Tag

campionato

Browsing

Sarà un 33esimo campionato avvincente quello di Baseball per ciechi e ipovedenti iniziato il fine settimana scorso.

Si prospetta una stagione combattuta per le undici squadre al via, con l’obiettivo di cucire il tricolore sulle proprie casacche.

A partecipare sono: Bologna White Sox, Fiorentina BXC, I Patrini Malnate BXC (campioni in carica), Lampi Milano, Leonessa BXC Brescia, Roma All Blinds, Staranzano BXC, Thunder’s 5 Milano BXC, Thurpos Cagliari, Tigers Paralympic Sport Cagliari e Umbria Redskins Bxc.

Risultati immagini per campionato baseball ciechi
Durante un match della scorsa stagione

La partita inaugurale è stata tra gli isolani dei Tigers Cagliari e i meneghini dei Thunder’s 5 Milano. I sardi hanno disputato una buona annata il 2018, disastrosa invece per i milanesi (ultimi con un solo pareggio all’attivo).
La riscossa è subito arrivata con la vittoria per 11-4 da parte dei lombardi, vittoria che ha permesso di migliorare già lo score dell’anno passato.

Il campionato è organizzato dalla Libci (Lega italiana baseball ciechi e ipovedenti) sotto l’occhio attento della Fibs (Federazione italiana baseball e softball). Un girone unico all’italiane con match di sola andata.
Le prime quattro classificate avranno modo di scontrarsi alle semifinali a cui seguirà la finale. Per le semifinali non saranno previsti pareggi: se dopo 9 riprese non ci sarà nessuna squadra vincitrice, si giocherà il tie break. Diverso sarà il discorso in finale: se il risultato sarà equilibrato si opteranno per delle riprese supplementari fino alla vittoria di una delle due.

Il baseball per ciechi e ipovedenti è una disciplina appositamente adattata: si gioca con una pallina sonora, ci sono degli assistenti che battono dei paletti per segnalare le basi e manca il lanciatore. Per il resto è tutto uguale al baseball per normodotati.

Nel corso degli anni è uno sport che si è evoluto molto grazie anche a contatti internazionali come le realtà tedesche e inglesi. Una continua crescita che sicuramente non finirà.

Mancano da oltre un mese i tre punti in casa Udinese e al Friuli oggi c’è una buonissima occasione per far gioire i tifosi e per chiudere l’anno nel migliore dei modi.

I ragazzi di mister Nicola ospitano il Cagliari di Maran. Le due squadre si sfidano con morale diversi, i bianconeri nel boxing day hanno ottenuto un misero pareggio contro la Spal a Ferrara, mentre i sardi hanno battuto il Genoa per 1-0 con gol dell’attaccante brasiliano Farias.

Quello che, invece, è mancato ai friulani sono stati proprio i gol dei suoi attaccanti. Perché all’ultima giornata d’andata il capocannoniere è De Paul con sei reti e tre assist, ed è un centrocampista.
Sono mancati i gol di Kevin Lasagna, l’attaccante è partito discretamente nelle prime giornate di campionato ma poi è rimasto fermo a tre marcature.

Della sua prima positiva parte di stagione si è accorto anche il commissario tecnico della nazionale, Roberto Mancini, il quale lo ha convocato per le partite di Nations League e per le amichevoli. Alla chiamata azzurra la punta ha risposto presente e ha contribuito alla permanenza in Lega A, grazie all’assist per il gol di Biraghi allo scadere di Polonia – Italia.

Alla Dacia Arena la punta ex Carpi ha la ghiotta occasione di regalare qualche bonus ai fantallenatori che hanno puntato su di lui in rosa. L’assenza dell’argentino De Paul si sentirà e mister Nicola dovrà adottare altre soluzioni per trovare la strada per un gol che a Lasagna manca da tre partite. L’ultima rete, infatti, risale alla partita casalinga contro l’Atalanta persa per 3-1.

Aumentare il bottino delle marcature per un attaccante è sempre importante, anche se, come ha già ribadito lo stesso Lasagna, l’importante sono i tre punti contro una diretta avversaria per la salvezza.

Sfruttare il fattore campo dev’essere fondamentale per una squadra che si gioca tutto per restare in Serie A ed è per questo che servono i gol di Lasagna.

È arrivato a Napoli in estate dopo che il presidente De Laurentis ha sborsato 30 milioni di euro per strapparlo al Real Betis di Siviglia.

