Calcio

Cristiano Ronaldo lascia la Juve

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Se è vero che tre indizi fanno una prova, non c’è da stupirsi per la notizia di Cristiano Ronaldo che lascia la Juve, visto che i segnali di rottura sono stati ben più di tre. Il trasloco delle auto a maggio, infatti, era più di un’indicazione della sua volontà di cambiare aria e, soprattutto, squadra.

A questo, poi, si sono aggiunti i mal di pancia del finale della scorsa stagione, la dimenticanza di citare la Juve nei suoi post social degli ultimi mesi, la panchina nella prima di campionato a Udine e l’infortunio sospetto alla vigilia della gara di Empoli.

Dopo aver preso l’aereo per lasciare Torino, sembrava molto vicino ad accasarsi al Manchester City ma la trattativa non è decollata. E’ delle ultime ore, invece, la notizia dell’accordo raggiunto con la sua ex squadra, il Manchester United, che versa alla Juve circa 28 milioni di euro. Il portoghese avrebbe firmato un biennale da 25 milioni di euro a stagione; il club, dal canto suo, ha già ufficializzato il ritorno del fuoriclasse all’Old Trafford, che lascia la Juve dopo 3 anni e la bellezza di 101 reti in 134 presenze con la maglia bianconera.

Cristiano Ronaldo lascia la Juve – Le parole di Allegri

Il tecnico della Juve, nel corso della conferenza stampa prima della gara contro l’Empoli, si soffermato sulla vicenda CR7 e ha ammesso che il portoghese gli ha comunicato la volontà di andare altrove. Dopo aver rimarcato l’attenzione sull’importanza della prossima sfida e su ciò che non è andato bene contro l’Udinese, ha detto che la squadra deve trovare un nuovo equilibrio senza Ronaldo.

Non è rimasto deluso per il comportamento del calciatore, visto che cambiare club fa parte della vita di un calciatore; in passato, inoltre, molti altri grandissimi calciatori hanno lasciato la Juve, che è la cosa più importante in assoluto. I campioni, quindi, passano ma la Vecchia Signora resta. Senza di lui, i gol saranno più distribuiti e, comunque, nella sua squadra sono molti i calciatori che sanno metterla dentro. Detto questo, il mister ringrazia il suo ormai ex attaccante e ne sottolinea, qualora ce ne fosse bisogno, il grande talento e la grande efficacia realizzativa.

Sulla sua precedente dichiarazione in merito alla permanenza di CR7, Allegri dice che dopo la panchina di Udine il portoghese gli aveva detto che sarebbe rimasto; poi, con il mercato, tutto può cambiare da un momento all’altro e comunque è importante che chi fa parte del gruppo abbia voglia di rimanere. Il tecnico poi è concentrato sulla partita contro l’Empoli, dichiarandosi tranquillo del fatto che i suoi ragazzi non subiranno un contraccolpo psicologico per la partenza di Ronaldo; tutti loro, infatti, sono dei grandi professionisti, oltre che calciatori di grandissimo livello.

Mondiali.it è un progetto nato nel 2016 che vuole racchiudere nel sito web www.mondiali.it tutte le informazioni e i commenti riguardanti i campionati mondiali di qualsiasi disciplina sportiva.

Comments are closed.