News

Intervista a Guidolin

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Quando parla un allenatore dci grandissima esperienza, il suo parere è da considerarsi autorevole e l’intervista a Guidolin è un esempio di discorso saggio. Il tecnico di Castelfranco Veneto, infatti, che è al settimo posto nella classifica di presenze in panchina in Serie A, ha rilasciato una bella intervista alla Gazzetta dello Sport; si è soffermato sul campionato Italiano e in particolare su Inter e Milan, due delle pretendenti allo scudetto 2022.

Intervista a Guidolin – Le sue Parole

La prima domanda riguardava il Milan e Guidolin ha detto che la squadra vista a Marassi lo ha piacevolmente impressionato. Pioli, infatti, si è dimostrato bravo nella capacità di cambiare per adattarsi all’avversario e contro la Sampdoria la scelta di farsi pressare per rilanciare lungo ha dato i suoi frutti. Un’altra nota positiva sono stati i giovani, come Diaz e Tonali, che hanno dato un bell’apporto alla squadra in termini di qualità e quantità.

Su Calhanoglu, il mister ha detto che si tratta di un giocatore molto versatile, che sa giocare sia come ala che come interno di centrocampo. Con lui l’Inter ha trovato un ottimo atleta, che potrebbe innestarsi alla perfezione in un meccanismo di gioco consolidato, lasciato in eredità da Antonio Conte.

Con la partenza di Lukaku, secondo lui, l’Inter ha perso molto in attacco ma Dzeko ha dimostrato di poterlo sostituire alla grande e l’acquisto di Correa conferisce una grande forza all’attacco nerazzurro.

Guidolin poi ha parlato di Maignan, dicendo che nella prima partita ha dimostrato di essere molto bravo sia con le mani che con i piedi, avendo propiziato il gol rossonero con un suo lancio. La squadra ha personalità e anche il portiere ha esordito con una grande prova di carattere, partendo al meglio. Giroud è un altro grande giocatore e la sua esperienza sarà sicuramente utile alla sua nuova squadra. Sulla convivenza con Ibra, si è detto sicuro che Pioli riuscirà a trovare la quadra e a gestirli nel migliore dei modi, nel corso della lunga stagione alle porte.

Sul prossimo campionato, si aspetta un gioco più divertente, con partite ricche di gol e una maggior predisposizione al calcio offensivo, come visto negli Europei 2020. Le maggiori candidate al titolo sono, per lui, Juve, Inter e Milan. La Vecchia Signora ha qualità tecniche superiori alle altre, l’Inter può contare su una buona base dopo lo scudetto vinto e il Milan sui tanti giovani bravi di cui dispone.

Redazione mondiali.it

Comments are closed.