Dopo un periodo di adattamento e di recupero a causa di infortunio, Fabiàn Ruiz a oggi è una piacevole sorpresa tra gli azzurri, uno di quelli che Carlo Ancelotti ha concesso fiducia e che lo ha utilizzato spesso nel costante turnover del tecnico emiliano.

Contro il Cagliari, il centrocampista spagnolo partirà titolare per la quinta volta in campionato, in cui ha già realizzato tre reti importantissime.

Nove punti bonus per i fantallanetori che hanno puntato su di lui in rosa e che hanno dovuto attendere la sesta giornata per l’esordio in Serie A.
La prima rete, invece, è arrivata in trasferta alla Dacia Arena di Udine:  un gran gol a giro dai 20 metri che ha sbloccato il match in favore degli azzurri al 14esimo minuto.

Le buone prestazioni però hanno fatto sì che mister Ancelotti lo utilizzasse anche in Champions League, come titolare inamovibile, tant’è che lo spagnolo ha disputato tutte e sei le partite.

Cresciuto a Siviglia, sponda Betis, il 22enne andaluso si è fatto notare soprattutto nell’ultima stagione in Liga con 35 presenze e tre reti, di cui l’ultima importantissima che ha permesso ai biancoverdi di qualificarsi in Europa League.

Dopodiché è arrivato l’assegno di Aurelio De Laurentis che ha pagato la clausola rescissoria per assicurarselo. A fargli da” garante”, curiosamente, è stato Davide Ancelotti figlio di Carlo e suo secondo sulla panchina azzurra.
Davide Ancelotti era spesso a Siviglia per far visita alla sua fidanzata (tra poco sarà la futura moglie) conosciuta ai tempi di Madrid. Il giovane Davide, dunque, quando le faceva visita andava allo stadio per vedere le partite di Betis e Siviglia. Proprio durante questo occasioni ha notato le qualità di Fabiàn Ruiz e chissà che non ne abbia parlato proprio lui al presidente De Laurentis.

Una cosa è certa per ora lo spagnolo ha dimostrato di essersi inserito bene nei meccanismi del club partenopeo e sta dando una grossa mano per migliorare il gioco del Napoli.

Una arriva con l’attribuzione di piccola contro le grandi, l’altra arriva con gli uomini contati e con una difesa tutta inventata.

Sarà questa Lazio – Milan che si giocherà alle 18 all’Olimpico di Roma. In classifica sono a un punto di distanza l’uno dall’altra con i biancocelesti a quota 22 e i rossoneri a 21. La vittoria della Lazio significherebbe quarto posto in solitaria con una buona distanza sulla quinta.

Atteggiamento molto altalenante della Lazio con le grandi. Perché se con le cosiddette piccole la squadra di Simone Inzaghi ha sempre fatto bene raccogliendo consensi e punti, con le grandi non ha dimostrato quel carattere utile per strappare un risultato positivo. Netta, ad esempio, è stata la sconfitta in casa contro l’Inter, così come è uscita malconcia dagli scontri contro Napoli, Juventus e nel derby con la Roma.

Mister Inzaghi dietro all’intoccabile Ciro Immobile tanta qualità con Luis Alberto e Milinkovic Savic, con Correa pronto a subentrare; in difesa Luiz Felipe, Acerbi e Radu.

Il Milan arriva dalla sconfitta casalinga contro la Juventus e con una formazione tutta inventata, soprattutto in difesa. Il tecnico Gattuso dovrebbe schierare una difesa a 3 con gli esperimenti di Abate e Rodriguez riadattati come centrali accanto all’unico di ruolo Zapata. Esterni del centrocampo a quattro saranno Calabria e Laxalt. Dietro la punta Cutrone (al posto di Higuain squalificato dopo il big match contro la Juve) agiranno lo spagnolo Suso e il turco Calhanoglu.

L’anno scorso all’Olimpico fu festa laziale che ha vinto per 4-1 con una grande tripletta targata Immobile.

Ciro Immobile si porta a casa il pallone, dopo la tripletta messa a segno contro il Milan la scorsa stagione

Stasera l’attaccante napoletano ci riproverà complice anche la difesa rossonera in grossa emergenza.

Quando sei cresciuto con dei colori addosso e hai avuto modo di vivere per tanti anni nella stessa città e debuttare in prima squadra, beh difficilmente riesci a non pensare i bei momenti trascorsi in quell’avventura.

