Curiosita Sportive

LeBron come Jordan. Sarà il protagonista del sequel di Space Jam

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Dopo sogni, bisbigli, rinvii e notizie, è arrivata l’ufficialità: LeBron James si unirà al team Toon Squad di Bugs Bunny e sarà protagonista del secondo capitolo di Space Jam.

Ad annunciarlo è lo stesso King James dal suo profilo Instagram

 

Visualizza questo post su Instagram

 

👀👀👀 #JustAKidFromAkron 👑 X #ToonSquad 🥕 @springhillent

Un post condiviso da LeBron James (@kingjames) in data:

Una foto che ritrae uno spogliatoio con gli armadietti e con i nomi di LeBron, Bugs Bunny, Terence Nance (regista) e del produttore Ryan Coogler.

Il cestista più famoso e forte degli ultimi tempi si sfilerà la canotta dei Los Angeles Lakers e sostituirà il grande Michael Jordan per quello che sarà una grande apparizione cinematografica.

Dopo ben 22 anni, era il 1996, i personaggi dei Looney Tunes torneranno a calcare il parquet di basket per una nuova avventura adatta a grandi e piccini.

La pellicola Space Jam 1 ha riscosso un grandissimo successo, grazie proprio alla presenza dell’allora campionissimo Michael Jordan. La pellicola ottenne oltre 250 milioni di dollari di incassi. Le riprese cominceranno nel 2019, durante la pause della stagione Nba.

Per il quattro volte MVP Nba, sarà la seconda esperienza cinematografica dopo la commedia del 2015 Trainwreck. Chissà se la presenza di James nel sequel di Space Jam alimenterà ancora di più quei dibattiti su chi tra James e Jordan sia il più forte di tutti i tempi. Anche per questo non è chiaro se l’ex numero 23 dei Chicago Bulls parteciperà alle riprese per fare una comparsa.

Ora bisogna solo aspettare per capire quali saranno i “compagni di squadra” e di avventura di LeBron. Se nel primo Space Jam accanto a Michael Jordan (prima di perdere il talento e trasformarsi nei temutissimi Monstars) erano apparse leggende come Patrick Ewing, Charles Barkley, Muggsy Bogues, Larry Johnson e Shawn Bradley, le proposte per una parte nel secondo capitolo certo non mancano. A chiamare in causa LBJ sul suo profilo Instagram per una collaborazione si sono già fatti vivi diverse stelle Nba, da Evan Turner a Larry Nance Jr, passando per Matthew Dellavedova e Jeff Green, fino a Shareef O’Neal, il figlio di Shaquille.

Il film dovrebbe uscire nel 2021.

Giornalista professionista, cura “Italians”, rubrica che parla di sportivi italiani che si sono affermati all’estero. E chissà magari, Ivanka Trump, la prossima volta non confonderà più Giorgio Chinaglia, ex attaccante di Lazio e New York Cosmos, per un santo.

Comments are closed.