News

Lo strano caso di Matteo Ricci

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Alcune volte accadono cose inspiegabili e lo strano caso di Matteo Ricci, che ora è svincolato mentre solo pochi mesi fa era in nazionale, è veramente assurdo. Generalmente tendiamo a pensare che, dopo aver raggiunto grandi traguardi, tutto continui a procedere per il meglio; invece a volte ci si trova da soli senza un motivo apparentemente valido.

Il giocatore, dopo 2 stagioni in serie B con lo Spezia, è stato uno degli artefici della promozione in Serie A e, nella passata stagione, di una bella salvezza. Eppure, al momento, si trova senza contratto, nessuna squadra sembra credere in lui ed è costretto ad allenarsi da solo per non perdere la condizione; in attesa di qualche buona proposta contrattuale, che per ora tarda ad arrivare.

Lo strano caso di Matteo Ricci – Le sue Parole

Nel corso di un’intervista alla Gazzetta dello Sport, il centrocampista romano si sfoga e ammette di essere in un periodo non facile della sua vita. Visto che non è arrivata alcuna chiamata, si allena con un preparatore atletico da solo per farsi trovare pronto in caso di un risvolto positivo.

Per ora ha ricevuto solo un’offerta dall’Arabia Saudita ma ha deciso di declinarla perché non lo convinceva molto. Non riesce a darsi una spiegazione del perché, a 27 anni e con lo status di svincolato che elimina la burocrazia, nessuna squadra italiana punti su di lui; dopo la promozione in Serie A e la salvezza, infatti, pensava di aver dimostrato il suo valore e non di trovarsi in questa situazione poco piacevole per un calciatore.

Ricci, però, non si perde d’animo e continua a lavorare, seppur farlo in queste condizioni sia diverso dall’allenarsi con i compagni di squadra. Oltre a questo, attende fiducioso una chiamata dal suo procuratore Pastorello, che metta fine a questa parentesi molto sfidante della sua vita.

Alla fine dell’intervista, l’ex giocatore dello Spezia parla della sua breve esperienza in nazionale e dice che è stato bellissimo far parte del gruppo di Mancini a marzo; per il futuro, spera di poter attirare ancora l’attenzione del commissario tecnico azzurro, fresco vincitore di Euro 2020.

Redazione mondiali.it

Comments are closed.