Warning: stripos() expects parameter 1 to be string, array given in /home/customer/www/mondiali.it/public_html/wp-includes/functions.wp-styles.php on line 90

Warning: trim() expects parameter 1 to be string, array given in /home/customer/www/mondiali.it/public_html/wp-includes/functions.wp-styles.php on line 101
francia19 Archives - Mondiali.it
Tag

francia19

Browsing

La formazione degli Stati Uniti è sicuramente tra le favorite al prossimo Mondiale femminile in Francia e,  proprio nella nazionale americana, c’è una delle calciatrici più forti del mondo qual è la vicecapitana Alex Morgan.

L’attaccante dell’Orlando Pride, oltre a essere una prolifica marcatrice sul campo (ha segnato più di 100 reti con la sua nazionale), è altrettanto attiva in importanti iniziative fuori dal rettangolo verde.

La famosa rivista americana del Time ha voluto dedicarle la copertina con il titolo “The Equalizer” una lunga intervista.

Alex Morgan, 29 anni, di professione attaccante ed “equilibratrice”

La calciatrice ha sottolineato quanto fondamentale sia fare bene al Mondiale, specie perché gli Usa sono favoriti ma, altrettanto importante è l’impatto sociale. Alex Morgan da anni combatte per l’eguaglianza di genere al fine di ottenere il rispetto, l’attenzione e la retribuzione alla pari dei colleghi maschi. Il Campionato del Mondo può e deve essere una vetrina di riscatto.


Grazie alle sue iniziative, la punta americana è stata anche inserita nella nota lista delle donne più influenti del 2019 proprio dalla rivista Time. L’atleta rispecchia i tre criteri fondamentali per far parte del ranking: potenzialità della figura pubblica; influenza nel corso di eventi significanti; esempi morali di vita a cui ispirarsi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Thank you @time for including me as one of the 100 most influential people of 2019, what a dream!!

Un post condiviso da Alex Morgan (@alexmorgan13) in data:


Da sempre Alex Morgan, inoltre, si è detta lontana dalle politiche del presidente Donald Trump, soprattutto riguardo le scelte di separare le famiglie dei migranti al confine messicano. Per una serie di motivi la 29enne ha deciso di declinare l’invito del presidente alla Casa Bianca, in caso di vittoria del torneo.

Non solo lotta per pari diritti tra uomo e donna, Alex Morgan è anche una famosa scrittrice, autrice di libri per bambini della serie “The Kicks”, best sellers del New York Times. La collana racconta di una ragazza di 12 anni di nome Devin, che gioca per la squadra di calcio dei Kentville Kangaroos, nota come The Kicks.

Risultati immagini per the kicks book
Un famoso numero della serie The Kicks

Nei libri ci sono tanti riferimenti al passato della calciatrice in cui si racconta come c’è stata la crescita calcistica della Morgan. Famoso è stato il primo libro della serie, “Saving the team”. Al suo interno c’è “una nota di Alex” indirizzata a sua madre quando aveva 8 anni. Quella nota è poi stata posta sul frigo da sua madre e il suo contenuto è diventata poi una ragione di vita.

Ci siamo, il countdown è partito! Manca oramai veramente poco al Mondiale di calcio femminile in Francia. Partita inaugurale il sette giugno prossimo tra le padrone di casa e la Corea del Sud.

Quella che sta per partire è l’edizione numero otto: torneo iniziato solamente nel 1991. In effetti il primo Mondiale femminile è nato 28 anni fa ed è stato disputato in Cina. A spuntarla nella finale di Canton furono gli Stati Uniti, che sconfissero per 2-1 la Norvegia. La nazionale a stelle e strisce ne vincerà poi altri due.

Ci sono diverse differenze da quel torneo: nel ’91 le squadre partecipanti sono state 12, ora sono il doppio; così come è raddoppiata (ma forse anche di più) l’attenzione verso il calcio femminile; quell’edizione è stata disputata a novembre.

La partita d’esordio  di quella prima storia edizione fu giocata tra Cina – Norvegia, con una nettissima vittoria per 4-0 da parte delle cinesi.

Un nome che difficilmente verrà dimenticato è quello di Ma Li: difensore della formazione cinese del 1991, autrice dello storico primo gol in un Mondiale femminile, il 16 novembre.

Inaugurazione del Mondiale femminile ’91

La rete è stata segnata al minuto 22 ed è stato lo spartiacque che ha aperto nuovi orizzonti per il calcio femminile. Un gol che ha segnato una vera e propria svolta per la Fifa.

Li Ma è stata una calciatrice atipica. Cresciuta come giocatrice di basket, è riuscita a sfruttare questa dote nel calcio. La rete messa a segno contro le scandinave è stato un colpo di testa, permesso solamente grazie all’elevazione che ha una cestista. La centrale Ma Li, alta 171 cm, è riuscita a colpire la palla dopo aver effettuato un salto degno di uno schiacciatore di pallacanestro.

La cinese è stata una stella del basket in cui ha vinto tutte le competizioni locali con la squadra scolastica. Dopo essersi inserita sul rettangolo verde, non si è più staccata ed è diventata un’importante calciatrice.

Un ricordo indelebile per Li che è riuscita a segnare questo piccolo grande traguardo non solo per la sua nazione ma per tutto l’universo femminile che gioca a calcio.