Tag

Pallavolo

Browsing

Se vinci la Coppa Italia volley è già una gioia, specie se ciò avviene al tie break e dopo una rimontona. È quello che è successo al Perugia nella finale contro la Lube Civitanova sul campo neutro di Bologna.

A sorridere è la Sir Safety Conad Perugia che, al quinto set, è riuscita a trionfare per quello che è il secondo trofeo nazioanle consecutivo.

Nuova delusione, invece, per la Lube Civitanova che si vede ancora negata una vittoria che all’inizio è sembrata in discesa. I marchigiani, infatti, sono partiti con la conquista dei primi due set, poi c’è stato il ribaltone da parte di Perugia.

Risultati immagini per perugia civitanova
Ancora vittoria per la Sir Perugia

Per i cucinieri ennesima sconfitta degli ultimi mesi. Tra il 2018 e in queste prime settimane del 2019 le finali perse sono addirittura sette. Il flop nella finale di Coppa Italia si va ad aggiungere alle cinque della scorsa stagione e al Mondiale per Club contro Trento.
Una vera e propria maledizione che non tende a smettere.

Da Bari a Bologna, la Sir Perugia ottiene un bel bis

Per i perugini il doppio 21-25 subito nei primi due set non hanno scomposto la squadra che, anzi, ha saputo riorganizzarsi e cambiare l’inerzia del match guidati dal cubano naturalizzato polacco, Leon, il quale ha saputo dare il colpo vincente del 26-24 al terzo set. Per il resto la gara è stata molto equilibrata con la Lube che non è riuscita a chiudere la partita al quarto set per poi capitolare al tie break.

 

 

 

 

 

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

What a game yesterday! I’m so happy with this victory in #delmontecoppa🏆🥇The TEAM has made it🔥💪🏾Thanks for the support to @sirmaniaciofficial 👏🏾

 

Un post condiviso da Wilfredo León Venero (@wilfredo_leon_official) in data:

 

«Campioni del Mondo, sul tetto del Mondo, sul tetto del Mondo», quella sera, anzi quella notte ormai profonda in Italia, il telecronista della Rai, Jacopo Volpi, prese “in prestito” la frase storica e celebre del collega Nando Martellini, la modificò leggermente, per festeggiare il titolo mondiale della Nazionale italiana di pallavolo. Il primo Mondiale vinto dall’Italia che tre inanellerà tre titoli iridati consecutivi assieme ad Atene 1994 e Tokyo 1998. Una generazione di fenomeni che la sera del 28 ottobre 1990 ebbe consapevolezza della sua forza, irraggiungibile per gli avversari.

Quell’anno gli azzurri volarono in Brasile (dove si svolser il campionato del mondo) da campioni europei, ma nel torneo sudamericano i favoriti erano i padroni di casa, gli Stati Uniti d’America, l’Unione sovietica e Cuba, inserita nello stesso girone dell’Italia e trainata dal portento Joel Despaigne, detto “el Diablo”. Il cammino nel gruppo D del team allenato da Julio Velasco partì in discesa con due facili vittorie con Camerun (3-0) e Bulgaria (3-1), ma il primo, pesante stop, fu proprio contro la Nazionale cubana che non lasciò all’Italia nemmeno le briciole: 3 set a 0, che non precluse l’accesso alla fase successiva, ma ridimensionò il sogno azzurro.
Tuttavia, l’aver dovuto disputare un turno in più, a fine torneo, diede ai ragazzi coraggio e maturità. Superate, infatti, agevolmente la Cecoslovacchia agli ottavi e l’Argentina ai quarti (doppio 3-0), l’Italia ha affrontato, in semifinale, il Brasile trascinato dai tifosi locali.

