Tag

freezeland

Browsing

? Mondiali.it supporta l’Islanda a Russia 2018: scopri le storie e gli eventi live

Siete orfani degli Azzurri e non sapete chi tifare ai Mondiali? Ecco a voi una soluzione simpatica e poco impegnativa: l’Islanda!

1) COMUNQUE VADA SARÀ UN SUCCESSO

Secondo un sondaggio pubblicato pochi giorni fa da un quotidiano islandese, solo il 24% degli intervistati pensa che la propria nazionale passerà il primo turno. Il restante 76% prevede che al termine del girone di ferro (Argentina, Croazia e Nigeria le altre componenti) Aron Gunnarsson e compagni faranno ritorno in patria… e saranno comunque accolti da eroi. Per un paese così piccolo che solo otto anni fa era al 112° posto nel ranking FIFA, già esserci è un enorme successo!

2) LA NAZIONE PIÙ PICCOLA AD AVER MAI PARTECIPATO AI MONDIALI

Con i suoi 334.000 abitanti, l’Islanda è la nazione più piccola ad aver partecipato ad un mondiale. E’ come se in Russia andasse la Provincia di Livorno. Il confronto con abitanti e numeri del calcio italiano sono impietosi.

L’Islanda vince questa classifica per distacco. Il record precedente spetta a Trinidad e Tobago, stabilito nel 2006, con i suoi 1.3 milioni di abitanti. Seguono l’Irlanda del Nord nel 1958 (quella che fece fuori l’Italia) con 1.4 milioni di abitanti del 1958, il Kuwait del 1982 con 1.5 milioni di abitanti, la Slovenia del 2002 con 2 milioni di abitanti e la Giamaica del 1998 con 2.6 milioni di abitanti.

3) SE SI INCAZZANO SONO DOLORI

Nel 2010 tutta Europa ha scoperto la furia dell’ “Isola di Ghiaccio e di Fuoco” per la devastante eruzione del vulcano Eyjafjöll.

Dopo un’infinita serie di scosse, il 22 marzo arriva la prima eruzione: nel terreno si apre una fessura lunga 500m da cui il magma viene lanciato fino a 150m di altezza e il fumo arriva a 4km. Il 14 aprile inizia l’eruzione che ferma il traffico aereo continentale, stimata venti volte più potente della precedente. Iniziata sotto il ghiacciaio che ricopre le pendici del vulcano, ha scatenato un jökulhlaup: termine geologico preso in prestito dall’islandese per definire un’inondazione catastrofica innescata da eruzioni subglaciali.

Il traffico aereo europeo resta chiuso dal 15 al 23 aprile. Ne sanno qualcosa i giocatori del Barcellona che, per sfidare l’Inter nella semifinale di Champions League, devono raggiungere Milano dopo 14 ore di pullman. Il 23 agosto 2014 una nuova eruzione fa temere il peggio quando a “scaldarsi” è il Bárðarbunga, un sistema di vulcani sotto il più grande ghiacciaio d’Europa, il Vatnajökull. L’allarme rientrò dopo un giorno.

4) SANNO ANCHE FESTEGGIARE

A fine marzo 2017 si è verificato sull’isola un anomalo boom di nascite. Il mistero è stato rapidamente scoperto quando ginecologi e ostetriche hanno girato indietro le pagine del calendario di nove mesi: il 26 giugno l’Islanda aveva ottenuto la storica vittoria per 2-1 contro l’Inghilterra agli ottavi di Euro 2016. In campo avevamo visto elmi vichinghi, barbe colorate e Víkingaklappið… e dopo? Ora lo sappiamo!

5) VESTE ITALIANO

Il Diavolo veste Prada e la nazionale islandese veste Erreà, azienda di Parma specializzata nell’abbigliamento sportivo. La collaborazione è iniziata nel 2002 quando la nazionale era sconosciuta al mainstream. Incoronata da L’Equipe come la maglia più bella del torneo, al termine degli scorsi europei non si trovava più neppure nell’angolo più sperduto dell’ultimo magazzino.

