Tag

fantacalcio

Browsing

Il derby d’Italia è già stato giocato per 2 volte alla 15esima giornata di Serie A e con i bianconeri squadra di casa: nel 1965/1966, quando terminò col punteggio di 0-0 e nel 2009/2010, quando al triplice fischio dell’arbitro il risultato fu di 2-1. Ma qual è il bilancio di bianconeri e nerazzurri al 15esimo turno di campionato?
E’ quanto ha provato a scoprire FootStats.it, realtà specializzata in statistiche del calcio italiano, scartabellando i suoi database con i numeri dei campionati di A col girone unico.

IL BILANCIO DELLE DUE SQUADRE

I numeri complessivi raccontano che la Vecchia Signora in occasione della 15esima giornata di A vanta 53 vittorie, 21 pareggi, 11 sconfitte, 138 gol fatti e 52 incassati. E fra le mura amiche il bilancio è addirittura migliore: 34 successi, 10 segni X, 2 soli KO, 88 marcature a favore e 21 subite. Le due battute d’arresto casalinghe sono rappresentate da Juventus-Roma 0-2 del 1995/1996 e Juventus-Fiorentina 2-3 del 1940/1941. Più in generale i bianconeri fanno punti in questo particolare turno dal 1997/1998 in poi: 17 trionfi e 3 pareggi, con 35 marcature fatte e 7 subite in A (non abbiamo preso in considerazione la cadetteria 2006/2007). E la scorsa stagione arrivò la vittoria nello scontro scudetto al San Paolo di Napoli.

Bilancio alla 15esima giornata di Serie A
53 vittorie Juventus
21 pareggi
11 sconfitte
138 gol fatti
52 gol subiti

Bilancio alla 15esima giornata di Serie A in casa
34 vittorie Juventus
10 pareggi
2 sconfitte
88 gol fatti
21 gol subiti

Immagine correlata

Col segno più anche il rendiconto dell’Inter. In generale la Beneamata conta 53 vittorie, 20 pareggi, 13 sconfitte, 163 gol fatti e 74 incassati. Ma lontano dal Meazza, come prevedibile, i numeri sono un po’ meno brillanti: 22 successi, 12 segni X, 11 KO, 63 segnature all’attivo e 43 al passivo. La più recente affermazione esterna alla 15esima di Serie A coincide con la trasferta al Bentegodi, sponda Chievo Verona, del 2014/2015, 2-0. L’ultimo stop è del 2016/2017, 3-0 in Napoli-Inter. Chiudiamo ricordando che lo scorso campionato fu nientemeno che 5-0 casalingo sui clivensi.

Bilancio alla 15esima giornata di Serie A
53 vittorie Inter
20 pareggi
13 sconfitte
163 gol fatti
74 gol subiti

Bilancio alla 15esima giornata di Serie A in trasferta
22 vittorie Inter
12 pareggi
11 sconfitte
63 gol fatti
43 gol subiti

Risultati immagini per napoli inter 3-0

I TRE RISULTATI PIÙ RICORRENTI

Due affermazioni per la compagine di casa e un pareggio con una rete per parte. Riassumendoli sono questi i risultati più ricorrenti al termine degli Juventus-Inter di Serie A (a prescindere dal turno dello scontro diretto). L’1-0 è comparso in 19 occasioni, l’ultima nel 2016/2017 (Cuadrado). Il 2-0 per 12 volte, la più recente nel 2015/2016 (Bonucci e Morata su rigore). L’1-1 conta 8 caps, ma è assente dal 2014/2015 (Tevez e Icardi).

POST SCRIPTUM

Al termine dei campionati 1965/1966 e 2009/2010, citati qualche riga sopra, ad alzare al cielo la coppa del campionato fu l’Inter…

EPISODIO OTTO

Matteo “HOLLY” Moglia e Matteo “BENJI” Biasin nella nuova avventura di Mondiali.it: ogni martedì e venerdì, in diretta streaming per consigli, commenti e pronostici sulla Serie A (e non solo…). Perché sappiamo quanto costa schierare la formazione giusta al fantacalcio e noi vogliamo essere accanto ai fantallenatori.

