Pallavolo

Francesca Piccinini si ritira dalla pallavolo

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Francesca Piccinini si ritira. Una delle giocatrici simbolo della pallavolo italiana, campionessa del mondo nel 2002 e con una lunga carriera alle spalle, ha deciso di dire addio all’attività agonistica. E’ stata la stessa schiacciatrice toscana ad annunciarlo ai microfoni del programma Verissimo:

Sono qui per annunciare che non giocherò più a pallavolo, mi ritiro. Ho vissuto un sogno per tanti anni, ma penso che sia arrivato il momento di dire stop a questa vita stupenda e iniziarne una nuova. Ho voglia di vivere altre emozioni

Oro mondiale nel 2002 ed europeo nel 2009, la Piccinini ha vestito in carriera le maglie, fra le altre, di Reggio Emilia, Modena, Bergamo, Chieri, Casalmaggiore e Novara, oltre a un’esperienza nel campionato brasiliano col Paraná Vôlei Clube. Una lunga carriera impreziosita da cinque scudetti, quattro Coppe Italia, sette Champions, una Coppa Cev, una Coppa delle Coppe e una Supercoppa Europea. Piccinini ha 40 anni, è nata a Massa nel 1979 e gioca in serie A dalla stagione del 1993-94, dove esordì con la Pallavolo Carrarese

È stata dura prendere questa decisione, ma ho 40 anni ed esco da vincente perché due mesi fa ho vinto la mia settima Coppa dei Campioni,Mi mancheranno le sensazioni prima delle partite e l’adrenalina dopo le vittorie ma le cercherò in qualcos’altro. Sono ancora un po’ frastornata ma credo sia la decisione più giusta. Ringrazio questo bellissimo sport che mi ha formato e mi ha aiutato tantissimo a diventare la donna che sono oggi

Per il futuro le intenzioni della Piccinini sembrano proiettate verso i più piccoli e ai microfoni del talk show dichiara: «In futuro vedremo, non credo di voler allenare ad alti livelli perché significherebbe stare nuovamente in palestra tutti i giorni, però mi piacerebbe far crescere le bambine». La campionessa non nasconde poi i suoi desideri personali, come quello di diventare mamma: «Vorrei ma è dura trovare la persona con cui fare una famiglia».

Redazione mondiali.it

Comments are closed.