Warning: stripos() expects parameter 1 to be string, array given in /home/customer/www/mondiali.it/public_html/wp-includes/functions.wp-styles.php on line 90

Warning: trim() expects parameter 1 to be string, array given in /home/customer/www/mondiali.it/public_html/wp-includes/functions.wp-styles.php on line 101
Barça - Inter senza Messi, ma con gli ex Icardi, Keita, Rafinha e Coutinho
Champions League

Barça – Inter senza Messi, ma con gli ex Icardi, Keita, Rafinha e Coutinho

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Sono passati 8 anni dall’ultima volta che si sono scontrati Barcellona e Inter. Era il 28 aprile 2010, gara di ritorno della semifinale di Champions al Camp Nou.

I catalani vinsero 1-0 ma a passare il turno fu l’Inter grazie al 3-1 di san Siro. Quell’Inter vincerà poi la coppa, oltre a campionato e coppa Italia.

La corsa di José Mourinho al termine del match contro il Barcellona nel 2010

Sono passati già oltre otto anni e molte cose sono cambiate, soprattutto in casa nerazzurra.

Dopo quel Triplete l’Inter ha avuto degli anni bui con allenatori che si sono susseguiti, la società che è stata venduta da Moratti e giocatori meteore non degni della storia nerazzurra. In rosa non è rimasto nessuno di quella favolosa annata.

Il Barcellona ha perso i due leader del centrocampo Xavi e Iniesta, sostituiti da altri campioni. Ci sono ancora Messi, Busquets e Piqué.

Proprio il difensore spagnolo è stato il marcatore di quell’ultimo match.

Ad oggi ce ne sono di cambiamenti. L’Inter è tornata in Champions (mancava dalla stagione 2012/13) e non ha certo gli uomini con elevata esperienza internazionale; e l’Inter ora ha Icardi, il capitano bomber capace di segnare due gol nelle prime due presenze in carriera.

Il Barcellona è ancora una squadra fortissima ovviamente guidata dal fuoriclasse Messi. La sua assenza, però, certamente si farà sentire perché ultimamente i blaugrana faticano molto senza la Pulce in campo. Il numero 10 starà fuori per qualche settimana a causa di una frattura al radio rimediata contro il Siviglia, nell’ultima di campionato.

A sostituire l’argentino, forse, l’ex di turno Rafinha. Il brasiliano, che ha dei bei ricordi all’Inter nella scorsa stagione, potrebbe essere la mossa a sorpresa di Valverde.

Nell’Inter sarà assente Nainggolan, uscito malconcio dal derby, mentre saranno quasi sicuramente titolari i croati Brozovic e Perisic, in dubbio fino a ieri.

Certi di un posto nella formazione iniziale sono due ex di spessore: capitan Icardi, cresciuto nelle giovani del Barça, e Philippe Coutinho, arrivato in Europa proprio grazie ai nerazzurri.

Mauro Icardi è stato il riferimento d’attacco per i catalani nella Primavera, ma non è mai  riuscito a esordire in prima squadra. Proprio per questo motivo ha deciso di trasferirsi a Genova nella Sampdoria.

Storia simile a quella di Icardi l’ha vissuta anche l’esterno Keita Baldé. Il senegalese ha militato nella cantera blaugrana per sei anni (dal 2006 al 2010). L’esperienza si è chiusa con dei contrasti con la società e a fiutare l’affare è stato poi Lotito.

Philippe Coutinho in maglia nerazzurra

Il brasiliano Coutinho, invece, nonostante le evidenti doti tecniche, non ha avuto modo di sfondare in nerazzurro. Con molti rimpianti è stato ceduto nel gennaio 2013 al Liverpool per poco più di 10 milioni (sarà poi acquistato dal Barcellona per 120 mln).

Stasera il match sarà tutto da vivere, l’Inter vuole continuare a stupire, il Barcellona vuole fare la voce grossa e prendersi il primo posto in solitaria del girone B. Il fattore Camp Nou certo non è da sottovalutare.

Giornalista professionista, cura “Italians”, rubrica che parla di sportivi italiani che si sono affermati all’estero. E chissà magari, Ivanka Trump, la prossima volta non confonderà più Giorgio Chinaglia, ex attaccante di Lazio e New York Cosmos, per un santo.

Comments are closed.