Tag

Evgenia Medvedeva

Browsing

Al Mediolanum Forum di Assago fremono i preparativi per i campionati del mondo di pattinaggio di figura, disciplina nota ai più come pattinaggio artistico, i quali si svolgeranno dal 21 al 25 marzo.

A tenere alto l’onore dell’Italia ci penserà Carolina Kostner, che spera di chiudere la sua magnifica carriera davanti al suo pubblico con un piazzamento sul podio, ma nella gara femminile i pronostici per la vittoria finale sono tutti a favore di Alina Zagitova, fresca trionfatrice ai giochi olimpici di PyeongChang 2018.

La quindicenne russa sembra non avere rivali, a maggior ragione dopo il forfait della connazionale Evgenia Medvedeva, medaglia d’argento alle ultime olimpiadi invernali e campionessa mondiale in carica. Pertanto non ci sarà alcuna sfida tra le due, almeno in questa competizione mondiale.

Ufficialmente la diciottenne moscovita è stata costretta a rinunciare ai mondiali di Milano su raccomandazione dei medici per via di una frattura del metatarso del piede destro, avvenuta nel novembre scorso, ma circolano anche versioni cospirative: secondo alcuni siti sportivi russi, proprio a causa della spietata competizione interna con l’astro nascente Zagitova, la Medvedeva sarebbe in conflitto con l’allenatore Eteri Tutberidze ed avrebbe addirittura avanzato l’intenzione di cambiare cittadinanza per gareggiare con una nazionale diversa, il ché che potrebbe concretizzarsi già in occasione dei mondiali del 2019.

Al suo posto si esibirà la studentessa diciassettenne Stanislava Konstantinova, al debutto assoluto in un campionato mondiale. Nata e cresciuta a San Pietroburgo, la Konstantinova può già vantare nel suo palmarès internazionale senior la vittoria del Golden Spin di Zagabria 2018 e delle ultime due edizioni del Trofeo di Tallinn, oltre a due medaglie d’oro in competizioni internazionali junior.

In attesa dell’inaugurazione dei mondiali e di conferme o ulteriori rumors sul caso Medvedeva, tutti gli esperti e gli addetti ai lavori hanno già scommesso sul fatto che Alina Zagitova sarà incoronata ancora una volta zarina del pattinaggio di figura femminile. Non resta che godersi lo spettacolo del Mediolanum Forum di Assago.

Grazia, eleganza e tanta esperienza non sono bastate a Carolina Kostner per salire sul podio delle Olimpiadi invernali di Pyeongchang 2018. La corsa verso una medaglia leggendaria per lei finisce qua, ma non senza la soddisfazione di essere riuscita ancora una volta ad incantare tutti.

Quinto posto per la nostra azzurra che chiude la sua partecipazione ai Giochi Olimpici con il sorriso e con queste parole:

Questa mia Olimpiade è la metafora dello sport e della vita. Il punto non è trovare la perfezione, ma scoprire i propri limiti, rialzarsi quando si cade e superare gli ostacoli che man mano si palesano sulla propria strada. Quando due anni fa sono ripartita da zero, non sapevo nemmeno se il mio corpo avesse intenzione di partecipare al progetto. Oggi posso dire che rispetto a Sochi, al di là del risultato, mi sento più forte in tutto. Anche mentalmente. Ho trovato i giusti equilibri, che mi hanno aiutata a vivere questa avventura serenamente. Spero la mia storia possa essere di ispirazione a chi è in difficoltà

Sul primo gradino del podio troviamo un astro nascente del pattinaggio russo, Alina Zagitova, di appena quindici anni, che riesce a battere anche la connazionale Evgenia Medvedeva  che al termine della gara versa lacrime amare per un argento che non è abbastanza.

Carolina è stata battuta da quelle baby russe di cui si è tanto parlato ancora prima di intraprendere l’esperienza olimpica. Ma lei è comunque soddisfatta della sua esibizione e del suo risultato e si dice anche molto contenta di aver gareggiato con atlete in gamba e competitive, alle quale fa i suoi complimenti.

La sua performance non era perfetta e aveva dettagli tecnici inferiori, ma l’espressività e l’interpretazione di Carolina non hanno eguali e anche alla sua quarta partecipazione ad un’Olimpiade è riuscita a emozionare tutti col suo talento.

Sara stata la sua ultima esibizione olimpica?

A chi le chiede se così finisce un’era, ecco cosa risponde l’atleta delle Fiamme Azzurre:

Se si chiude un’era? Non credo proprio, c’è il mondiale in Italia adesso. Mi riposo un po’ e poi al lavoro per vivere un’altra bella esperienza a Milano. Certe decisioni non si prendono mai a caldo

Il suo futuro immediato per ora prevede la partecipazione ai Campionati Mondiali di pattinaggio a Milano e poi si vedrà. Anche se più “anziana” delle sue colleghe, Carolina si sente ancora in gran forma e sente di potere ancora competere allo stesso livello delle giovanissime.

E lo ha dimostrato con la sua esibizione sulle note di L’apres midi d’un faune di Debussy, che le ha fatto conquistare la quinta posizione nella gara di pattinaggio di figura, entrando nella top five delle migliori.