Erreà ha cercato di fare ancora meglio per i mondiali. Ha mischiato rosso (fuoco), blu (acqua) e bianco (ghiaccio) in maniera vagamente psichedelica ed enfatizzato il forte senso di comunità con la scritta “Fyrir Ísland” (“Per l’Islanda”) all’interno del collo e la bandiera crociata sul retro.

6) UN CALCIO ANCORA UMANO

Sia chiaro, tutti i calciatori della nazionale islandese sono professionisti. Il contesto dove sono cresciuti però è ben diverso. Nel campionato islandese di professionisti ce ne sono pochi e quasi tutti arrivano al campetto dell’allenamento di ritorno dall’ufficio, dal magazzino del pesce o dal cantiere. In Inkassodeild, la seconda serie, e soprattutto in 2.deild, la terza serie, molte squadre rappresentano piccoli villaggi e i giocatori rappresentano più di una squadra di calcio. Altro che diritti TV!

7) SAUDADE D’ISLANDA

Quante volte sentiamo dire che nel calcio le bandiere sono sempre meno? Nonostante il calcio islandese abbia budget risicati, in quest’ultima stagione stanno tornando in Pepsideild, la massima serie del calcio islandese, molti giocatori del giro della nazionale per chiudere la carriera nei club dove sono cresciuti. Fra i 23 convocatidal CT Heimir Hallgrímsson brilla Birkir Már Sævarsson, terzino titolare agli scorsi europei, tornato a giocare nel Valur dopo averlo salutato nel 2008. Dopo i Mondiali, torneranno alla casa madre anche Kári Arnason, sponda Vikingur Reykjavik (da cui manca dal 2004), e Ólafur Ingi Skúlason, sponda Fylkir (lasciato nel 2003). Nostalgia di casa… spesso provata anche da chi ha avuto la fortuna di visitare l’isola.

8) ANCHE LA GAZZETTA DELLO SPORT LA SOSTIENE

La “rosa” più amata dagli italiani ha benedetto il tifo per la nazionale scandinava. Non è stata una scelta casuale, ma il risultato di un sondaggio in cui l’Islanda ha vinto per distacco su nazionali ben più titolate come il Brasile di Neymar, l’Argentina di Messi, il Portogallo di Cristiano Ronaldo.

Dal 27 maggio, fino all’esordio con l’Argentina, gira per Reykjavik l’inviato Filippo Conticello. Nell’ordine ha intervistato il Presidente della Repubblica Guðni Thorlacius Jóhannesson (che era in vacanza a Rimini quando l’Italia vinse il Mundial del 1982), l’allenatore-dentista Heimir Hallgrímsson, il centrocampista dell’Udinese Emil Hallfreðsson, i mitici ultras islandesi Stuðningssveitin Tólfan… più tanti altri servizi e video interessanti, sempre all’urlo di #ForzaIslanda!

9) …E PURE I CUGINI FAROESI

Freezeland.it segue con pari interesse ciò che rotola in Groenlandia e Fær Øer, arcipelago a metà strada fra la Scozia e l’Islanda. Delle Fær Øer vi abbiamo raccontato la storia fin dalle origini e ne seguiamo costantemente il campionato. Così come durante Euro 2016, anche per i Mondiali verrà allestito un maxischermo nel centro della capitale Torshavn per tifare Islanda. Per i faroesi non c’è nessun campanilismo nei confronti dei cugini islandesi, al contrario di Danimarca (da cui le Fær Øer dipendono) e Inghilterra.

Anche i faroesi urleranno “Áfram Ísland!“… in attesa di battere il record di nazione più piccola a partecipare ad un mondiale!

10) APERITIVO CON BRENNIVÍN E SQUALO PUTREFATTO

Siccome comunque vada sarà un successo, tanto vale portarsi avanti con i festeggiamenti. Per essere al passo con lo stile islandese, bisogna procurarsi una bottiglia di Brennivín. E’ un distillato di cereali e patate aromatizzato al cumino. Viaggia sui 40° e la sua traduzione significa “vino bruciato“, anche se in gergo viene chiamato “morte nera“. Il suo abbinamento naturale è con l’hákarl, il famoso squalo putrefatto: la carne viene fatta fermentare qualche mese sotto la sabbia e poi appesa ad essiccare. Il Brennivín serve a mascherarne il sapore… cin cin!