🔸 Riepilogo della 14a giornata di Serie A che si è appena conclusa. Quali sono state le vostre delusioni? Noi, ebbene sì, vi abbiamo detto di puntare su Caputo e Cutrone e non ci hanno deluso! (con Bentancur preso una settimana dopo 😀);

🔸 Parlando di Serie A, ecco un pezzo statistico di FootStats: la Juventus è la miglior e peggior squadra in Italia come rendimento nel mese di novembre: https://bit.ly/2ARPcMN

🔸 Grande approfondimento sul Pallone d’Oro con due focus: Modric nel 2012 era stato definito il peggior acquisto nella Liga: https://bit.ly/2zHMwlc e complimenti ad Ada Hegerberg per il primo Pallone d’Oro femminile: https://bit.ly/2riIY4g

🔸 Non solo Pallone d’Oro, ma anche il Gran Galà del calcio italiano con la top 11 della stagione 2017-2018. E tra loro c’è anche Milinkovic-Savic che, invece, quest’anno non sta rendendo per la disperazione dei fantallenatori: https://bit.ly/2G2sHLb

🔸Le immancabili quote Replatz (valide fino al 5 dicembre): https://goo.gl/pofUmN

#fantacalcio #serieA #65punto5

È nella formazione ideale scelta dai Gran Galà del Calcio 2018. Ma Sergej Milinković-Savić non vive il miglior momento della sua carriera, tutt’altro. Chiedere informazioni a Simone Inzaghi e ai fanta-allenatori che in estate hanno puntato su di lui. La sua media voto in campionato, secondo le statistiche del sito Fantagazzetta, è di 5,73. Una sola rete in 13 partite giocate, quella contro il Genoa a settembre. Un rendimento ben lontano dalla scorsa stagione, in cu era esploso con 14 centri (e 6 assist), di cui 12 in campionato.


Certo non è l’unico centrocampista a deludere finora nella stagione biancoceleste. Si pensi, ad esempio, a quanto fatto finora da Luis Alberto, lontano parente del giocatore sorpresa dello scorso anno. Non a caso Joaquim Correa sta scalando posizioni nelle gerarchie laziali. Ma la delusione più grossa è proprio Milinkovic Savic. Classe ’95, l’inarrestabile ascesa del serbo lo aveva portato nel mirino di altri club italiani e non. Come il Milan, che ha sognato il talento nato in Catalogna per tutta l’estate. Quel giocatore che abbinava esplosività fisica a classe pura è rimasto fermo all’ultimo campionato. Un Mondiale da comparsa ha contribuito al suo momento di crisi.

 

Spesso corpo estraneo alla squadra, Milinkovic sta probabilmente vivendo con troppa tensione le voci fuori dal campo. Il presidente Lotito, in sede di calciomercato, chiedeva per lui 120 milioni. Valutazione che oggi sembra completamente fuori dalla realtà.

Non era una situazione semplice, ogni giorno usciva un nome nuovo. Ma io ho sempre saputo di essere un giocatore della Lazio. Ho rinnovato e sono qua, voglio solo far bene e guardare avanti.

L’andamento altalenante della Lazio finora ha il suo volto. Immobile è la solita conferma con 9 reti, Parolo e Correa con tre gol a testa tengono a galla la nave. Savic sembra invece davvero un altro giocatore. Avrebbe dovuto prendersi definitivamente la scena dopo la cessione di Felipe Anderson, invece è scomparso. E’ come se avessero mandato il fratello al suo posto, ma non è neanche così visto che Milinkovic Savic II gioca in porta nella Spal.

Urge ritrovare il giocatore inserito nella formazione ideale 2017-2018. Lo spera Inzaghi, lo spera chi si è svenato per acquistarlo durante il fantamercato.

In panchina c’è Rino Gattuso, ma non come attuale allenatore del Milan bensì come fidato alleato in mezzo al campo come ai vecchi tempi. L’allusione, però, c’è tutta nel “dream team” che Zlatan Ibrahimovic ha pubblicato sul suo profilo Instagram. La formazione ideale, 11 in campo più sostituti, scelta da King Zlatan pescando tra tutti i calciatori con cui ha giocato tra Ajax, Juve, Inter, Barcellona, Milan, Psg e Manchester United.

A dire il vero c’è molta Italia, molto Milan e Juventus e poi fuoriclasse riconosciuti a livello mondiale tra cui Leo Messi nonostante il rapporto durante l’esperienza spagnola di certo non sia stato tra i migliori. Ci sono Thiago Silva e Nesta come centrali di difesa, il suo fidato amico Maxwell sulla corsia di sinistra e in avanti oltre alla pulce, c’è Ronaldinho che giocano alle spalle, ovviamente, di Ibrahimovic stesso.

