Pallavolo

Mondiali, l’Italia perde 0-3 con la Serbia. Ora si gioca tutto contro la Polonia

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

L’Italvolley è tornata sulla terra e lo ha fatto nel modo peggiore possibile.

Gli azzurri, al primo match delle Final Six, sono stati letteralmente strapazzati dalla Serbia con un netto 3-0 (25-15, 25-20, 25-18). Una partita che ha visto i balcani nettamente superiori rispetto ai nostri e ora la strada si fa molto più complicata con la partita della vita da affrontare contro la Polonia domani sera.

Un primo set proprio da dimenticare in cui l’Italia è rimasta negli spogliatoi nonostante la spinta dei 15mila spettatori presenti al PalaAlpitour di Torino. Gli altri due set un po’ più combattuti ma mai realmente incisivi.

Una serata da incorniciare per i serbi, soprattutto in difesa e alla battuta. Quando ci metti caparbietà tutto ti riesce bene. Caparbietà che invece gli azzurri hanno lasciato al match contro l’Olanda vinto per 3-1 qualche giorno fa.

Contratti e confusi, i ragazzi di Blengini si arrendono quasi senza giocarsela con la solida squadra di Grbic, devastante anche avanti.

Lo scarso rendimento azzurro in attacco (un misero 37% di realizzazione con appena 13 punti in due per Zaytsev e Juantorena) hanno contribuito alla giornata negativa, oltre ai discontinui errori in ricezione e sotto rete.

Ora serve un pronto riscatto contro la Polonia per cercare di rialzare subito la testa se si vuole raggiungere la semifinale. Partita difficilissima soprattutto dal punto di vista mentale e ci vorrà quasi un miracolo contro i campioni del Mondo. Ovviamente bisogna capire anche il risultato di questa sera in cui i polacchi sfideranno proprio i serbi.

A brillare nel match è stato Aleksandar Atanasijevic con 19 punti, per l’Italia solo Mazzone in doppia cifra (11 punti).

Per il regista Simone Giannelli alla Gazzetta

Non siamo riusciti a cambiare mai la partita. Non siamo mai stati lucidi nella nostra fase di cambio palla. Loro sono stati sempre costanti, è colpa nostra che non siamo mai riusciti a cambiare la situazione.

Giornalista professionista, cura “Italians”, rubrica che parla di sportivi italiani che si sono affermati all’estero. E chissà magari, Ivanka Trump, la prossima volta non confonderà più Giorgio Chinaglia, ex attaccante di Lazio e New York Cosmos, per un santo.

Comments are closed.