L’articolo è anche su Freezeland.it

? Mondiali.it supporta l’Islanda a Russia 2018: scopri le storie e gli eventi live

Jóhann Berg Guðmundsson è nato a Reykjavik il 27 ottobre 1990. Come tutti i suoi compagni di nazionale ha iniziato la sua carriera internazionale da ragazzino. E’ stato però uno dei pochi a sentire nostalgia dell’Islanda, tornare nella sua casa (dai colori biancoverdi, del Breidablik) e da lì ripartire per il continente.

Ha iniziato da giovanissimo a frequentare la nazionale islandese. Il suo impiego è stato stato un crescendo negli ultimi anni. Dall’epica vittoria contro l’Inghilterra ad Euro2016, nelle partite ufficiali, è sempre partito titolare. Di pari passo è andata la sua carriera nei club. Nella stagione appena conclusa ha conquistato una storica qualificazione europea con gli inglesi del Burnley, che non uscivano dall’isola di Sua Maestà dal secondo dopoguerra. In Islanda si conta molto che il suo buon stato di forma continui in Russia.

LA CARRIERA DI JOHANN BERG GUDMUNDSSON NEI CLUB

2008–2009: Breiðablik 22 (6)
2009–2014: AZ Alkmaar 119 (9)
2014–2016: Charlton Athletic 81 (16)
2016–: Burnley 62 (3)

LA CARRIERA DI JOHANN BERG GUDMUNDSSON IN NAZIONALE

Presenze: 65
Reti: 6. Il 6 settembre 2013, nel pareggio per 4-4 contro la Svizzera, è stato il primo islandese a segnare una tripletta in manifestazione ufficiale nel nuovo millennio.

Debutto: il 20 agosto 2008 in amichevole contro l’Azerbaijan. La partita finì 1-1

CURIOSITÀ

Come detto in premessa, Johann Berg Gudmundsson ha iniziato giovanissimo la sua carriera internazionale. Cresciuto nel Breidablik, neppure sedicenne si è trasferito a Londra con tutta la famiglia dopo esser stato aggregato alle giovanili del Chelsea. Inizia così il suo rapporto controverso con l’Inghilterra. A Londra infatti non riesce ad ambientarsi e, dopo esser passato fra le fila del Fulham, decide di tornare in patria. Una sorta di saudade in salsa vichinga, che risolve tornando a giocare e a frequentare la scuola con gli amici di sempre.

Continua a leggere la storia completa del calciatore su Freezeland.it

? Mondiali.it supporta l’Islanda a Russia 2018: scopri le storie e gli eventi live

Birkir Bjarnason è nato ad Akureyri il 27 maggio 1988. Inizia a giocare nelle giovanili del KA ma, nel 1999, la famiglia si trasferisce in Norvegia; il percorso del giovane Birkir prosegue quindi nelle giovanili dell’Austrått prima e del Figgjo poi. Nel 2006 si trasferisce al Viking. Nel 2008 arriva l’esordio nella massima serie norvegese con la maglia del Bodø/Glimt, dove il giovane islandese è stato girato in prestito. Seguono tre stagioni di alto livello al Viking (86 presenze e 15 gol) che fanno cadere l’attenzione dei belgi dello Standard Liegi sul biondo centrocampista. La stagione in Jupiter Legaue non è brillantissima (20 presenze tra campionato e coppe senza gol) e l’anno dopo il centrocampista si trasferisce in Italia, al Pescara. Gli abruzzesi, tornati in Serie A dopo diversi anni, lo cedono poi al Basilea. Attualmente in forza all’Aston Villa, Bjarnason conta ben 65 presenze in nazionale.

La carriera di Birkir Bjarnason nei club

2006-2011: Viking, 102 (16)
2008: Bodø/Glimt [prestito], 22 (5)
2012-2013: Standard Liegi, 16 (0)
2012-2013: Pescara [prestito], 24 (2)
2013: Pescara, 1 (0)
2013-2014: Sampdoria, 14 (0)
2014-2015: Pescara, 35 (10)
2015-2017: Basilea, 42 (14)
2017-oggi: Aston Villa, 27 (3)

La carriera di Birkir Bjarnason in nazionale

Presenze: 65
Debutto: 29 maggio 2010 contro Andorra, a Reykjavík, in amichevole. Vittoria Islanda per 4-0.