Risultati immagini per mondiali volley 1990

 

Al Maracanazihno la sfida fu tosta, una battaglia sfibrante giocata ribattendo colpo su colpo. Sono 20mila, i tifosi brasiliani che sostennero i padroni di casa, ma il match arrivò al quinto set, dove, in un’atmosfera tiratissima fu Lucchetta a realizzare il punto del matchball. Finale proprio contro Cuba, proprio contro Despaigne, ma il 28 ottobre 1990, la storia prese una curva differente dalla sfida persa malamente qualche giorno prima. L’Italia, uscita indenne dalla bolgia verdeoro, capì di essere pronta, spalle larghe per tenere botta e reagire. Cuba non fece più paura, dopo esser arrivati fin là facendosi una «mazzo tanto così» (diranno i giocatori e l’allenatore più volte in futuro).
Così iniziò la finale con Cuba che vinse in scioltezza il primo set, ma l’Italia, sempre lì, reagì vincendo sia il secondo che il terzo set. Il quarto fu giocato punto su punto, l’equilibrio non si spezzò, fin quando Lucchetta riuscì a intercettare un pallone che diventa giocabile, fu alzato da Tofoli, perfetto per la fucilata di Bernardi, una schiacciata solamente deviata dal muro cubano.

Risultati immagini per mondiali volley 1990

 

Italia campione del Mondo per la prima volta, Lucchetta eletto miglior giocatore del torneo, Gardini che esulta salendo sul seggiolone dell’arbitro, inaugurando una tradizione, ma ci sono anche Zorzi, Tofoli, Anastasi, Giani, fino ad arrivare all’allenatore Julio Velasco, soprannominato “Giulio Cesare”. E’ stata la Nazionale di volley più forte di sempre con una piccola eterna pecca: non aver mai vinto un’Olimpiade.

Questa volta le lacrime sono solo di dolore. A una settimana dalle emozioni delle ragazze della pallavolo con l’argento in Giappone, lo sport italiano piange la morte di Sara Anzanello. Medaglia d’oro con l’Itavolley ai Mondiali del 2002, l’atleta, 38 anni, originaria di San Donà di Piave (Ve), aveva combattuto contro una grave forma di epatite fino al trapianto di fegato. Poi una leucemia le è stata fatale.

La sua carriera, divisa tra Novara e l’esperienza in Azerbaigian a Baku, è stata ricca di successi, oltre il primo posto mondiale. Scende in campo con la Nazionale per 278 volte in cui vince anche 2 Coppe del Mondo, due argenti e due bronzi nel World Grand Prix, un secondo posto agli Europei. Nel 2006 è eletta “Miglior Muro” durante il World Grand Prix. A livello di club, tra le altre, ha alzato 3 Coppe Italia, una Supercoppa italiana, una Coppa Cev e 2 Top Teams Cup.

Dopo la malattia, contratta in Azerbaigian nel 2013, Sara Anzanello era tornata a giocare a Novara e aveva lavorato con il Club Italia. Poi, nel 2016, il ritiro dalla pallavolo. Fino ai suoi ultimi giorni non ha mai abbandonato il volley, seguendo incollata alla tv le imprese di Paola Egonu e compagne. Sara sapeva come vincere un Mondiale, visto che nel 2002 era stata tra le protagoniste del trionfo azzurro in Germania.

Quando aveva lasciato la pallavolo, due anni fa, aveva commentato:

Sono la persona più felice della terra, questi ultimi 30 mesi per me non sono stati semplici, sono ripartita dalle piccole conquiste quotidiane come mangiare e camminare. Ora riesco anche a fare pesi e provo a giocare

Poi, un nuovo male, una nuova battaglia, le cure e la lotta per provare a vincere la sua partita. Sul suo profilo facebook, nelle ultime ore, è stata pubblicata una lettera in cui Sara Anzanello manifestava tutto il suo amore non solo per la pallavolo, ma per la vita:

Cos’è la cosa che vorresti più di ogni altra, il tuo sogno nel cassetto, il tuo desiderio più grande? Il mio sogno è vivere. Semplicemente vivere, passeggiare, stare all’aria aperta, un bel bagno in un mare limpido, la sabbia sotto i piedi, la neve candida che mi circonda in una giornata invernale di sole, i miei quadri, la mia cucina, il mio piccolo orto sinergico, una serata con la mia famiglia e con le persone a cui voglio bene

 

 

 

 

Contro la Serbia è arrivata la prima sconfitta di questo Mondiale, ma al di là del risultato ininfluente, l’Italia può consolidare una grande certezza: la nostra Paola Egonu è tra le superpotenze del mondo in questo momento. Galvanizzata anche dallo scontro contro la rivale Tijana Boskovic (29 punti contro le Azzurre), la schiacciatrice italiana ha messo a referto 28 punti. Medie da cecchino che, nel complesso, le valgono il primato nel Mondiale in Giappone nella classifica totale.