 

In panca strappa un sorriso la scelta di eliminare De Gea (con tanto di sbarra nera sul suo nome) lasciando a Julio Cesar il ruolo di primo portiere di riserva che si accomoda tra le riserve assieme a Iniesta, Cannavaro, Seedorf e sì proprio Gennaro Gattuso. Una considerazione di profonda stima per l’attuale allenatore del Milan visto che nell’11 titolare il centrocampo è in mani e polpacci sicuri tra Xavi, Nedved e Vieria con cui ha giocato assieme nei due anni juventini.

In questo squadrone che come lui stesso dice nel post dà sicuramente argomenti validi per parlare durante il periodo natalizio, dunque, troviamo Buffon in porta, linea a quattro di difesa con Thuram a destra, il fedele compagno Maxwell a sinistra e la coppia Thiago Silva-Nesta al centro; Xavi in regia con Vieira e Nedved mezzali e, infine, Messi con Ronaldinho sulla trequarti alle spalle di Ibra. Pronti a entrare in partita in corso Gattuso, Julio Cesar, Iniesta, Seedorf e Cannavaro.

Come dite, manca l’allenatore? Beh, a sentire le voci di mercato di gennaio, per l’attaccante svedese ora ai Los Angeles Galaxy, il mister ci sarebbe già…

EPISODIO SETTE

Matteo “HOLLY” Moglia e Matteo “BENJI” Biasin nella nuova avventura di Mondiali.it: ogni martedì e venerdì, in diretta streaming per consigli, commenti e pronostici sulla Serie A (e non solo…). Perché sappiamo quanto costa schierare la formazione giusta al fantacalcio e noi vogliamo essere accanto ai fantallenatori.

🔸 Le probabili formazioni e gli ultimi aggiornamenti sulle 20 squadre di Serie A. Condizione degli infortunati e ballottaggi;

🔸 I pronostici di Matteo e Matteo sulla Giornata 14a di Serie A
Una schedina croccante consigliate da Replatz. Clicca e gioca! 🔸 I tre Flop e i tre Top scelti di questo turno di Serie A

#fantacalcio #serieA #65punto5

EPISODIO SEI

Matteo “HOLLY” Moglia e Matteo “BENJI” Biasin nella nuova avventura di Mondiali.it: ogni martedì e venerdì, in diretta streaming per consigli, commenti e pronostici sulla Serie A (e non solo…). Perché sappiamo quanto costa schierare la formazione giusta al fantacalcio e noi vogliamo essere accanto ai fantallenatori.

🔸 Come sono andati i nostri 3 top e 3 flop consigliati per la giornata precedente di Serie A? Li commentiamo assieme (oh Hateboer ha fatto un partitone!);

🔸 Continua il “botta e risposta” in campionato tra Piatek e Cristiano Ronaldo: il portoghese segna il suo nono gol e l’attaccante genoano, ancora a secco nella gestione Juric, realizza la rete dell’1-1 nel derby della Lanterna e si riporta in testa in solitaria nella classifica dei cannonieri con 10 marcature;

🔸 Fantalcio…fantasfiga: rottura del legamento crociato per Lucas Castro, centrocampista del Cagliari e ottima pedina negli schemi della squadra sarda (1 gol, due assist e 6,5 di media in 10 partite). Stagione finita per lui e, amara, curiosità: è il terzo infortunio grave in 4 anni, tra Catania, Chievo e Cagliari, tutti e tre sotto gestione Rolando Maran;

🔸 Per la rubrica “Italians” la parata al 90′ di Gianluca Curci, volato in Svezia, che consente alla sua squadra di essere promossa nella massima serie svedese – https://bit.ly/2RoSf6t

🔸 E poi spazio alla Champions League le probabili formazioni e gli ultimi aggiornamenti sulle squadre italiane impegnate nel quinto turno;

🔸 Le immancabili quote Replatz e le nostre dritte sulla Champions

Sulla semplice distorsione al ginocchio, in realtà, ci credevano in pochi. Forse qualche fantallenatore, molto meno sereno, invece, era lo staff del Cagliari. Lucas Castro, perno del centrocampo della squadra sarda, si è infortunato domenica nella sessione d’allenamento in vista del match del lunedì sera contro il Torino. Gli esami strumentali fatti a Villa Stuart di Roma però hanno levato la sottile patina di dubbi: per “El Pata” è rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro, il che significa, lontano dai campi per almeno sei mesi.