Gol:
1) 27 maggio 2012, Valenciennes (Stade du Hainaut), contro la Francia, un gol. Vittoria Francia per 3-2.
2) 12 ottobre 2012, Tirana (Stadiumi Qemal Stafa), contro l’Albania, un gol. Vittoria Islanda per 2-1.
3) 7 giugno 2013, Reykjavík (Laugardalsvöllur), contro la Slovenia, un gol. Vittoria Slovenia per 4-2.
4) 10 settembre 2013, Reykjavík (Laugardalsvöllur), contro l’Albania, un gol. Vittoria Islanda per 2-1.
5-6) 26 marzo 2015, Astana (Astana Arena), contro il Kazakistan, due gol. Vittoria Islanda per 3-0.
7) 14 giugno 2016, Saint-Étienne (Stade Geoffroy-Guichard), contro il Portogallo, un gol. Pareggio per 1-1.
8) 3 luglio 2016, Saint-Denis (Stade de France), contro la Francia, un gol. Vittoria Francia per 5-2.
9) 6 ottobre 2017, Eskişehir (Yeni Eskişehir Stadyumu), contro la Turchia, un gol. Vittoria Islanda per 3-0.

Curiosità

Senza alcun dubbio il nome di Birkir Bjarnason è legato alla curiosa quanto clamorosa polemica che nacque tra i tifosi del Pescara e la federazione islandese. Era il 9 giugno 2015, quando gli abruzzesi si giocavano col Bologna la finale del play-off per ritornare in Serie A. Pur essendo pedina fondamentale per la sua squadra, però, Bjarnason quella partita non la giocò mai, perché nel frattempo era stato convocato dalla sua nazionale.

Continua a leggere la curiosità su Freezeland.it

? Mondiali.it supporta l’Islanda a Russia 2018: scopri le storie e gli eventi live

Hörður Björgvin Magnússon è nato a Reykjavik l’11 febbraio 1993, e da circa tre anni e mezzo è entrato a far parte del giro della Nazionale maggiore. E’ una vecchia conoscenza del calcio italiano: infatti, dopo aver lasciato l’Islanda giovanissimo, è stato ingaggiato neanche maggiorenne dalla Juventus. Successivamente lo abbiamo visto all’opera con le maglie di Spezia e Cesena, prima del suo trasferimento in Inghilterra. Attualmente veste la maglia del Bristol City, ed è fratello di Hlynur, centrocampista del Fram (dove lo stesso Hörður è cresciuto e ha debuttato in Pepsideild, il massimo campionato islandese). Hörður Magnússon conta 15 presenze e 2 reti con la maglia della Nazionale. C’era già nella spedizione ad Euro 2016, in cui però non è mai sceso in campo.

LA CARRIERA DI HÖRÐUR MAGNÚSSON NEI CLUB

2009–2010: Fram Reykjavik, 6 (0)
2011–2013: Juventus 0 (0)
2013–2014: Spezia (prestito) 20 (0)
2014–2016: Cesena (prestito) 39 (1)
2016– Bristol City 52 (1)

LA CARRIERA DI HÖRÐUR MAGNÚSSON CON LA NAZIONALE

Presenze: 15
Reti segnate: 2
Debutto: 12 novembre contro Belgio, a Bruxelles, in amichevole. Vittoria Belgio per 3-1.

CURIOSITÀ

E’ il più giovane giocatore islandese ad aver giocato in Serie A (debutto con la maglia del Cesena a 22 anni), anche se era già stato tesserato dalla Juventus a 17 anni. Non si tratta però del più giovane calciatore islandese in assoluto in Italia, se consideriamo il carneade Samuel Pjeturson Thorsteinsson, che a 19 anni, nel 1912-1913, giocò alcune partite con il Naples, la squadra antenata del Napoli. Da notare che Thorsteinsson, pur essendo islandese, per gli annali risulta danese perché all’epoca l’Islanda faceva ancora parte del Regno di Danimarca. Del resto parliamo di preistoria calcistica.

Continua a leggere la storia completa del calciatore su Freezeland.it