Ma quindi Tijana Boskovic da Trebinje o Paola Egonu da Cittadella? Il primo round di questa entusiasmante sfida ha visto trionfare la serba con la possibilità del re-match o in finale o per la finalina del terzo posto. L’azzurra è più giovane di 21 mesi e questo pesa non solo per la differenza all’anagrafe, ma anche per le esperienze professionali acquisite. Boskovic nelle ultime due stagioni si è messa al collo l’argento olimpico di Rio, nella finale persa contro la Cina, e l’anno scorso l’oro europeo conquistato in Azerbaigian.

Immagine correlata

Diverso il cammino di Paola che si è ritagliata un ruolo importante nella Nazionale italiana a suon di bordate, ma che finora può vantare un’unica medaglia pesante nel suo palmares con l’Italia seniores, la medaglia d’argento conquistata nelle finali di Nanchino del Grand Prix 201.

Ora, spetta alle due campionesse darsi battaglia per la fase conclusiva del torneo. Ormai ci siamo: venerdì 19 ottobre, a Yokohama, si giocano le semifinali. In palio due posti per la finale. Alle 6.40 Serbia – Olanda, alle 9.10 Italia – Cina.

Erano già sicure di accedere alla Final Six di Nagoya, ultima fase del Mondiale in Giappone, e questo dimostra quanta fame e grinta hanno le ragazze della Nazionale femminile di pallavolo. Ora, battendo le campionesse de mondo in carica, si sono assicurate anche il primo posto nel Pool F. Ancora imbattute, alla nona vittoria consecutiva. L’Italia allenata da Davide Mazzanti ha battuto gli Stati Uniti per 3-1 (25-16 25-23 20-25 25-16), chiudendo a punteggio pieno e da prime della classe, e mettendo in difficoltà le americane che rischiano di l’eliminazione se la Russia dovesse battere la Cina.

 

A Osaka le ragazze di Mazzanti sono state trascinate da una immensa Paola Egonu, capace di mettere a referto ben 25 punti. Ottima prova anche della Sylla (16). Mazzanti si è affidato al sestetto tipo: Malinov in palleggio, Egonu opposto, Sylla e Bosetti in banda, centrali Danesi e Chirichella, libero De Gennaro.

La classifica del Pool F, infatti, è questa:

Alle semifinali accederanno le prime due di questi due gironi. Ora non ci si può più nascondere: a Nagoya (14-16 ottobre) le azzurre di ci arrivano da favorite. Nel corso del torneo, l’Italia ha concesso soltanto tre set alle squadre avversarie. Le Final Six si disputeranno a Nagoya dal 14 al 16 ottobre. Saranno composte da due gironi triangolari composti tramite sorteggio che qualificheranno alle semifinali le prime due classificate. Le finali si disputeranno invece a Yokohama dal 19 al 20 ottobre.

 

La prima della pool E e l’Italia verranno inserite una nella pool G e l’altra nella pool H. In seguito verranno sorteggiate le terze classificate delle pool E e F (una nel girone G e l’altra in quello H), nel caso la terza della pool E finisca nello stesso gruppo di 1E (di conseguenza 3F insieme a 1F), le seconde classificate di E e F verranno inserite automaticamente nel girone dove sono presenti le squadre non ancora affrontate, per es: Pool G (1E, 3E, 2F), Pool H (1F, 3F, 2E). Nell’altro caso, invece, si procederà al sorteggio normale tra le due seconde.

L’Italia femminile di pallavolo è tra le migliori sei al mondo. Ancora una nuova grande prestazione delle ragazze azzurre ai Mondiali in Giappone: a Osaka sconfitta 3-1 la Russia (22-25, 25-20, 25-18, 25-22) e ottava vittoria consecutiva per una Nazionale in rosa ancora imbattuta. L’Italia è così matematicamente qualificata alle Final Six di Nagoya tra il 14 e il 16 ottobre. Domani l’Italvolley sarà impegnata contro gli Stati Uniti per giocarsi il primo posto nella Pool F (ore 9.10).

