Calcio

Roma e Liverpool uniti per Sean Cox, il tifoso accoltellato ad Anfield

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

A poche ore dallo scontro decisivo che segna il passaggio della seconda finalista di Champions League, Roma e Liverpool si ritrovano concordi nel lanciare un messaggio di solidarietà a Sean Cox, il tifoso accoltellato ad Anfield. Entrambe le squadre, con gesti simbolici, vogliono infondere coraggio all’uomo che al momento si trova in uno stato di coma indotto. 

Sono ancora vive le immagini di quei tragici momenti che hanno lasciato un’ombra sulla partita di andata tra Liverpool e Roma, quando due teppisti romani, in trasferta per seguire la squadra, hanno aggredito violentemente Sean Cox, tifoso dei Reds, che da allora lotta tra la vita e la morte.

La Roma, pur non avendo alcuna colpa per l’accaduto, ha voluto rendere omaggio al tifoso della squadra avversaria indossando una maglia con la scritta “Forza Sean”, che è stata utilizzata durante gli allenamenti a Trigoria. 

La scelta dei giallorossi è stata apprezzata anche dal Liverpool. Il tecnico Jurgen Klopp ha infatti dichiarato:

Sean Cox? Gesto di grande rispetto da parte della Roma

Da parte loro, anche i Reds hanno voluto far sentire la propria vicinanza al tifoso irlandese con un gesto altrettanto importante.

Dopo essere venuti a conoscenza che Sean Cox è il dirigente sportivo di una squadra di football gaelico a Dunboyne, nella contea di Meath, hanno richiesto una maglia del suo team, St Peters, e hanno deciso di appenderla nello spogliatoio di Anfield prima della gara di Premiere League con lo Stoke City. In bella vista, la maglia di Cox spicca proprio tra quelle di Salah e Firmino.

Anche in occasione del match di ritorno contro la Roma la maglia sarà esposta nello spogliatoio dell’Olimpico, sede della semifinale di Champions League.

Il messaggio è forte e chiaro: i due club si allontanano da ogni forma di tifo violento che intacca la sportività dell’evento e si trovano concordi nel dare forza al tifoso vittima dell’aggressione. Nonostante l’importanza del match e la tensione per l’esito finale che deciderà la squadra che si scontrerà con il Real Madrid nella finalissima, Roma e Liverpool, insieme, voglio dire: “Forza Sean Cox”.

All’affetto di parenti e amici si unisce quindi anche quello di tutto il mondo del calcio. Per le sue cure la raccolta fondi ha raggiunto le 50.000 sterline e, nonostante la gravità dell’emorragia cerebrale, è ancora viva la speranza che l’uomo si risvegli al più presto.

Laureata in materie umanistiche ha fatto della sua passione per la scrittura e il giornalismo un vero lavoro a cui si dedica a tempo pieno. Vive in Sicilia ma gira il mondo coi suoi pezzi che trattano di tutto e di tutti, con particolare attenzione per l'affascinante mondo dello sport.

Comments are closed.