Calcio

La guerra interna tra Mourinho e Pogba al Manchester United

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Lo spogliatoio del Manchester United sembra stia per esplodere. Da un lato ci sarebbe Josè Mourinho, dall’altro Paul Pogba. In mezzo una squadra che non vive un gran momento e che cerca il riscatto nella trasferta a Londra contro il West Ham.

L’inizio di stagione dei Red Devils non è stato dei migliori. Dopo sei giornate di Premier League la squadra arranca al settimo posto, con soli 10 punti. Il Liverpool a punteggio pieno è a 18, Manchester City e Chelsea sono avanti di 6 (16 punti). In Champions League l’esordio è stato convincente ma in un test poco attendibile: vittoria per 2-0 sul campo degli svizzeri dello Young Boys, nello stesso girone di Juventus e Valencia.

Pogba e compagni dopo il ko interno (0-3) contro il Tottenham

Male, malissimo in Coppa di Lega, con la clamorosa eliminazione interna per mano del Derby County (club che milita in Championship) dell’allievo Frank Lampard. Proprio in questa occasione si è consumata l’ultima faida interna tra Mou e Pogba, originata da un video postato dal francese su instragram durante il match (poi perso) di Carabao Cup. Un episodio infelice che ha scatenato le ire del tecnico portoghese: il campione del mondo Bleu è stato infatti degradato da vice capitano. All’indomani del ko in Coppa, le telecamere hanno poi catturato un istante dell’allenamento in cui i due dialogano a muso duro nel centro sportivo di Carrington.

Inequivocabili le parole di Mourinho alla vigilia della gara con il West Ham

Il Manchester United è più grande di chiunque altro e io devo difenderlo

Ma non basta perché secondo la stampa inglese lo Special One non avrebbe gradito l’atteggiamento di Rashford dopo la partita contro lo Young Boys. Indiscrezioni d’OltreManica raccontano di uno spogliatoio diviso a metà: da una parte l’ala guidata da Pogba con Martial, Bailly, Rashford, Shaw e Pereira, dall’altra Mou supportato da Sanchez, Fellaini, Valencia, Matic, Young. Una situazione che alimenta le voci di un addio da Manchester di entrambi i protagonisti. Su Pogba ci sarebbe il Barcellona o un possibile ritorno alla Juve mentre il fantasma di Zidane aleggia sulla panchina di Old Trafford.

Mourinho e Zidane ai tempi del Real Madrid

Giornalista, nato e cresciuto nella provincia barese con pezzi di cuore sparsi tra Roma e Liverpool, a metà tra Penny Lane e Strawberry Fields. Segue il calcio da quando Andrè Escobar segnava nella propria porta a Usa ‘94 mentre Roberto Baggio riceveva palla da «un’iniziativa di Mussi sulla fascia destra» . SCOPRI LO SCONTO UTILIZZANDO IL COUPON: VINCENZOP

Write A Comment