News

Qualificazioni mondiali: Italia vince, ma che fatica

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Gli azzurri tornano da Skopje con un successo importantissimo al termine di un incontro molto tirato e risolto solo in extremis.
Ventura rivoluzione la squadra. Il c.t. lancia Bernardeschi insieme a Verratti e Bonaventura. Rispetto al match di Torino, a destra c’è Candreva e non Florenzi, mentre in attacco nasce la coppia Immobile-Belotti, due che Ventura conosce bene.

Sui calci da fermo l’Italia è sempre pericolosa. Nasce così il gol: Belotti irrompe su un corner, apre il destro al volo e gela Bogatinov per l’1-0 Italia.

Al 12′ della ripresa, quando Nestorovski pareggia l’errore è del retropassaggio di Verratti, ma è tutta la squadra a mancare. Dopo meno di tre minuti Bernardeschi regala il 2-1 ad Hasani. Quando sembra notte fonda ecco che Immobile ribalta il match. Prima con la zampata del 2-2 e poi con il gol vittoria al termine del recupero.

ventura

 

“Abbiamo avuto dieci minuti di sbandamento – ammette il tecnico azzurro – in cui non eravamo più l’Italia, poi abbiamo reagito e ci siamo presi questa vittoria. Sono passaggi, questi, che dobbiamo affrontare, ma sono convinto che ci porteranno qualcosa di buono. Immobile? Ha fatto il suo dovere, ma per un quarto d’ora nessuno lo ha fatto. Nel finale li abbiamo schiacciati. Ci stiamo avvicinando piano piano…”.

immobile

“Nel secondo tempo – racconta l’azzurro – siamo scesi in campo un po’ molli, una volta subito il pari non abbiamo saputo reagire, ma poi l’ abbiamo fatto sul 2-1. Su questi campi non puoi sbagliare niente, o ti  mangiano.

verratti

“E’ stata una partita molto sofferta, senza il mio errore la Macedonia non sarebbe ritornata in gara. Poi abbiamo avuto dieci minuti di confusione, ma alla fine ce l’abbiamo fatta e abbiamo dimostrato di essere una grande squadra. Il risultato é giusto e meritato”.

 

14567521_1336553513052299_8153944709129931932_o

belotti

“Abbiamo avuto tanta paura – sottolinea -ma alla fine siamo riusciti a portare a casa i tre punti, che stasera erano la cosa più importante. Era difficile giocare contro una squadra che puntava tutto sul contropiede, noi abbiamo vinto con il cuore.

Redazione mondiali.it

Comments are closed.