News

Allarme virus ai Mondiali di Atletica, l’Italia cambia hotel

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Un virus che ha colpito una trentina di atleti che soggiornano negli hotel londinesi, ha fatto decidere alla delegazione italiana, a scopo precauzionale, di traslocare in un’altra struttura.

Secondo quanto reso noto da Public Health England, l’agenzia della sanità pubblica del governo britannico, alcuni atleti che soggiornano negli hotel londinesi sono stati colpiti da gastroenterite e vomito, i sintomi principali del norovirus che a quanto pare è la causa di questi problemi.

Fra gli hotel dove si sono registrati casi di gastroenterite vi è anche quello che in questi giorni ha ospitato gli atleti azzurri.

E proprio per questo motivo è stata presa la decisione dalla delegazione azzurra. Gli atleti in arrivo a Londra, tra cui gli altisti Gianmarco Tamberi e Alessia Trost e la marciatrice Antonella Palmisano, in lizza per una medaglia nella 20 km, saranno portati direttamente al nuovo hotel della nazionale. Lo staff sanitario della Fidal monitora la situazione, che comunque appare sotto controllo e non desta particolare preoccupazione. Un solo azzurro, che ha già gareggiato e finito la sua avventura ai Mondiali, è stato colpito in forma blanda dal virus.

Intanto nella quarta giornata dei Campionati del Mondo di Londra è l’ora dei 400 ostacoli per i colori azzurri. Nel batterie femminili l’Italia va a segno con la campionessa europea U23 Ayomide Folorunso (quarta in 55.65, terzo crono in carriera e qualificazione diretta) e la primatista nazionale Yadis Pedroso (56.41, promossa con uno degli ultimi due tempi di recupero).

Entrambe stasera saranno al via delle semifinali. Eliminata, invece, Marzia Caravelli che oggi non riesce a fare meglio di 56.92. Al maschile si chiude qui anche l’avventura mondiale di Jose Bencosme: il 50.29 (quinto) dell’ostacolista azzurro è il sedicesimo crono delle tre semifinali e non basta per sognare una corsia per l’ultimo round.

Redazione mondiali.it

Comments are closed.