News

Magie da Fa Cup: Wayne Shaw, portiere tuttofare del Sutton

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Magie che solo l’FA Cup sa regalare. La principale coppa nazionale di calcio inglese, nonché la più antica competizione calcistica ufficiale al mondo, essendo stata istituita nel 1872, nel match del Monday night ha messo di fronte Sutton e Arsenal. Se i Gunners non hanno bisogno di presentazioni, va spesa qualche parola in più per la squadra del sobborgo di Londra che gioca in quinta serie.
Le stelle della Premier League sul campo sintetico del Gander Green Lane, un impianto con appena 5013 posti, solo 765 quelli a sedere, spogliatoi minimalisti, una caldaia che funziona a intermittenza e poco altro. Non c’è stato, però, l’happy ending tanto atteso per il piccolo Sutton che si ferma al quinto turno: con i gol di Lucas Perez e Theo Walcott, l’Arsenal ha vinto 2-0.
Post scriptum: c’è stata anche questa bizzarra invasione.

Rimarrà un uomo, però, nei ricordi e nella mitologia del calcio inglese: Wayne Shaw. Portiere di riserva del Sutton e, al contempo, preparatore dei portieri più giovani, Shaw, 45 anni e quasi 120 kg, è diventato immediatamente l’idolo degli appassionati.
Uno show di Shaw, verrebbe da dire, giocando sull’assonanza fonetica. Ci teneva a non far fare brutta figura alla sua realtà, ai suoi cittadini e al suo team: già nei giorni prima del match ha aiutato a risistemare il terreno di gioco e a cambiare le luci del riflettore.
Qualche ora prima dell’inizio dell’incontro, invece, lo si è visto passare l’aspirapolvere accanto alle panchine.

Goffo, ma bello da vedere, Shaw ha dato spettacolo anche durate la partita stessa. L’ex gelataio, al minuto 82, a match praticamente archiviato e con i cambi tutti effettuati, ha deciso in tutta tranquillità di gustarsi un meat pie (una specie di torta di carne). Strambo abbastanza no? Eppure, lo stesso profilo Twitter del club, al termine del primo tempo, ha pubblicato un’immagine con il risultato parziale accompagnata dall’ormai iconico cibo. Devono andare pazzi da quelle parti!

 

Perdonateci il paragone, ma a noi è venuto in mente un altro bizzarro portiere di Sua Maestà: John Osborne, portiere degli anni ’60, idolo del West Bromwich Albion con oltre 250 presenze, immortalato mentre sul terreno di gioco si fuma beatamente una sigaretta. Nel calcio, è successo anche questo.

Giornalista professionista, cura “Curiosità sportive”, rubrica-memorabilia di aneddoti, storie e miti legati allo sport, riavvolgendo le lancette del tempo perché il suo cuore è ancora fermo sulla traversa dove si è stampato il rigore tirato da Di Biagio nel Mondiale del ’98.

Comments are closed.