 

Il simbolo delle ragazze di Davide Mazzanti è Paola Egonu, devastante contro le russe con 29 punti (25 diretti, 2 muri, 2 aces). Ma è l’intero gruppo a meritare gli applausi, da Sylla a Chirichella passando per Bosetti e Malinov. La partita contro la Russia ha lo stesso copione di quella vinta contro la Cina. Dopo il primo set perso, le azzurre non si perdono d’animo, iniziando lentamente ma inesorabilmente la rimonta.

Paola Egonu

Primo parziale punto a punto, le russe confermano la loro grande tradizione pur prive di Kosheleva e Goncharova. L’Italia resta incollata al punteggio, ma pecca in attacco, lasciando via libere alle avversarie (22-25). Nel secondo set, l’inerzia non sembra cambiare. La Russia gioca bene, senza impacci, la Nazionale di Mazzanti si aggrappa a Egonu ma non è sufficiente. E’ solo, però, un’impressione. Sull’11-16, break decisivo delle azzurre che risalgono la china con Egonu e Sylla piazzando un filotto di 8-0 fino al 23-19 (25-20 il finale).

 

Il muro che chiude il secondo set è il prologo del Paola Egonu show nel terzo. La schiacciatrice di Novara è un rullo compressore, salgono in cattedra anche De Gennaro in difesa, Bosetti al servizio, Sylla al muro. Le russe non ci capiscono più niente e il punteggio ne è la conseguenza (25-18).

8 su 8 finora per l’Italvolley in Giappone

 

Nell’ultimo set la squadra di coach Pankov parte bene, cercando di restare nel match (9-12). Ma contro la difesa italiana, con una super Chirichella al muro, c’è poco da fare. Ancora Paola Egonu e ancora Miriam Sylla. Nonostante qualche errore di troppo nel finale, l’Italvolley chiude la gara sul 25-22.

 

È pieno di errori da ambo le parti l’avvio del quarto set. La Russia mantiene un buon +3 fino al 9-12, Chirichella impatta con l’ennesimo muro e sorpassa in attacco. Sylla torna protagonista per il 20-17, Egonu stende Startseva con il 21-19 e fa l’ace del 22. Ancora suo il 24 prima di tre errori che rimettono in gioco le russe che poi sbagliano il servizio: 25-22, 3-1 e Final Six garantite.

 

 

 

 

E sono tre su tre.

Gran bell’inizio di Mondiale per l’Italvolley femminile in Giappone che, dopo le vittorie contro Bulgaria e Canada, hanno sconfitto anche Cuba ancora con un secco 3-0. I parziali: 25-11; 25-18; 25-20.

Le azzurre salgono così alla guida del Pool B con 9 punti e zero set persi. Domani ci sarà la Turchia, squadra sicuramente più attrezzata rispetto a quelle affrontate fino ad ora e Cina. La nazionale turca è allenata da un italiano doc come Giovanni Guidetti.

In occasione del match contro la nazionale caraibica, il commissario tecnico Davide Mazzantini ha optato per nuovi schemi e sistemi che potrebbero essere utili anche in vista delle prossime uscite.

Per esempio una delle punte di diamante di questa nazionale, Paola Egonu, è stata adattata come schiacciatrice e per lei top scorer della serata con 15 punti messi a segno, con un ottimo 76,4% in attacco (13 su 17), oltre a un muro e a un ace.

Bene anche Anna Danesi (11 punti e 8/10 in fase offensiva), la quale sta trovando un buon feeling con Malinov.

Soddisfatta della bella vittoria anche Cristina Chirichella che già pensa al prossimo match contro le turche:

Abbiamo giocato molto bene, siamo state concentrate sulla partita e così abbiamo vinto 3-0: siamo soddisfatte del nostro gioco. Sappiamo come gioca la Turchia, ma anche loro conoscono noi: faremo del nostro meglio.

Ancora una vittoria per l’Italvolley che a Firenze cala il poker battendo anche la Repubblica Domenicana con un secco 3-0.

Per gli uomini di Blengini dunque, dopo il trionfo in rimonta contro l’Argentina, arriva anche il successo contro  il fanalino di coda del girone Pool A. Gli azzurri non hanno mai realmente sofferto e il match è sempre stato sotto controllo.

