIFA, ricordando che le 8 migliori seconde classificate dei 9 gironi del continente europeo si affronteranno in gare di andata e ritorno tra il 9 e il 14 novembre. Le otto squadre che parteciperanno agli spareggi saranno suddivise in due urne: nella prima saranno inserite le teste di serie, ovvero le quattro nazionali con il miglior Ranking Fifa sulla base della classifica aggiornata al 16 ottobre, che non potranno affrontarsi fra loro.

Dopo il successo di ieri con Israele, all’Italia basterà conquistare un punto nelle ultime due gare del Gruppo G con Macedonia e Albania per avere l’aritmetica certezza di arrivare seconda nel proprio girone. Molto più complicato raggiungere il primo posto che garantirebbe l’accesso diretto al Mondiale, visto che la Spagna ha tre punti in più degli Azzurri ed è in vantaggio anche negli scontri diretti e nella differenza reti.