Calcio

Juventus Manchester United, la grande classica degli anni Novanta

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Alain Boksic e Andy Cole, Pippo Inzaghi e Dwight Yorke, Alessandro Del Piero e David Beckham. Juventus Manchester United è stata la sfida regina del calcio europeo degli anni ’90. Prima di Massimiliano Allegri e Josè Mourinho c’erano Marcello Lippi e sir Alex Ferguson. Prima di Ronaldo e Lukaku,  Bobo Vieri e Van Nistelrooij. Lo stadio Delle Alpi e prim’ancora il vecchio Comunale. Old Trafford è rimasto, invece, sempre lì. Una Coppa dei Campioni a testa per le due squadre in quegli anni. I bianconeri con la finale di Roma nel 1996, i diavoli rossi con la rocambolesca finale di Barcellona nel 1999. Prima e dopo ci sono stati 13 precedenti tra le due squadre, analizziamo gli ultimi 5 a Torino.

Coppa Coppe 1983 – 1984. E’ il ritorno della semifinale di una competizione che oggi non esiste più. La Juventus di Trapattoni ha il vantaggio del fattore campo dopo l’1-1 in Inghilterra. Vincono i bianconeri 2-1 con reti di Boniek e Paolo Rossi al 90’, inframezzate dal pareggio di Whiteside. La Juve accede così in finale, che la vedrà trionfante contro il Porto nella gara di Basilea.

Champions League 1996 – 1997. Secondo Gary Neville, la Juventus del 1996 “era la più forte squadra europea che abbiamo mai incontrato”. Ed effettivamente quella squadra, neo campione d’Europa, poteva sfoggiare qualità in abbondanza in ogni parte del campo: da Peruzzi a Ferrara, da un emergente Zidane a Del Piero, con Vieri e Boksic in attacco. E proprio l’attaccante croato realizzò la rete decisiva nella gara di esordio del gruppo C.

Champions League 1997 – 1998. Un anno dopo, sempre durante la fase ai gironi, Juve Manchester è la partita conclusiva del girone B. Inglesi già qualificati, la Juve deve vincere e sperare che nel gruppo D il Rosenborg non vinca ad Atene contro l’Olympiakos. In questo modo i bianconeri passerebbero tra le migliori seconde. All’84’ a Torino la gara è bloccata ancora sullo 0-0 mentre i norvegesi stanno vincendo in Grecia. In un minuto cambia tutto: Inzaghi segna di testa su assist di Zidane, Djordjevic pareggia su punizione per l’Olympiakos. Al Delle Alpi si può festeggiare.

Champions League 1998 – 1999. Le due squadre si incontrano per il terzo anno consecutivo, questa volta in semifinale. All’andata Giggs aveva rimediato a tempo scaduto alla rete di Conte. Era la Juve di Ancelotti, subentrato a Conte, a caccia di una storica quarta finale di Champions consecutiva. Non andrà così per l’incredibile rimonta del Manchester al ritorno. Dopo la mortifera doppietta di Inzaghi, lo United rimonta 2-3 con i Calypso Boys Yorke e Cole assieme al capitano Roy Keane.

Champions League 2002 – 2003.  All’inizio degli anni 2000 la Champions aveva una seconda fase a gironi che precedeva la fase a eliminazione diretta dai quarti di finale in poi. Nel febbraio 2003 la squadra di Ferguson espugna nuovamente il Delle Alpi con un secco 0-3. La doppietta di Giggs e la rete di Van Nistelrooij annichiliscono la Juventus di Lippi. I bianconeri troveranno poi la qualificazione con un gol di Tudor a tempo scaduto nella gara contro il Deportivo La Coruna.

 

Giornalista, nato e cresciuto nella provincia barese con pezzi di cuore sparsi tra Roma e Liverpool, a metà tra Penny Lane e Strawberry Fields. Segue il calcio da quando Andrè Escobar segnava nella propria porta a Usa ‘94 mentre Roberto Baggio riceveva palla da «un’iniziativa di Mussi sulla fascia destra» . SCOPRI LO SCONTO UTILIZZANDO IL COUPON: VINCENZOP

Write A Comment