Calcio

Conferenza Mourinho Conference League

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Quando i risultati arrivano, un allenatore è maggiormente propenso a discutere con i giornalisti e la Conferenza di Mourinho prima della Conference League è segno che il suo umore sia buono. Le tre vittorie in altrettante partite di campionato, infatti, sono indicatore di un buono stato di salute della squadra; che sembra molto ben attrezzata dal punto di vista tecnico e atletico.

I giallorossi si apprestano ad affrontare il CSKA Sofia, che sembrano alla loro portata, in una partita valida per la fase a gironi della Conference League e nel prepartita, Mourinho parla della sua squadra.

Conferenza Mourinho Conference League – Le sue Parole

La prima domanda riguarda le 5 vittorie consecutive dei giallorossi, in questo avvio di stagione (3 in campionato e 2 in Conference League) ed il tecnico dice che sono un buono stimolo per la squadra. Invita, però, tutti i tifosi e l’ambiente all’equilibrio perché ancora è solo l’inizio e non vuole che ci si lasci andare a facili entusiasmi.

Parla poi dei tifosi allo stadio e si dice molto felice della partecipazione dei supporters all’Olimpico e, più in generale, della presenza del tifo, dopo un lungo periodo di assenza. La caratteristica che vuole sempre dai suoi giocatori è la voglia di vincere perché con lui chi non dà il 100% difficilmente riesce ad andare d’accordo. Una volontà di ferro è, quindi, il prerequisito essenziale per un giocatore a disposizione del portoghese.

Mourinho ha preannunciato che ci saranno cambi, perché non si può giocare sempre con gli stessi 11 e si è poi soffermato su Zaniolo, anche perché la domanda su di lui compare ogni volta. Su di lui, il tecnico dice che è un po’ fuori condizione perché è andato in nazionale e non ha giocato molto ma dal punto di vista fisico è completamente recuperato; se sarà in condizione giocherà ma ancora nessuno lo sa.

Molto probabilmente, per la gara di Conference, El Shaarawy sarà in campo perché ha caratteristiche che piacciono all’allenatore. Nel corso di una stagione, i titolari non sono solo 11 e ogni tanto bisogna alternare gli atleti in campo; l’importante è farsi trovare sempre pronti quando c’è l’opportunità di giocare. Ad ogni modo, l’ex milanista gode di grande considerazione da parte del suo allenatore che sta cercando di recuperarlo, visto che in Cina ha perso un po’ di condizione.

Sulla Conference League, lo Special One ha detto che, come sempre, punta a vincerla, perché lui non vuole perdere nemmeno i tornei estivi. Ancora, però, il traguardo non è vicino e bisogna andare a piccoli passi, il primo dei quali è il passaggio dei girone C. L’obiettivo principale, al momento, è quello di qualificarsi il prima possibile nel gruppo e poi guardare avanti, possibilmente verso la vittoria del trofeo.

Mondiali.it è un progetto nato nel 2016 che vuole racchiudere nel sito web www.mondiali.it tutte le informazioni e i commenti riguardanti i campionati mondiali di qualsiasi disciplina sportiva.

Comments are closed.