Sono un po’ i pensieri e le sensazioni che Andrea Pinamonti proverà questa sera prima del match tra Inter – Frosinone a san Siro. Il calciatore classe ’99, cresciuto proprio nel settore giovanile interista, si è finalmente ritagliato il suo spazio nell’attacco ciociaro, grazie soprattutto alle due reti messe a segno nelle ultime due partite di campionato (in 31 minuti giocati) oltre al gol realizzato in questa pausa per le nazionali con l’Italia Under 20.

Andrea Pinamonti con la maglia dell’Inter Primavera

Proprio l’allenatore Longo potrebbe offrirgli una maglia da titolare contro la sua ex squadra, ancora proprietaria del suo cartellino. Il sogno del giovane attaccante è quello di cresce, sfruttando al meglio l’occasione di Frosinone, per poi tornare a Milano per restarci.

San Siro è uno stadio dalle grandi emozioni ed è quello in cui ho esordito in prima squadra durante un match di Europa League, trasmette i brividi a guardarlo!

Per Pinamonti parlare di futuro è molto molto presto perché c’è da guidare il Frosinone a una permanenza in Serie A e, per fare ciò, i canarini hanno bisogno delle sue reti. Ovviamente la continuità di gioco aiuterà a trovare sempre miglior feeling con i compagni, anche perché Pinamonti è sempre stato un attaccante dal fiuto del gol.
Con la maglia delle giovanili dell’Inter è stato uno dei più prolifici, sia in campionato che nei vari tornei internazionali come il Viareggio e la Youth League. Con la Primavera ha realizzato 27 reti in 50 presenze, vincendo il Campionato e una Coppa Italia.
Stesso discorso vale anche per le categorie giovanili dell’Italia in cui l’attaccante trentino è sempre risultato decisivo.

La società nerazzurra crede in lui e lo stesso neopresidente Steven Zhang si è complimentato personalmente per il buon rendimento a Frosinone, ovviamente sperando che per stasera si stia buono contro l’Inter.

Al suo ritorno in Italia c’è chi aveva storco il naso per lo scetticismo, c’è chi invece sperava in un suo rendimento positivo come gli anni indimenticabili trascorsi al Milan. Fino ad ora, Kevin Prince Boateng ha soddisfatto ogni attesa e al Sassuolo sta raccogliendo consensi e belle prestazioni.

Quest’estate è tornato in Italia dopo le esperienze in Liga con il Las Palmas e in Bundesliga con l’Eintracht di Francoforte. Il presidente neroverde Squinzi, su suggerimento del tecnico De Zerbi, ha voluto richiamare il ghanese e riportarlo in quel campionato in cui ha fatto bene con la maglia rossonera.

Il ruolo di falso nueve cucitogli addosso da De Zerbi gli stanno permettendo di essere più vicino alla porta avversaria oltre che essere molto vivo nel gioco del Sassuolo. Fino ad ora la mossa sembra essere più che azzeccata, non solo per i tre gol messi a segno in sei partite di campionato.

Prince non si è mai sentito morto e ammette di non essere tornato in Italia per cercare riscatto.

Si è riaffacciato in Serie A su ordine del mister De Zerbi:

Lui non me l’ha chiesto, mi ha ordinato di venire. Volevo tornare in Italia e stare vicino a Milano, dove andrò a vivere con mia moglie Melissa Satta e mio figlio Maddox quando avrò smesso di giocare.

Milano è rimasta nel cuore del calciatore ghanese il quale prova stima per la società e affetto per i tifosi rossoneri.

Stasera c’è proprio Sassuolo – Milan e Boateng ammette che se dovesse segnare un gol non esulterà.

Intanto scherza sulla differenza tra l’atmosfera di san Siro e quella del Mapei Stadium:

Qui mi trovo bene e giocare in uno stadio da 10mila posti per certi versi è positivo: almeno se dovessi giocare male avrei meno gente che mi fischia rispetto a quando giocavo al Meazza con 80mila spettatori che mi guardavano!

Sono passati quasi 29 anni da quel 17 settembre 1989 in cui un giovanissimo Roberto Baggio salì in cattedra al san Paolo di Napoli per segnare un gol “alla Maradona”.

Un match sentitissimo quello tra i partenopei, guidati dal Pibe de Oro, e la Viola da un promettente Divin Codino che, da lì a poco, diventerà icona del calcio mondiale.

Un Napoli ricco di campioni, capace di vincere poi il secondo scudetto della storia, e una Fiorentina incognita che poi chiuderà a 28 punti, raggiungendo a fatica la salvezza.

