Calcio

Siviglia si stringe attorno a Caparros: «Ho la leucemia ma continuo ad allenare»

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Nessun giro di parole, ma un discorso lucido, chiaro e con un filo di umorismo. Joaquin Caparros, allenatore del Siviglia, soffre di leucemia cronica. L’ha rivelato lui stesso, cercando di sdrammatizzare la cosa il più possibile, al termine di Valladolid-Siviglia, partita di Liga giocata domenica 7 aprile e vinta dai suoi ragazzi per 2-0.

Il tecnico 63enne ha comunque aggiunto che la situazione è sotto controllo e che questo non gli impedirà di continuare il suo lavoro. Caparros, che ha preso il posto in panchina il mese scorso dell’esonerato Pablo Machin, ma che durante la stagione aveva ricoperto il ruolo di direttore sportivo del club andaluso prima del ritorno di Monchi, ha spiegato:

Sapete tutti che a me ribolle il sangue. C’è stato uno scontro tra sangue rosso e sangue bianco e mi hanno detto che soffro di leucemia cronica. L’abbiamo presa presto e posso vivere una vita normale. Voglio godermi il mio lavoro e dobbiamo tutti mantenere la calma. Non ho dovuto fare alcun trattamento e sono grato al club per l’opportunità di continuare a fare il mio lavoro

 

Caparros ha giocato senza eccellere e a 26 anni è diventato allenatore, ruolo nel quale ha ottenuto ottimi risultati passando tra gli altri dal Siviglia, il Deportivo, l’Athletic Bilbao, il Maiorca e il Levante. Lo scorso anno era tornato a casa, al Siviglia, come direttore sportivo. Quando hanno deciso di sollevare dall’incarico Machin è tornato in panchina e sinora in 4 partite ha fatto 9 punti su 12. Ora deve affrontare una grande battaglia: «Non parlerò più della cosa, ho solo voluto dire questa cosa perché tutti siano tranquilli di fronte alle voci che circolano».

Mucho animo, Joaquin!

Giornalista professionista, cura “Curiosità sportive”, rubrica-memorabilia di aneddoti, storie e miti legati allo sport, riavvolgendo le lancette del tempo perché il suo cuore è ancora fermo sulla traversa dove si è stampato il rigore tirato da Di Biagio nel Mondiale del ’98.

Comments are closed.