Solo dopo l’operazione e l’analisi dei medici si potranno capire con più precisione i tempi di recupero, ma la stagione dell’argentino si conclude di fatto qui. Ed è una brutta tegola per Rolando Maran che ha avuto il centrocampista anche ai tempi del Chievo Verona e del Catania ed era approdato a Cagliari l’estate scorsa: nelle 10 partite di Serie A in cui è stato impiegato, Castro ha segnato una rete (bellissima da fuori area proprio contro la sua ex squadra) e due assist, ottenendo una fantamedia di 6,5, e facendo giocare bene tutta la squadra assieme a Joao Pedro e alla punta Pavoletti.

Per il centrocampista argentino si tratta del terzo grave infortunio nel giro di quattro anni. Il primo risale al 2014, quando ai tempi del Catania, Castro riportò una lesione al collaterale del ginocchio destro. Lo stesso tipo di infortunio si ripresentò tre anni dopo a Verona.

L’infortunio del trequartista 29enne è una bella tegola negli schemi di Maran: per mantenere il 4-3-1-2 potrebbe essere inserito uno tra Marco Sau e Diego Farias che andrà a formare un tandem con Pavoletti, mentre Joao Pedro verrà spostato sulla trequarti campo. Un’altra alternativa potrebbe essere l’inserimento di Luca Cigarini sulla mediana portando più avanti il capitano Barella per non indebolire troppo il reparto offensivo.

Il club sardo, ovviamente, sta già pensando al possibile sostituto da prendere per il mercato di gennaio: come riporta Sky Sport, sul taccuino di Carli ci sono Soriano del Torino e Bessa del Genoa.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Con mi amigo @franciscocharco haciendo un poco de música por las calles de Sardegna 🔥

Un post condiviso da Lucas Castro (@lucascastro) in data:

EPISODIO QUATTRO

Matteo “HOLLY” Moglia e Matteo “BENJI” Biasin nella nuova avventura di Mondiali.it: ogni martedì e venerdì, in diretta streaming per consigli, commenti e pronostici sulla Serie A (e non solo…). Perché sappiamo quanto costa schierare la formazione giusta al fantacalcio e noi vogliamo essere accanto ai fantallenatori. 

🔸 Pallone d’oro, “svolta storica” dopo 10 anni di dominio Cristiano Ronaldo e Leo Messi,non sono loro nei tre finalisti, secondo il video di presentazione pubblicato da L’Équipe. Ci sono Modric, Mbappe e….Varane!?!? E Griezmann, in tutto questo? Chi è stato l’ultimo a vincere il Pallone d’oro prima del duopolio portoghese e argentino? Tutto, nel pezzo di Dario Sette;

🔸 La consegna sarà il 3 dicembre, stesso giorno del sorteggio delle finale four di Nations League. Sono rimaste Olanda, Svizzera, Portogallo e Inghilterra. E visto l’exploit degli svizzeri e il trend positivo di Olanda e soprattutto Inghilterra post-Mondiale, facciamoci delle domande: non è che noi in Italia abbiamo sottovalutato la bellezza e l’importanza della competizione? L’analisi di Vincenzo Pastore; 

I pronostici di Matteo e Matteo sulla Giornata 13 di Serie A

Una schedina croccante consigliate da Replatz. Clicca e gioca!🔸 Italia, intanto, che gioca l’amichevole contro gli Stati Uniti e scopre Vincenzo Grifo, il suo numero 10, giocatore migrante nell’Hoffenheim: ecco chi è

🔸Di sicuro in questa partita non c’è Romagnoli, ora sappiamo che deve stare fermo un mese. E ancor più grave è il ko di Bonaventura: intervento chirurgico per porre fine all’infiammazione cronica che tormenta il centrocampista rossonero dal 25 ottobre. Problemi alla cartilagine mai risolti: il Milan perde Jack per tutto il resto della stagione, si parla addirittura di 7-8 mesi di stop prima di tornare alla piena attività. L’intervento verrà eseguito negli Usa. Avviciniamoci al fantacalcioZapata, contro la Lazio, è l’unico centrale sano…che scelte farà Gattuso?