Quella partita però è rimasta nella storia del calcio italiano, non tanto per il risultato, ma per come è stata interpretata soprattutto dal giovane Baggio. Complice l’assenza di Diego Armando Maradona, lasciato il primo tempo a a riposo in panchina, il numero 10 viola è riuscito a mettere in mostra tutto il suo talento.

In effetti, nei primi 45 minuti il funambolico fantasista viola realizza una doppietta, portando i toscani sul 2-0 all’intervallo, davanti a uno sorpreso Maradona, fremente in panchina.

Baggio segna una doppietta: la prima rete  su rigore al 22esimo minuto dopo che lui stesso se lo procura. Il numero 10 entra in area dribblando Renica che da terra lo stende. Dal dischetto Roby non sbaglia.

Ma il meglio deve ancora venire. Nove minuti più tardi Baggio decide di prendere palla a centrocampo e partire puntando diritto verso la porta napoletana. Salta nuovamente il difensore Renica e anche un terzino, per poi trovarsi di fronte il portiere Giuliani. Diagonale? Scavetto? No! Il numero 10 decide di spostarsi la palla con la suola (tocco di pura classe), mettendo a sedere l’estremo difensore, per poi calciare a porta vuota. San Paolo annichilito e Roby Baggio scrive una bellissima pagina di calcio a casa di Maradona.

Il match poi sarà vinto dal Napoli grazie a una grandissima rimonta guidata da Maradona, ma in quel giorno a brillare è stata la stella di Baggio, stella che continuerà a brillare per tantissimi anni.

In Serie A non siamo certi abituati a vedere l’attaccante nerazzurro Mauro Icardi disperarsi e arrabbiarsi con se stesso per un gol mancato, piuttosto siamo pronti a vederlo sorridere e a esultare dopo un gol messo a segno.

Qualcosa però durante il derby di Milano è successo. Il numero 9 argentino ha perso quello smalto e quella lucidità che lo contraddistingue in area di rigore e, per una volta, è stato lui a disperarsi e il peggiore in campo del match.

Due gol letteralmente mangiati a Donnarumma battuto, uno negli ultimi secondi di gioco, e che avrebbe significato tre punti per i nerazzurri.

Per i tifosi interisti non resta che riderci su e pensare che per una notte il loro capitano sia stato sciagurato così come il giornalista Gianni Brera coniò il soprannome di “Sciagurato Egidio” all’attaccante Egidio Calloni. Brera prese spunto dal personaggio de “I promessi sposi” di Alessandro Manzoni, anche lui chiamato Egidio, seduttore della Monaca di Monza e definito, nel romanzo, “un giovine, scellerato di professione”.

Approdato al Milan a 22 anni, Calloni era un giovane più che promettente con la garanzia di segnare valanghe di gol, peccato però poi divenne famoso più per quelli sbagliati.

Un soprannome che proprio non andava giù all’attaccante rossonero il quale, anche a distanza di anni dal suo ritiro dal rettangolo verde, ha sempre declinato qualsiasi invito televisivo e giornalistico.

Giorgio Porrà, altro grande giornalista, lanciò addirittura un fortunatissimo programma con uno sguardo romantico sul pallone intitolandolo proprio “Lo Sciagurato Egidio”.

Egidio Calloni si è trovato anche in un’epoca in cui i cronisti punzecchiavano non poco che non aveva feeling col gol. A Calloni a porta vuota di gol ne sbagliò, se così si può dire, uno soltanto, arrivando in ritardo in spaccata su un diagonale che aveva superato il portiere. Per quella che doveva essere l’ennesima domenica di noia la penna di Brera cercò di rendere più frizzante quella giornata indicando nel centravanti rossonero la causa di tutti i mali.

Nel derby di Milano stavolta la sfortuna è caduta sul calciatore nerazzurro Icardi il quale, per una notte, è stato “Sciagurato Egidio”.

Lo sport italiano riesce ad esportare i propri talenti in tutto il mondo e in tutte le discipline sportive: non solo calcio, pallavolo o pallacanestro ma anche nella pallamano.

La 25enne campionessa, Anika Niederwieser, originaria di Bressanone, dopo una lunga permanenza dal (2011 al 2016) nella Esercito-Figh Futura Roma, ha deciso di trasferirsi in Germania in Bundesliga nel Thüringer HC.
Purtroppo il terzino sinistro a causa di un infortunio alla spalla ha concluso anzitempo la stagione e non potrà nemmeno partecipare alla spedizione europea della Nazionale italiana handball in Croazia il prossimo giugno, ma farà il tifo da casa. Anika, operata dal professor Tauber, ha ribadito che sta migliorando giorno per giorno anche grazie alle terapie di riabilitazione e punta alla prossima stagione.

