Warning: stripos() expects parameter 1 to be string, array given in /home/customer/www/mondiali.it/public_html/wp-includes/functions.wp-styles.php on line 90

Warning: trim() expects parameter 1 to be string, array given in /home/customer/www/mondiali.it/public_html/wp-includes/functions.wp-styles.php on line 101
Gran Premio d'Australia: Hamilton domina le prove libere - Mondiali.it
News

Gran Premio d’Australia: Hamilton domina le prove libere

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Comincia nel segno della Mercedes il Mondiale 2017 della Formula 1, al via domenica con il Gran Premio d’Australia.

Sul circuito di Melbourne, è Lewis Hamilton il dominatore delle prove libere del venerdì: il britannico gira con il miglior tempo sia nella prima che nella seconda sessione, fermando il cronometro a 1’23″620, unico a scendere sotto la soglia dell’1’24”.

Alle spalle dell’ex iridato si piazza la Ferrari del tedesco Sebastian Vettel, secondo con un ritardo di 0″547. Terza l’altra Mercedes del finlandese Valtteri Bottas (+0″556) davanti alla Rossa del connazionale Kimi Raikkonen, quarto a 0″905 da Hamilton.

Dietro Mercedes e Ferrari, ecco le RedBull dell’australiano Daniel Ricciardo e dell’olandese Max Verstappen, con un gap rispettivo di 1″030 e 1″393. Conclude la top ten del venerdi’ lo spagnolo Carlos Sainz Jr (Toro Rosso) a 1″464, il francese Romain Grosjean (Haas) a 1″816, il tedesco Nico Hulkenberg (Renault) a 1″858 ed il russo Daniil Kvyat (Toro Rosso) a 1″873.

vettel

“Soddisfatto? Onestamente -ha dichiarato Vettel a Sky sport- non mi soffermo solo sul tempo. Nel complesso non sono molto contento del bilanciamento della macchina perché non è quello che voglio, non è male ma si può fare meglio”.

In ritardo, invece, la McLaren di Fernando Alonso, 12esima, e la Williams di Felipe Massa, 14esima. Insomma, anche al pronti e via della nuova stagione la Mercedes, senza l’iridato in carica Nico Rosberg, ritiratosi dopo la sua splendida cavalcata mondiale, sembra avere una marcia in più’ rispetto alle più immediate ‘inseguitrici’, a cominciare da una Ferrari comunque competitiva, soprattutto con Vettel, rimasto fermo per circa trenta minuti a causa di un problema all’ala mobile ma comunque in grado di restare in scia di Hamilton. Il quale, proprio alla vigilia, aveva indicato in ‘Seb’ il suo rivale numero uno per la conquista del trono.

 

Redazione mondiali.it

Comments are closed.