Un netto 25-12, 25-18 e 25-15 grazie a uno scatenato Juantorena (autore di 17 punti e miglior marcatore azzurro), che si conferma dopo l’ottimo match giocato con l’Argentina.
Bene anche il solito Zaytsev, per lo Zar non sono queste le partite dove va cavalcato tutto il suo potenziale: “solo” 12 punti e il 73% in attacco.

I numeri della punta di diamante di questa nazionale sono importanti e devono essere da bigliettino da visita per la fase finale del Mondiale. Per Zaytsev infatti questo mondiale può essere quello della riscossa dopo l’esclusione agli Europei.

I numeri dello Zar sono impressionanti: 11 ace messi a segno nelle prime quattro partite, gli ultimi due messi a segno proprio contro gli americani. Mentre a livello di punteggi Ivan ha totalizzato già 64 punti, piazzandosi in classifica generale vicino allo statunitense Matthew Anderson e allo sloveno di Modena Urnaut.

Numeri importanti anche per un altro simbolo i questa Italvolley: Osmany Juantorena. L’azzurro ha dimostrato di poter essere un valore aggiunto di questo gruppo e ciò la dimostrato soprattutto nel match vinto in rimonta contro l’Argentina dell’ex Velasco.

Ora si attende solamente l’ultima gara contro la Slovenia per decretare la squadra vincente del gruppo. Dopodiché c’è da scoprire chi sarà la prossima squadra da affrontare nella seconda fase che inizierà venerdì a Milano.

A caccia del tris, mettendo da parte i sentimenti. L’Italia del volley torna in campo per la terza partita dei Mondiali, incrociando l’Argentina di Julio Velasco alle 21.15 al Mandela Forum di Firenze (diretta Rai 2).

Match da non fallire per proseguire la strada finora immacolata del torneo iridato: i ragazzi di Blengini hanno, infatti, liquidato abbastanza agevolmente Giappone e Belgio nelle prime due gare della competizione con il medesimo punteggio (3-0). L’Albiceleste è a quota due punti in classifica: sconfitta con la squadra di coach Anastasi (1-3) e vittoria in scioltezza contro la Repubblica Dominicana (3-0).

Ecco la situazione nella Pool A:

Italia 2v 6p, Slovenia 2v 6p, Belgio 1v 3p, Argentina 1v 3p, Giappone 1v 3p, Repubblica Dominicana 0v 0p

Ivan Zaytsev, protagonista del match contro il Belgio

Italia Argentina non può solo essere una sfida dei Mondiali di volley, ma è soprattutto la gara tra la Nazionale Italiana e il suo mentore, l’allenatore che più di ogni altro ha influenzato il modo di agire e di pensare non solo della pallavolo ma dell’intero sport azzurro.

Julio Velasco incarna l’essenza autentica dello sport: tecnico, psicologo, motivatore, pensatore straordinario. Ha guidato la generazione dei fenomeni degli anni ’90, quella a cui è mancato solo l’oro olimpico ma che ha segnato il decennio d’oro del volley tricolore. Due Mondiali, tre Europei, 5 World League, una Coppa del Mondo, un argento olimpico ad Atlanta ’96. Velasco ha anche allenato la Nazionale femminile nella stagione 1997-1998. What else?

Julio Velasco, ct dell’Italia negli anni ’90

Dopo il derby (vinto) contro un altro coach azzurro, Andrea Anastasi oggi alla guida del Belgio, il Mandela Forum di Firenze ospita una nuova sfida nostalgica e dal sapore speciale anche per Gianlorenzo Blengini. Proprio contro l’Argentina l’attuale tecnico italiano debuttò sulla panchina della Nazionale nel 2015. E ancora contro la Selección gli Azzurri hanno rimediato una brutta figura (0-3) nella Nations League a San Juan lo scorso giugno.

Il coach azzurro, Gianlorenzo Blengini

Le altre big dei Mondiali di volley non steccano: dopo l’esordio positivo degli Azzurri di Blengini contro il Giappone, obiettivo centrato all’esordio anche per Brasile, Polonia, Russia e Usa mentre la sfida nostalgia tra Anastasi e Velasco va al tecnico mantovano. E oggi torna in campo la Nazionale Italiana, attesa proprio dalla sfida contro il Belgio di Anastasi.