Dal punto di vista professionale per ora preferisce restare all’estero per competere ad alti livelli anche dal punto di vista internazionale.

Come procede al stagione con il Thüringer?

La stagione volge al termine e siamo in lotta ancora per 2 obiettivi: la coppa di Germania, dove ci siamo qualificate per la Final Four e mantenere il  secondo posto in Bundesliga che garantirebbe l’accesso alla EHF Champions League. Quest’anno in Champions siamo usciti al main round e non siamo riuscite a qualificarci per i quarti di finale. Abbiamo margini di miglioramento non è un caso che il Thüringer abbia vinto consecutivamente le ultime sei edizioni della Bundesliga.

Aldilà dell’infortunio, come reputi la tua esperienza sinora nel campionato tedesco?

Sono molto soddisfatta delle mie prestazioni che seppur condizionate dal mio infortunio sono state sicuramente di alto livello. Ho iniziato la mia avventura in Germania giocando e vincendo la Supercoppa da protagonista segnando 8 gol davanti a un pubblico molto numeroso (circa 2000 spettatori) e caldo. Questa è già una grandissima differenza perché in Italia non è così seguita. Ancora siamo un po’ indietro rispetto agli altri Paesi europei ma, analizzando il percorso che la Federazione italiana gioco handball ha intrapreso negli ultimi anni e che sta programmando per il futuro, posso dire che si potrà benissimo diminuire il gap.

La stagione è lunga e pesante?

Sì la stagione parte un mese e mezzo prima dell’inizio del campionato con focus prima riguardo la parte fisica e atletica e poi molti test match. Durante la settimana prepariamo le partite studiando in maniera meticolosa le mosse dell’avversario.

Com’è il tuo rapporto con squadra e mister?

Con le mie compagne mi trovo bene. È stato facile integrarsi nel gruppo perché fin da subito mi hanno messo a mio agio. Siamo un bel gruppo e anche questo è importante. Anche con l’allenatore ho un buon rapporto, crede fortemente in me e ha la grande abilità di saper tirar fuori il meglio da ogni sua giocatrice.

Sinora qual è il tuo più grande successo personale e di squadra?

Il mio più grande successo personale è stato il premio come miglior difensore del Mondiale di Beach Handball 2014 disputato a Recife in Brasile. Con la Nazionale di Beach Handball abbiamo anche conquistato la medaglia d’oro ai Giochi del Mediterraneo nel 2015. Nell’indoor è stato l’accesso ai playoff dei Mondiali che si disputeranno in Germania il prossimo dicembre (la prima volta nella storia).
Mentre una delle emozioni più forti le ho provate al debutto in EHF Champions League, ma non posso dimenticare i brividi che sento quando con l’Italia canto l’inno nazionale insieme alle mie compagne e al pubblico. Da pelle d’oca.

 

Dal punto di vista sportivo-culturale cosa preferisci della Germania rispetto all’Italia?

La cosa che mi ha colpito di più è che in Germania esiste già un’attività propedeutica allo sport quando si è bambini nelle scuole. Puntano molto all’educazione sotto ogni punto di vista.

Passando più sul personale. Dov’è nata la passione per la pallamano?

La tradizione della pallamano della mia famiglia ha radici molto antiche, già mia nonna amava questo sport. Sin da piccola ho trascorso ogni sabato a vedere le partite di mio padre. Ho provato dapprima altri sport (pallavolo, nuoto e atletica leggera) ma crescendo mi sono accorta che i miei geni ospitavano la passione per la pallamano sia indoor che la beach handball.

Durante la tua permanenza in Germania ti è capitata qualche situazione goffa?

Durante il viaggio per affrontare la prima trasferta, a seguito di una frenata dell’autobus, mi si è rovesciato addosso tutto il piatto di spaghetti alla bolognese (ride, ndr).

A cosa ti dedichi nel tempo libero?

Nei momenti in cui sono lontana dai campi, studio o mi incontro con i miei compagni di squadra. In particolare mi piace viaggiare e scoprire nuovi posti.

Credi che dopo la fine del tuo contratto tornerai in Italia?

A me piacerebbe restare ancora all’estero per alcuni anni per giocare ad alti livelli internazionali.

Dario Sette