Calcio

Steven Zhang il più giovane presidente dell’Inter, ma non della Serie A

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Ha dovuto attendere due lunghi anni, ma da oggi in casa nerazzurra è ufficialmente iniziata un’altra era: Steven Zhang figlio di Jindong, patron della Suning, è il ventiduesimo presidente dell’Inter, il più giovane di sempre della storia della Beneamata.

A soli ventisei anni, infatti, Steven Zhang è pronto a guidare il club acquistato dal padre nell’estate del 2016. Un passaggio importante proprio nell’anno in cui la squadra milanese festeggia i 110 di storia.

Il progetto del neopresidente è a lungo termine, anni in cui si dovrà continuare a lavorare bene per portare il club nelle posizioni che merita. Zhang, inoltre, per la rivista Fortune risulta tra i 40 imprenditori under 40 più influenti in Cina.

Sono molto orgoglioso oggi di poter guidare questo club verso una nuova era. Sento la responsabilità di soddisfare la passione di milioni di tifosi sparsi in tutto il mondo e sono più che pronto ad accettare la sfida che la nomina a Presidente pone, nel 110° anno di vita di questo prestigioso club.

In un video ha voluto presentarsi a tutti i tifosi nerazzurri, lui che è molto attivo sui social.

Sebbene Zhang ora sia il presidente più giovane della storia della Serie A, chi sono stati gli altri novelli del più recente?

ALESSANDRO RUGGERI

Record di precocità della Lega Serie A per l’ex presidente dell’Atalanta, Alessandro Ruggeri. Il figlio dello storico presidente Ivan, è divenuto capo dei bergamaschi a soli 21 anni nel 2008 in seguito alla morte proprio del padre. La famiglia Ruggeri ha poi ceduto la squadra all’attuale Antonio Percassi.

ANDREA AGNELLI

Seppur un po’ più grande di Steven Zhang, l’attuale presidente della Juventus è stato eletto nel 2010 a 35 anni. Età più matura ma comunque una gran bella sfida per il figlio di Umberto Agnelli, dopo lo scandalo di Calciopoli e la Serie B. C’è da dire che proprio Umberto è stato uno dei presidenti più giovani della storia della Serie A, a 22 anni nel 1956; il più giovane della storia bianconera.

ROMAN ABRAMOVICH

A 37 anni è entrato nel mondo del calcio il russo, acquistando il Chelsea nel 2003. L’imprenditore, anche se più maturo dei precedenti, è stato lui il vero protagonista dell’acquisizione e della presidenza del club londinese a suon di milioni spesi per portare i blues tra le squadre top in Europa.

PAUL BACCAGLINI

Tatuato, ex iena e volto di un gruppo di investitori stranieri, è stato presidente giovanissimo del Palermo: Paul Baccaglini. Maurizio Zamparini cede il suo trono il 6 marzo 2017, e Baccaglini, a 33 anni, diviene il presidente più giovane della storia rosanera. Le insufficienti garanzie, però, provocano la rottura della trattativa di cessione. Si è dimesso il 4 luglio dello stesso anno. Ah si era tatuato anche il simbolo del Palermo sul petto.

Giornalista professionista, cura “Italians”, rubrica che parla di sportivi italiani che si sono affermati all’estero. E chissà magari, Ivanka Trump, la prossima volta non confonderà più Giorgio Chinaglia, ex attaccante di Lazio e New York Cosmos, per un santo.

Comments are closed.