Euro 2020

Pandev lascia la Macedonia

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

A volte le competizioni internazionali costituiscono le passerelle per le ultime partite dei giocatori e questo è forse il caso di Goran Pandev che lascia la Macedonia. A meno che non ci sia un ripensamento improvviso, infatti, la sua ultima partita con al nazionale è stata quella di ieri della sua Macedonia contro l’Olanda (e forse anche l’ultima sua partita in assoluto); in tale occasione, al minuto 68′, il ct macedone ha deciso di sostituirlo per fargli ottenere la meritata ovazione da parte del pubblico, che si è alzato in piedi e ha applaudito, omaggiando la sua carriera.

Mentre camminava tra il corridoio umano dei suoi compagni di squadra, in tribuna c’era anche il suo ex compagno dell’Inter di Mourinho del triplete Wesley Sneijder; i due, nelle file dei neroazzurri hanno scritto pagine importanti nella storia del club e ieri l’olandese ha voluto cogliere l’occasione di rendere omaggio a un grande giocatore, a volte un po’ sottovalutato.

L’esordio con la Macedonia risale all’agosto 2002 e, dopo 19 anni, Pandev, con 122 presenze e 38 gol, è diventato il giocatore con più reti realizzate e con più presenze della storia della sua nazionale. Il giocatore, come dichiara egli stesso, ha lasciato la Macedonia nel momento del suo picco massimo della storia; la gioia raddoppia grazie alla consapevolezza di aver contribuito attivamente al raggiungimento della prima qualificazione agli Europei della squadra della sua patria.

Pandev, nella sua carriera, ha vinto trofei importanti, tra cui la Champions League del 2010 con l’Inter; questa ultima esperienza con la nazionale è stata, però, l’esperienza più bella della sua lunga carriera perché ha avuto modo di far felice la sua gente. Al momento il giocatore non sa se continuerà a giocare nel calcio professionistico, visto che il suo contratto con il Genoa è in scadenza a breve.

Pandev lascia la Macedonia – Caratteristiche Tecniche

Goran Pandev è un attaccante che gioca prevalentemente da seconda punta o trequartista ma a volte può giocare anche come punta centrale. Quando la situazione lo richiede, non disdegna di dare una mano nella fase difensiva, come succedeva spesso nel 4-2-3-1 di Mourinho; in quella squadra, il macedone era uno dei tre a supporto dell’unica punta Diego Milito.

L’ex interista è un mancino naturale ma calcia bene anche di destro, è bravo nel dribbling e ha buoni tempi di inserimento e senso del gol. Inoltre, ha una buona propensione a mandare in gol i compagni ed è bravo sui calci da fermo. Si tratta, dunque, di un attaccante completo, che ha una buona tecnica individuale, che tende a essere un po’ sottovalutato dalla critica.

Palmares Pandev

Il successo più grande di Pandev è la qualificazione della Macedonia agli Europei 2020 ma, oltre a questo, l’attaccante è riuscito a vincere trofei anche importanti, che sono i seguenti:

  • 1 Campionato Primavera con l’Inter;
  • 1 Torneo di Viareggio con l’Inter;
  • 2 Coppe Italia con l’Inter;
  • 1 Coppa Italia con la Lazio;
  • 1 Scudetto con l’Inter;
  • 2 Coppe Italia con il Napoli;
  • 1 Supercoppa Italiana con l’Inter;
  • 1 Supercoppa Italiana con la Lazio;
  • 1 Campionato Turco con il Galatasaray;
  • 1 Coppa di Turchia con il Galatasaray;
  • 1 Champions League con l’Inter;
  • 1 Mondiale per Club con l’Inter.

Redazione mondiali.it

Comments are closed.