Il Belgio ha superato l’Argentina 3-1

Nella giornata di mercoledì 12 settembre, nel girone dell’Italia (Pool A), il derby nostalgico tutto azzurro tra Andrea Anastasi e Julio Velasco va al Belgio che sconfigge agevolmente 3-1 l’Argentina (25-19; 25-19; 22-25; 25-19) a Firenze. Determinanti, per la vittoria belga, le prestazioni di Sam Deroo (21 punti), Bram Van Den Dries (17), Simon Van De Voorde (12, 7 muri) e Tomas Rousseaux (12), uomini da seguire bene nella sfida di questa contro l’ItalVolley che vale un pezzo di primato. Nello stesso gruppo successo della Slovenia contro la Repubblica Dominicana (3-1: 22-25; 25-13; 25-13; 25-17).

POOL A (a Roma e Firenze): Italia 1 vittoria (3 punti), Belgio 1 vittoria (3 punti), Slovenia 1 vittoria (3 punti), Argentina 0 vittorie (0 punti), Repubblica Dominicana 0 vittorie (0 punti)

Nella Pool B, a Rose in Bulgaria, vince il Brasile campione olimpico che passeggia sull’Egitto (3-0: 25-17, 25-22, 25-20). Debutto in scioltezza anche per la Francia contro la Cina (3-0: 25-20, 25-21, 25-17) e per il Canada sull’Olanda (3-0: 25-15, 25-23, 25-18).

POOL B (a Ruse): Brasile 1 vittoria (3 punti), Francia 1 vittoria (3 punti), Canada 1 vittoria (3 punti), Paesi Bassi 0 vittorie (0 punti), Cina 0 vittorie (0 punti), Egitto 0 vittorie (0 punti)

Nel girone C, i fari erano tutti puntati sul PalaFlorio di Bari con la sfida tra Stati Uniti e Serbia: vincono gli americani dopo 134 di una partita e un tie break (3-2: 15-25; 25-14; 21-25; 25-20; 15-10). Non è bastato agli slavi il doppio vantaggio, prima per 1 set a 0 e poi 2-1: decisivi, per gli Usa, i 19 punti di Matt Anderson e Aaron Russell, da segnalare per la Serbia le prestazioni di Kovacevic (19 punti) e Atanasijevic (14). Nello stesso raggruppamento vittorie anche per i campioni d’Europa della Russia contro l’Australia (3-0: 25-21; 25-20; 25-16) e del Camerun contro la Tunisia (3-0: 25-20, 28-26, 25-21).

Gli Usa  hanno superato la Serbia dopo oltre due ore di gara

POOL C (a Bari): Russia 1 vittoria (3 punti), Camerun 1 vittoria (3 punti), USA 1 vittoria (2 punti), Serbia 0 vittorie (1 punto), Australia 0 vittorie (0 punti), Tunisia (0 punti)

Infine la Pool D, il girone dei padroni di casa della Bulgaria in programma a Varna: sorrisi per i campioni del Mondo della Polonia che superano Cuba 3-1 (25-18, 25-19, 21-25, 25-14) e per l’Iran che liquida 3-0 Portorico (25-19, 25-14, 25-18).

POOL D (a Varna): Bulgaria 1 vittoria (3 punti), Polonia 1 vittoria (3 punti), Iran 1 vittoria (3 punti), Cuba 0 vittorie (0 punti), Finlandia 0 vittorie (0 punti), Porto Rico 0 vittorie (0 punti)

La partita di questa sera tra Italia e Belgio, in programma alle 21.15 al Mandela Forum di Firenze con diretta su Rai 2, è già uno scontro diretto decisivo per la leadership della Pool A: i ragazzi di coach Gianlorenzo Blengini devono archiviare la bella vittoria contro Giappone nell’esordio del Foro Italico di Roma e concentrarsi sulla sfida contro l’ex di lusso, coach Andrea Anastasi, alla guida della Nazionale italiana tra il 1999 e il 2003 e il 2007 e il 2010. Decisivi, oltre alla vittoria, anche i set concessi agli avversari nell’economia del primato del gruppo. L’Italia non vince un Mondiale da vent’anni, da Giappone 1998, quando conquistò il tuo terzo titolo consecutivo sconfiggendo la Jugoslavia 3-0. In panchina per gli Azzurri c’era coach Bebeto, recentemente scomparso. 

Coach Anastasi quando era alla guida dell’Italvolley