Calcio

Da promessa a certezza: la consacrazione di Federico Bernardeschi

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Federico Bernardeschi è sbocciato all’alba di un nuovo autunno. Frosinone Juventus ha confermato un dato emerso già nel precampionato estivo. L’esterno tuttofare di Carrara, concittadino di Buffon, è uomo sempre più decisivo negli ingranaggi di Allegri, al pari di Cristiano Ronaldo, oggi più di Paulo Dybala.

L’esultanza di Bernardeschi dopo il goal decisivo a Verona contro il Chievo

Ha segnato il gol vittoria nell’esordio di Verona contro il Chievo, ha chiuso a chiave il colpo esterno al Benito Stirpe. Mostra personalità e sacrificio (oltre a notevole qualità) sia quando entra dalla panchina, sia quando gioca titolare come a Valencia in Champions. In Spagna ha preso per mano la squadra dopo l’espulsione di Ronaldo che poteva complicare la gara dei bianconeri.

Con la Juventus finora ha segnato 7 reti in 36 partite disputate, ma è l’atteggiamento a convincere sempre più. Bernardeschi, alla sua seconda stagione con la Juve, si è calato perfettamente nella realtà bianconera, offrendo il suo talento al servizio del collettivo.

Bernardeschi nella stagione a Crotone

La classe non gli è mai mancata: non a caso lo chiamavano Brunelleschi quando incantava con il suo sinistro terribile nelle giovanili della Fiorentina sin da ragazzino. Si è fatto prima le ossa a Crotone, nella stagione 2013-2014, con 12 gol in 38 partite in serie B. Poi il ritorno a Firenze dove esplode per tre anni guadagnandosi la fiducia di Paulo Sousa. Memorabile il suo splendido gol in Europa League su punizione a Mönchengladbach contro il Borussia.

Nell’estate 2017 il passaggio turbolento alla Juventus per 40 milioni, tra le ostilità dei tifosi gigliati, sulla scia di quanto successo quasi 30 anni prima con il trasferimento di Baggio dalla Fiorentina a Madama. Federico è ancora acerbo, cerca di ritagliarsi i suoi spazi, segna il suo primo gol a Bergamo contro l’Atalanta, viene coccolato e protetto da Allegri che conosce le sue potenzialità. Ora, a 24 anni, nel pieno della sua maturità, Bernardeschi si sta prendendo la Juve di CR7 puntando le sue mire alla Nazionale di Mancini. Bologna allo Stadium mercoledì la prossima tappa nel turno infrasettimanale di A. 

 

Giornalista, nato e cresciuto nella provincia barese con pezzi di cuore sparsi tra Roma e Liverpool, a metà tra Penny Lane e Strawberry Fields. Segue il calcio da quando Andrè Escobar segnava nella propria porta a Usa ‘94 mentre Roberto Baggio riceveva palla da «un’iniziativa di Mussi sulla fascia destra» . SCOPRI LO SCONTO UTILIZZANDO IL COUPON: VINCENZOP

Write A Comment