Category

Curiosita Sportive

Category

Il terrore delle grandi si chiama Coppa nazionale.  Nello specifico, rivolgersi a Liverpool, Fulham e Leicester in FA Cup, o al Marsiglia nella Coppa di Francia. E’ una specie di monito che arriva anche da noi alla vigilia della ripresa calcistica dopo la sosta, con la Coppa Italia nel weekend. Ma la nostra è una formula priva del fascino che avvolge questa competizione negli altri Paesi. Dove una squadra di quarta divisione inglese ha eliminato il Fulham di Ranieri.


La FA Cup è entrata nel mito proprio per la capacità di sovvertire pronostici già scritti. In cui l’underdog ribalta la situazione e sconfigge i più quotati avversari. Una sorta di Davide contro Golia contemporaneo. Dal leggendario Newcastle Hereford del 1972 al Barnsley che nel 2008 fa fuori Liverpool e Chelsea nel 2008. Le storie di giocatori dilettanti, in alcuni casi meccanici e fattorini, che eliminano i colleghi super ricconi e affermati. Non è questo il caso del Wolverhampton, vittorioso 2-1 contro il Liverpool nel terzo turno di Coppa inglese, ma è pur sempre il ko dei vicecampioni d’Europa contro una modesta squadra di medio bassa Premier League.


E’ andata peggio al Fulham di Ranieri, che saluta la competizione dopo il 2-1 patito addirittura in casa contro l’Oldham, club di quarta divisione. Destino analogo anche all’ex squadra del tecnico italiano, il Leicester, eliminato per 2-1 sul campo del Newport. Il rovesciamento del fattore campo, con le big impegnate sui campi di periferia, è uno degli elementi chiave dell’imprevedibilità della Coppa. Pronostici, invece, rispettati altrove come nel 7-0 del Manchester City in casa contro il Rotherham che gioca in Championship.


Le cose non sono andate meglio all’Olympique Marsiglia. La squadra di Garcia sta vivendo un annus orribilis. Eliminato dall’Europa League nello stesso girone della Lazio, dopo la finale dello scorso, in campionato è sesto in classifica in modo abbastanza anonimo, a -20 dal Psg. Il colpo di grazia è arrivato in Coppa di Francia. I girondini sono stati eliminati nei 32mi di finale dall’Andrezieux, formazione che milita in quarta divisione nazionale. A Saint’Etienne i dilettanti hanno trionfato 2-0, spedendo all’inferno l’ex allenatore della Roma. Copione identico per il Montpellier, quarto in Ligue 1 ed eliminato in  Coppa dal Sannois St. Gratien, formazione di terza divisione. Il modello è quello del Calais che, nel 1999-2000, raggiunse la finale, perdendola contro il Nantes.