Tag

gp di azerbaijan

Browsing

Prima fila Mercedes nel Gp dell’Azerbaigian. Lewis Hamilton ha conquistato la pole position davanti al compagno di squadra Valtteri Bottas. Terza la Ferrari di Kimi Raikkonen davanti all’altra Rossa di Sebastian Vettel.

Per Hamilton la 66a pole in carriera, ormai a sole due dal record assoluto di Michael Schumacher anche il record di avere la pole in tutti i circuiti del calendario.

 

“È stato uno dei giri più entusiasmanti della stagione”. Parola di Lewis Hamilton che, al termine delle qualifiche del Gran Premio d’Azerbaigian, esalta la sua pole position e ringrazia gli uomini della Mercedes. “Ho faticato a portare in temperatura le gomme – ammette poi il pilota britannico – E quando sono arrivato all’ultima curva, ho sperato che bastasse. La gara di domani sarà lunga e difficile, ma la prima posizione è certamente la cosa migliore. Ringrazio anche tutti i miei tifosi”.

La Ferrari limita i danni e nella giornata in cui la Mercedes monopolizza per la seconda volta la prima fila, si accomoda in seconda, respingendo l’attacco di Max Verstappen che voleva mettersi tra le due rosse. Il più veloce alla fine è Kimi Raikkonen, ma il finlandese è distante ben 1″1 da Hamilton, ma di 148 millesimi davanti a Sebastian Vettel.

“Ovviamente non siamo contenti, potevamo far meglio, ma il terzo posto era il massimo che oggi potevamo fare. Alla fine il ritmo ce l’avevo – aggiunge il pilota tedesco – Ci sono cose che non mi hanno aiutato, ma non mi piace cercare scuse e dobbiamo prenderla in faccia. Abbiamo un secondo di distacco, ma domani avremo delle opportunità, ieri eravamo veloci”.

Quinta posizione sulla griglia di partenza del Gp dell’Azerbaigian per la Red Bull di Max Verstappen davanti alle Force India di Sergio Perez ed Esteban Ocon. Poi le Williams di Lance Stroll e Felipe Massa, mentre a chiudere la top ten è la Red Bull di Daniel Ricciardo fermatasi in pista a tre minuti dal termine delle qualifiche. Contrattempo che ha costretto i commissari di gara a esporre bandiera rossa e a far ripartire le qualifiche con un ultimo giro secco a disposizione per tutti.

Max Verstappen è il più veloce al termine delle prove libere del venerdì sul circuito cittadino di Baku nel Gp di Azerbaijan, salvo poi andare a sbattere contro le protezioni in curva a 30 secondi dal termine delle sessione pomeridiana.

Il pilota olandese con 1’43″362 si mette tutti dietro. Con la Pirelli Supersoft lascia a un decimo Valtteri Bottas e il compagno di squadra Daniel Ricciardo, di 11 millesimi più lento del finlandese della Mercedes. Le Ferrari si comportano abbastanza bene piazzando Kimi Raikkonen a 0″127 dalla prima delle RB13 e Sebastian Vettel a due decimi e mezzo.

Molto più distanti gli altri con Lewis Hamilton che sembra ripetere l’inizio del weekend di Sochi. Il tre volte campione del mondo sembra in crisi, non riuscendo a raccapezzarsi con la sua W08. Sul giro singolo, infatti, si piazza al decimo posto a 1″63 da Verstappen.

Meglio di lui hanno fatto Lance Stroll che per la prima volta è stato più veloce del compagno di squadra Felipe Massa. Il giovane canadese è settimo, a sette decimi e mezzo, ma più veloce di mezzo secondo rispetto al pilota paulista, undicesimo di giornata. Bene anche le Force India con Sergio Perez settimo a 0″944 davanti di 15 millesimi rispetto alla Toro Rossi di Daniil Kvyat. Mentre il compagno di team Esteban Ocon, nono a 1″1.

Ancora un venerdì tribolato per Fernando Alonso. Lo spagnolo ha ottenuto il dodicesimo tempo, a 2″153 dal migliore di giornata, ma quello che più conta è stato ancora una volta costretto a finire prima del previsto la sua sessione pomeridiana con l’ennesimo motore Honda kappao.

Per tutti una lunga serie di dritti con l’utilizzo delle vie di fuga presenti in ogni ingresso curva, con tanto uso della retromarcia. Tornando alle prestazioni dei top team, è la Ferrari la monoposto apparsa più performante con tempi di tutto rispetto nel passo gara. Domani sarà importante capire cosa accadrà nella terza sessione di prove libere e poi in qualifica quando Mercedes utilizzerà il manettino per ottenere un boost di potenza nella ricerca della pole position e vedere la risposta di Ferrari e Red Bull.