News

Contatti Roma per Isak

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Quando un attaccante fondamentale parte, bisogna trovare il sostituto in meno tempo possibile e i contatti della Roma per Isak hanno questo obiettivo. Visto che Dzeko è ormai in direzione Inter, la società capitolina sta pensando, oltre che a Icardi, anche a Isak, attaccante della Svezia e della Real Sociedad.

Il giovane calciatore, però, costa un po’ troppo e il costo del suo cartellino si aggira attorno ai 40 milioni di euro, che la Roma ovviamente non ha intenzione di sborsare. Le trattative comunque vanno avanti, anche perché il club giallorosso sta cercando un giovane che abbia voglia di affermarsi e Isak sembra avere tutte le carte in regola.

Bisognerà vedere gli sviluppi dei prossimi giorni, per sapere se il club spagnolo è disposto ad abbassare le pretese; in caso contrario, sarà molto difficile vedere lo svedese in giallorosso e la Roma si concentrerà su altri obiettivi, quali Mauro Icardi del PSG.

Contatti Roma per Isak – Caratteristiche Tecniche

Isak è un attaccante svedese di origini Eritree alto 190 cm, che si trova a suo agio al centro dell’area di rigore ma sa anche svariare e giocare lontano dalla porta. Nello scatto breve non è devastante ma quando ha spazio risulta molto difficile da contenere per via di una grande progressione palla al piede.

Il giovane svedese rappresenta il prototipo dell’attaccante moderno, che sa fare tutto ed è particolarmente bravo nel posizionarsi in mezzo a due difensori centrali, per poi cercare la profondità. Isak non è una punta statica ma un centravanti a cui piace essere nel vivo dell’azione e spesso va, pertanto, incontro al portatore di palla; in questo modo, crea spazi su cui i suoi compagni possono inserirsi sfruttando anche le sue sponde.

Pur essendo molto giovane, ha già vinto una Coppa di Germania con il Borussia Dortmund e una Coppa di Spagna con il Real Sociedad. Nella sua ancora breve carriera, ha, inoltre, già segnato 66 reti e ha giocato sei volte con la nazionale, realizzando 6 gol. Le potenzialità, quindi  ci sono tutte e adesso serve la maturazione.

Redazione mondiali.it

Comments are closed.