Calcio

Chiamatelo “Mister settembre”: il mese in cui CR7 segna di più

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr
Chiamatelo pure Mister Settembre che è anche un efficace metodo per scacciare cattivi pensieri che aleggiano sulla testa di Cristiano Ronaldo. Non si mette in discussione il portoghese, partiamo da questo presupposto, ma nei 270 minuti di Serie A, i suoi primi 270 minuti fuori dall’universo Real Madrid dove lui era il sole e tutto il resto gli gravitava attorno, la Juventus non ha ancora capito come innescare la potenza straripante di CR7. E viceversa.
Parma-Juve, rispetto al match contro la Lazio e alla sua prima in Italia contro il Chievo, è stata un passo indietro, soprattutto perché Ronaldo, spulciando i dati relativi all’ultima Liga spagnola, non ha ancora messo in luce il suo “nuovo” marchio di fabbrica, il tiro di prima intenzione all’interno dell’area di rigore. Sì perché, dieci degli ultimi undici gol spagnoli sono arrivati così: passaggio teso o cross verso il ragazzo di Madera. Gol.

Va detto che Cristiano Ronaldo è fin troppo poliedrico e “libero” da schemi per impuntarsi con la conclusione a colpo sicuro all’interno dei 18 metri, ma Allegri sta cercando di far quadrare i movimenti della squadra per esaltare le caratteristiche del portoghese. Anche per questo, Ronaldo ha rinunciato alla convocazione con il Portogallo per restare a Torino  e affinare il suo feeling con il reparto offensivo: Mandzukic sta rendendo appieno, per Dybala, invece, può essere il momento per rilanciarsi.
Ma forse, non è necessario tutto questo: se Cristiano Ronaldo ha imparato a essere decisivo soprattutto in primavera con reti che hanno via via cementato la Champions come prerogativa di Madrid, è altrettanto vero che CR7 ha settembre come mese preferito per segnare gol a grappoli. Più dei restanti undici. In carriera, nelle partite di campionato e coppa col Real, 57 gol, oltre uno a partita: miglior rendimento in assoluto; a seguire marzo con 54 gol e aprile con 55.

Prima di ottobre la Juventus incontrerà Sassuolo, Valencia in Champions League, Frosinone, Bologna e il big match contro il Napoli. Dalle parti dello stadio San Paolo sanno essere scaramantici e questo lo si sa, ma anche le altre città si stanno attrezzando per fronteggiare Mister Settembre.

Redazione mondiali.it

Comments are closed.