EPISODIO DUE

Matteo “HOLLY” Moglia e Matteo “BENJI” Biasin nella nuova avventura di Mondiali.it: ogni martedì e venerdì, in diretta streaming per consigli, commenti e pronostici sulla Serie A (e non solo…). Perché sappiamo quanto costa schierare la formazione giusta al fantacalcio e noi vogliamo essere accanto ai fantallenatori. 

Serie A review  – Giornata 12:

🔸 Come sono andati i nostri 3 Top e 3 Flop pronosticati della 12a giornata? L’attaccante del Milan, Gonzalo Higuain prende ZERO al fantacalcio tra rigore sbagliato ed espulsione;  Samir Handanovic, il portiere dell’Inter, prova a tenere a galla la squadra neroazzurra, ma non avevamo fatto i conti con la difesa della squadra di Milano; El Papu Gomez ci ha spiazzato con il suo eurogol;

🔸 Ciccio Caputo is the new Piatek: terzo gol consecutivo per l’attaccante dell’Empoli che ha segnato anche contro Juventus, Napoli e Udinese;

🔸 I difensori dell’Atalanta “silent sniper”: Mancini è al terzo gol consecutivo e prova a raggiungere il record di Caldara che, nel 2016-2017, ha realizzato ben 7 reti. Ma Mancini sarà titolare quando rientrerà Masiello?;

🔸 Ha segnato Schick…e Dzeko è ancora fermo…che altro dire?

Serie A review – Ventura si dimette:

🔸 Gian Piero Ventura dura soltanto 32 giorni sulla panchina del Chievo Verona. Ma c’è chi ha fatto anche peggio, esonerato in 10 minuti. Qui la top5;

🔸 13 novembre 2013, a un anno dal “Sansirazo” e dall’Italia fuori dai Mondiali. Il pezzo di Vincenzo Pastore.

Eroe del giorno: Leandro Paredes

🔸 Il calciatore argentino dello Zenit St. Pietroburgo ed ex Roma per vedere il Superclasico tra Boca Junior e River Plate, finale di Libertadores, si è fatto espellere durante la partita di campionato. La curiosità scovata da Dario Sette.

I pronostici di Matteo e Matteo sulla Giornata 13 di Serie A

Cinque quote croccanti consigliate da Replatz combinando 1×2/ under-over 1.5/ gol-nogol:

EPISODIO ZERO

Matteo “HOLLY” Moglia e Matteo “BENJI” Biasin nella nuova avventura di Mondiali.it: ogni martedì e venerdì, in diretta streaming per consigli, commenti e pronostici sulla Serie A (e non solo…). Perché sappiamo quanto costa schierare la formazione giusta al fantacalcio e noi vogliamo essere accanto ai fantallenatori. 

Serie A review  – Giornata 11:

🔸 Alessandro Romagnoli, goleador del Milan. Zona Cesarini? No, Zona Romagnolo: in cinque giorni, gol decisivi al 91′ contro il Genoa e al 97′ contro l’Udinese. E assieme a Rodriguez, Zapata e Abate, mantiene per la prima volta in stagione inviolata la porta rossonera;

🔸 Il Gallo ha ripreso a cantare. Dopo 40 giorni a digiuno, Andrea Belotti torna a far sorridere i fantallenatori con una doppietta letale nel 4-1 del Torino, a Marassi, contro la Sampdoria. E se Mertens ritorna a essere indemoniato (siamo davanti alla prima tripletta in Serie A realizzata da fuori area?), Duvan Zapata fa felice l’Atalanta con la prima marcatura stagionale;

🔸 Sorpresa Roberto Gagliardini: prima doppietta in Serie A e prima rete stagionale. Ecco, non vorremmo essere nei panni di chi ce l’aveva contro in squadra;

🔸 Dramma Berardi, Dzeko e Simeone: solo brutti voti e nessun bonus gol!

🔸 Dybala segna dopo soli 42 secondi: è nella Top Ten dei gol più veloci della Serie A? Qui la risposta: https://bit.ly/2Dtpp1t

I pronostici delle italiane impegnati in Champions League
Serie A preview (anticipazioni della puntata di venerdì):

🔸 Leonardo Bonucci, dopo una sola stagione al Milan tra luci e ombre, ritorna a San Siro nuovamente con la maglia della Juventus. Che accoglienza gli riserveranno i tifosi rossoneri? Reggerà mentalmente? Il nostro consiglio se schierarlo tra gli 11 titolari o no