Pallavolo

Mondiali femminili, ottovolante Italvolley. Russia ko e accesso alle Final Six

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

L’Italia femminile di pallavolo è tra le migliori sei al mondo. Ancora una nuova grande prestazione delle ragazze azzurre ai Mondiali in Giappone: a Osaka sconfitta 3-1 la Russia (22-25, 25-20, 25-18, 25-22) e ottava vittoria consecutiva per una Nazionale in rosa ancora imbattuta. L’Italia è così matematicamente qualificata alle Final Six di Nagoya tra il 14 e il 16 ottobre. Domani l’Italvolley sarà impegnata contro gli Stati Uniti per giocarsi il primo posto nella Pool F (ore 9.10).

 

Il simbolo delle ragazze di Davide Mazzanti è Paola Egonu, devastante contro le russe con 29 punti (25 diretti, 2 muri, 2 aces). Ma è l’intero gruppo a meritare gli applausi, da Sylla a Chirichella passando per Bosetti e Malinov. La partita contro la Russia ha lo stesso copione di quella vinta contro la Cina. Dopo il primo set perso, le azzurre non si perdono d’animo, iniziando lentamente ma inesorabilmente la rimonta.

Paola Egonu

Primo parziale punto a punto, le russe confermano la loro grande tradizione pur prive di Kosheleva e Goncharova. L’Italia resta incollata al punteggio, ma pecca in attacco, lasciando via libere alle avversarie (22-25). Nel secondo set, l’inerzia non sembra cambiare. La Russia gioca bene, senza impacci, la Nazionale di Mazzanti si aggrappa a Egonu ma non è sufficiente. E’ solo, però, un’impressione. Sull’11-16, break decisivo delle azzurre che risalgono la china con Egonu e Sylla piazzando un filotto di 8-0 fino al 23-19 (25-20 il finale).

 

Il muro che chiude il secondo set è il prologo del Paola Egonu show nel terzo. La schiacciatrice di Novara è un rullo compressore, salgono in cattedra anche De Gennaro in difesa, Bosetti al servizio, Sylla al muro. Le russe non ci capiscono più niente e il punteggio ne è la conseguenza (25-18).

8 su 8 finora per l’Italvolley in Giappone

 

Nell’ultimo set la squadra di coach Pankov parte bene, cercando di restare nel match (9-12). Ma contro la difesa italiana, con una super Chirichella al muro, c’è poco da fare. Ancora Paola Egonu e ancora Miriam Sylla. Nonostante qualche errore di troppo nel finale, l’Italvolley chiude la gara sul 25-22.

 

È pieno di errori da ambo le parti l’avvio del quarto set. La Russia mantiene un buon +3 fino al 9-12, Chirichella impatta con l’ennesimo muro e sorpassa in attacco. Sylla torna protagonista per il 20-17, Egonu stende Startseva con il 21-19 e fa l’ace del 22. Ancora suo il 24 prima di tre errori che rimettono in gioco le russe che poi sbagliano il servizio: 25-22, 3-1 e Final Six garantite.

 

 

 

 

Giornalista, nato e cresciuto nella provincia barese con pezzi di cuore sparsi tra Roma e Liverpool, a metà tra Penny Lane e Strawberry Fields. Segue il calcio da quando Andrè Escobar segnava nella propria porta a Usa ‘94 mentre Roberto Baggio riceveva palla da «un’iniziativa di Mussi sulla fascia destra» . SCOPRI LO SCONTO UTILIZZANDO IL COUPON: VINCENZOP

Write A Comment