Category

Calcio

Category

La vita è fatta di alti e bassi e l’allenatore del Chelsea lo sa bene visto che, nella stessa stagione, ha ricevuto un esonero e la vittoria della Champions e l’intervista a Thomas Tuchel si parla di questo successo e di altro. Il tedesco, infatti, nella lunghissima chiacchierata in occasione del Festival dello Sport di Trento parla di diversi argomenti relativi al mondo del calcio e ha molto da dire.

Intervista Thomas Tuchel – Le Sue Parole

La prima domanda riguarda proprio il capolavoro con i Blues e Tuchel dice, a riguardo, di aver trovato una società fantastica e un gruppo sempre concentrato e voglioso di lavorare bene. Tutto questo ha avuto come naturale conseguenza la vittoria della Champions.

Il fatto di non averla vinta con il PSG, può essere dipeso da vari fattori, tra cui la mancanza di un pizzico di fortuna, anche perché i valori tra le grandi squadre sono molto vicini e la vince solo una. Qualsiasi episodio o decisione può, pertanto, fare la differenza e portare alla vittoria o alla sconfitta.

In merito agli allenatori da cui ha preso spunto, dice che il suo primo modello è stato suo padre. Poi si è ispirato molto a  Ralf Rangnick e a Jupp Heyncknes, con cui ha un ottimo rapporto. Anche Sacchi, Wenger e Van Gaal sono stati fonte di ispirazione, oltre al Barcellona di Guardiola. Personalmente, si sente vicino alle idee di Klopp anche se ammette di sentirsi in imbarazzo quando viene confrontato con questi grandi allenatori.

Il suo soprannome di scienziato dello sport deriva, molto probabilmente, dal fatto che abbia cominciato a studiare economia dopo la fine della sua carriera da giocatore. Gli piace analizzare i dati nel calcio anche se dice che non bisogna fermarsi solo a questo.

Il suo sogno da bambino era quello di diventare un buon giocatore ma, non c’è riuscito in pieno; si è trovato, quindi, quasi costretto a fare l’allenatore e ha studiato molto per apprendere questo mestiere. Non è, comunque, l’unico grande allenatore a non essere stato un campione.

Le sconfitte, secondo lui, devono essere uno stimolo a rivedere quello che non ha funzionato; se è necessario, si deve apportare qualche cambiamento di formazione o di allenamento. La sconfitta con la Juve è stata, secondo lui, frutto di distrazioni anche se i bianconeri per lui hanno meritato la vittoria, perché sono stati più concentrati per tutta la partita, pur avendo un atteggiamento difensivo.

Sul Pallone d’Oro, dice che non ha una grandissima importante perché a certi livelli lo meriterebbero tutti. Detto questo, spera che lo vinca Jorginho, che giudica un giocatore fantastico ed è contento di averlo nella sua squadra. Tuchel ha, poi, parole molto belle per l’Atalanta, che descrive come un capolavoro di tattica ed è un piacere guardarla in tv e giocarci contro.

Ha seguito molto anche l‘Italia di Mancini a Euro 2020 e dice che si tratta di una squadra fantastica, ben messa in campo e ricca di giocatori di talento. Secondo lui, il Mancio ha costruito una macchina quasi perfetta, che ha incollato milioni di sportivi davanti al televisore. Sul Mondiale ogni due anni, dice che la questione non gli interessa e in merito alla Champions sottolinea che al momento è impossibile pronosticare un vincitore. La sua squadra deve solo concentrarsi sul prossimo avversario che è il Malmo e dare sempre il massimo in campo.

Italia Svezia Under21

Quando si gioca un match tra le prime squadre del girone c’è sempre un po’ di tensione e la sfida Italia Svezia Under21, valida per le qualificazioni all’Europeo 2023 rientra nella casistica. Gli azzurri vengono da una vittoria in trasferta contro la Bosnia Erzegovina mentre gli svedesi, primi nel girone, nella scorsa giornata hanno vinto in casa contro il Montenegro.

Mancini fa un'intervista sui rigori contro la Spagna

Essere un allenatore che ha portato l’Italia a una grande vittoria dopo 53 anni fa sì che le in molti vogliano parlare con lui e l’intervista Mancini su rigori Spagna è un ulteriore esempio. Il commissario tecnico azzurro, infatti, ha avuto una lunga conversazione al Festival dello Sport di Trento e ha parlato di diversi argomenti.

Italia Under21 batte la Bosnia

Come insegna la Spagna, il settore giovanile è fondamentale anche a livello di nazionale e la notizia dell’Italia Under21 che batte la Bosnia per le qualificazioni agli Europei 2023 deve essere accolta con piacere. La squadra azzurra di Nicolato ha, infatti, conquistato altri tre punti importanti per la corsa alla qualificazione vincendo per due reti a una sul campo Bosniaco di Zenica.

Pareggio Italia Svezia

Nel calcio di oggi non c’è un attimo di tregua e le partite si susseguono una dietro l’altra a ritmo incessante e accade che, subito dopo il turno di Serie A, ci sia Bosnia Italia Under21. Gli Europei degli azzurrini sono molto importanti, anche per una qualificazione alle Olimpiadi, per questo non va presa per nulla sotto gamba.

Pareggio Italia Svezia

Affinché il calcio italiano rimanga ai vertici nel mondo, è necessario che anche le nazionali siano competitive e le prossime due gare dell’Italia Under21 per la Qualificazione agli Europei 2023 sono un’occasione importante. Dopo aver conquistato due vittorie, contro Lussemburgo e Montenegro, infatti, la nazionale di Nicolato si appresta ad affrontare la Bosnia e la Svezia.

Gigio Donnarumma che è un caso al PSG

Molti appassionati di calcio sono increduli per il caso Donnarumma al PSG, perché il miglior giocatore di Euro 2020 va, sempre e inspiegabilmente, in panchina con la squadra parigina. L’estremo difensore azzurro, dopo il grandissimo trionfo iridato, pensava di giocare con continuità nei migliori palcoscenici internazionali e continuare a dimostrare il suo talento.

Eriksen che è il sogno dei tifose dell'Odense

Il calcio a volte conserva ancora un po’ di romanticismo e i tifosi Odense che vogliono il ritorno di Eriksen sono un esempio di come a volte si continui a sognare. Dopo il bruttissimo inconveniente capitato in occasione di Danimarca-Finlandia di Euro 2020, ancora non si può dire quanto il fantasista dell’Inter potrà tornare sui campi di calcio.

Mourinho con la Roma che partecipa alle partite del 23 settembre

Quando i risultati arrivano, un allenatore è maggiormente propenso a discutere con i giornalisti e la Conferenza di Mourinho prima della Conference League è segno che il suo umore sia buono. Le tre vittorie in altrettante partite di campionato, infatti, sono indicatore di un buono stato di salute della squadra che sembra molto ben attrezzata dal punto di vista tecnico e atletico.