Tag

gp della malesia

Browsing

Dopo aver segnato il primo tempo in FP1, Andrea Dovizioso fa sue anche le seconde libere e firma il primato generale del venerdì al GP della Malesia. 2:11.640s il tempo del forlivese nella FP2.

La seconda sessione di libere si apre con pista bagnata. La pioggia ha battuto sul tracciato di Kuala Lumpur e, poco a poco, il clima torna a stabilizzarsi. Le condizioni dell’asfalto però impediranno un generale miglioramento dei tempi e la classifica combinata ricalcherà quella della mattinata.

Dietro a Desmo Dovi, secondo in campionato e lanciato all’inseguimento della vetta iridata, proprio il leader della classe Marc Marquez, che paga un ritardo di 0,526s. Poi il compagno di box Jorge Lorenzo a 1,055s.

Cade alla curva 8 Johann Zarco (Monster Yamaha MotoGP) dopo aver perso il controllo della sia M1. Il transalpino resta terzo in combinata alle spalle di Alvaro Bautista (Pull&Bear Aspar Team).

Nella tabella tempi generale Valentino Rossi (Movistar Yamaha MotoGP) è arretrato oltre la decima posizione e dovrà dare tutto in FP3 per accedere direttamente alla Q2. Il Dottore ha segnato il sesto crono sul bagnato del pomeriggio.

Contatto tra Maverick Viñales (Movistar Yamaha MotoGP) ed Hector Barbera (Reale Avintia Racing) in ingresso dell’ultima curva; il talentuoso catalano è quarto della giornata.

“Parliamo di cose sicure. Che ieri le due Ferrari potessero battere tutti è un fatto indiscusso, e che potesse accadere anche a Singapore è un fatto indiscusso”. Così Sergio Marchionne, parlando a Rovereto (Trento) sui risultati del team nelle ultime due gare di Formula 1. “Il fatto che abbiamo avuto problemi con i propulsori – ha aggiunto – ha a che fare con due cose: abbiamo una squadra molto giovane e la qualità della componentistica non è al livello necessario per un’auto da gara. Stiamo intervenendo”.

Intanto Sebastian Vettel ha sintetizzato così la sua super rimonta dall’ultimo al quarto posto nel Gran Premio della Malesia.

”Tutto sommato sono contento del risultato, ma sarebbe stato meglio finire sul podio”.  ”Alla fine ho avuto una mezza opportunità per superare Ricciardo – aggiunge il tedesco della Ferrari ai microfoni di Sky – La velocità della vettura è stata molto positiva, peccato che Kimi (Raikkonen, ndr) non abbia potuto correre”. Problemi di affidabilità? ”E’ la prima volta che abbiamo dei problemi – conclude Vettel – di solito va bene ed è dura accettarlo”.

Vettel è stato anche protagonista a fine gare di un incredibile tamponamento di Stroll. A farne le spese è soprattutto la Rossa del pilota tedesco completamente distrutta nella parte posteriore sinistra. Vettel, illeso, ha dovuto però chiedere un passaggio ad un suo ‘collega’ per tornare ai box. L’episodio è finito sotto indagine da parte dei commissari della Fia.

Un altro regalo alla Mercedes nell’ultimo Gp della Malesia e un mondiale ancora un po’ più lontano per la Ferrari. Purtroppo la dea bendata si è dimenticata della scuderia di Maranello in questo week-end e ora sono 34 i punti di vantaggio di Lewis Hamilton.

Non è bastato un grande Sebastian Vettel, protagonista di una straordinaria rimonta dopo i problemi che lo avevano costretto a partite dall’ultima posizione.

Alla fine è arrivato un quarto posto, con un podio sfiorato, che all’inizio sembrava un miraggio. Il regalo è arrivato piuttosto dallo stop dell’altra Ferrari, quella di Kimi Raikkonen, che non è riuscito a prendere parte alla gara che lo vedeva partire in prima fila. Anche in questo caso problemi tecnici, proprio nel giorno in cui il finlandese aveva tutte le possibilità per giocarsi la sua gara e probabilmente vincerla.

Successo che alla fine, non è una magra consolazione, ha ottenuto Max Verstappen che nel giorno del suo compleanno ha impedito la grande fuga di Hamilton. Un successo meritato considerato che le Red Bull si sono dimostrate superiori alla Mercedes.

Il pilota olandese ha ottenuto il suo secondo successo, il giusto premio in una stagione in cui ha compiuto parecchi miglioramenti e non sempre è stato fortunato.