Calcio

Davide Astori, il difensore azzurro che sognava di vincere con l’Italia

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Quando pensi a un atleta, pensi all’agonismo che mette in pratica, all’apporto che riesce a dare alla squadra e alla passione che ha per quello che fa.

Sono decisamente questi gli aspetti che si possono attribuire a Davide Astori, il difensore e capitano della Fiorentina e della Nazionale Italiana.

Un esempio per molti calciatori, un ragazzo a modo e rispettoso, oltre che uno con cui potevi tranquillamente scambiare opinioni, calcistiche e no.

Un leader silenzioso che, da qualche stagione, era la guida della Viola.

Dal 2011 era, inoltre, in pianta stabile nel gruppo della Nazionale, quando l’ex commissario tecnico dell’Italia, Cesare Prandelli, lo convoca all’età di 24 anni.

L’esordio non è stato quello dei migliori, l’Italia vince l’amichevole sul campo di Kiev contro l’Ucraina, ma il giovane difensore esce anzitempo a causa di una doppia ammonizione.

Ma Astori le qualità le ha sempre messe in mostra e, nelle sue grandi stagioni a Cagliari, dimostra di essere appieno arruolabile per gli Azzurri anche dietro ai titolarissimi Chiellini, Bonucci e Barzagli.

Con la maglia azzurra molte convocazioni e 14 presenze, alcune da titolare altre da subentrato. La sua gioia più grande con la maglia tricolore il 30 giugno del 2013, quando a San Salvador realizzò la rete del vantaggio azzurro contro l’Uruguay nel match di Confederations Cup, durante la finale per il terzo posto.

Proprio con l’Italia, Davide Astori sognava di vincere qualcosa di importante. Sia con la Viola che con l’Italia, il centrale bergamasco indossava la maglia numero 13, perché il suo idolo era Alessandro Nesta e perché, durante i match da ragazzo, spesso quando indossava quel numero, otteneva ottimi risultati.

Compagni e avversari sul campo lo ha ricordato il portiere della nazionale Gigi Buffon in un post commovente.

 

Ciao caro Asto, difficilmente ho espresso pubblicamente un pensiero riguardo una persona, perché ho sempre lasciato che la bellezza e l’unicità di rapporti, di reciproca stima e affetto, non venissero strumentalizzati o gettati in pasto a chi non ha la delicatezza per rispettare certi legami. Nel tuo caso, sento di fare un’eccezione alla mia regola, perché hai una moglie giovane e dei familiari che staranno soffrendo,ma soprattutto la tua piccola bimba, merita di sapere che il suo papà era a tutti gli effetti una PERSONA PERBENE…..una GRANDE PERSONA PERBENE….eri l’espressione migliore di un mondo antico, superato, nel quale valori come l’altruismo, l’eleganza, l’educazione e il rispetto verso il prossimo, la facevano da padroni. Complimenti davvero, sei stata una delle migliori figure sportive nella quale mi sono imbattuto. R.I.P. Il tuo folle Gigi.

Un post condiviso da Gianluigi Buffon (@gianluigibuffon) in data:

L’Italia perde un grande  uomo e un grande calciatore.

Giornalista professionista, cura “Italians”, rubrica che parla di sportivi italiani che si sono affermati all’estero. E chissà magari, Ivanka Trump, la prossima volta non confonderà più Giorgio Chinaglia, ex attaccante di Lazio e New York Cosmos, per un santo. SCOPRI LO SCONTO UTILIZZANDO IL COUPON: DARIOS

Comments are closed.