Author

Redazione Mondiali.it

Browsing

Le squadre inglesi sono sempre attivissime sul mercato e la notizia di Romero vicino al Tottenham costituisce un esempio di questa tendenza. Il difensore argentino in forza all‘Atalanta ha dimostrato di essere un giocatore di valore altissimo e ha fatto gola al club Londinese; le due parti avrebbero trovato un accordo con i Bergamaschi per 50 milioni di euro, più 5 di bonus.

Allo stesso tempo, il difensore avrebbe acconsentito al trasferimento al Tottenham con cui si è raggiunto un accordo di massima sull’ingaggio. Manca solo l’ufficialità che dovrebbe arrivare nei prossimi giorni, visto che anche il presidente degli Spurs avrebbe dato il via libera al corposo investimento per Romero.

Se la trattativa andasse in porto, farebbe sì che il Tottenham abbandoni la pista Milenkovic, che in tal caso potrebbe rimanere alla Fiorentina.

Romero vicino al Tottenham – Caratteristiche Tecniche

Romero nasce come terzino destro ma ora gioca prevalentemente come centrale di difesa. Dotato di un fisico prestante, è molto rapido e grintoso, per cui risulta un baluardo difensivo molto difficile da superare. La sua bravura in marcatura è notevole e lo porta a essere uno dei migliori giovani difensori del panorama calcistico mondiale. In questi anni è migliorato anche nella scelta dei tempi di gioco e a volte si fa vedere anche in progressione offensiva, riuscendo a realizzare anche qualche gol. L’unico suo punto debole sta nell’eccessiva irruenza, che gli ha fatto guadagnare diversi cartellini.

Sin dall’esordio con la maglia del Genoa, si è fatto notare per le ottime prestazioni in marcatura su gente come Icardi e Cristiano Rolando. Già in quelle prime uscite, era chiaro a tutti che il suo talento fosse grandissimo e non si capisce come mai la Juve, che ne deteneva il cartellino, lo abbia ceduto per soli 18 milioni all’Atalanta. La scorsa stagione con i bergamaschi, ha segnato la sua maturazione e, per questo motivo, il valore del suo cartellino è lievitato, suscitando il forte interesse di Paratici.

Un’ulteriore prova della sua crescita è la convocazione con la maglia dell’Argentina nella Coppa America, in cui ha giocato tre partite, tra cui la finale vinta contro il Brasile.

A volte anche un giocatore svincolato riceve grosse offerte e la news di Diego Costa e i suoi contatti con il Besiktas rientra in questa casistica. Il giocatore è svincolato dal gennaio scorso e ora sta riflettendo per scegliere la migliore opzione per la prossima stagione calcistica.

La squadra turca sembra il club che ha cercato l’attaccante spagnolo con più decisione, arrivando ad offrire ben 4 milioni di euro per il suo cartellino. Diego Costa starebbe seriamente considerando l’opzione turca e, secondo i media, avrebbe accettato, valutando positivamente il trasferimento al Besiktas.

In passato c’era stato qualche contatto con il Bologna, che l’attaccante ha accolto positivamente ma non si è concretizzato per una decisione del club che avrebbe cambiato idea. Anche altre squadre si sono interessate allo spagnolo, quali il Cagliari e il Genoa ma sembrano opzioni al momento ormai scartate e non attuabili.

Diego Costa contatti Besiktas – Caratteristiche Tecniche

Diego Costa è un attaccante brasiliano naturalizzato spagnolo, che ha deciso di vestire la maglia della nazionale spagnola. E’ molto forte fisicamente e rapido ed è dotato di una buona tecnica individuale. A tutto ciò, si aggiunge la sua grande propensione al gol, avendone realizzati 181 nel corso della sua carriera.

Ha anche una buona propensione all’assist e al sacrificio, visto che spesso partecipa alla fase difensiva per aiutare la sua squadra. Tutte queste qualità hanno fatto sì che Costa abbia militato per tanti anni in club di alto livello, quali il Chelsea e l’Atletico Madrid. Nonostante tutti questi pregi, spesso è stato al centro di polemiche per via di comportamenti non proprio da esempio per i giovani; il giocatore è infatti molto nervoso e falloso e ha rimediato diversi cartellini negli anni.

Un episodio molto bizzarro del suo percorso è stato il messaggio di Antonio Conte; che, quando era ancora al Chelsea, lo ha praticamente licenziato tramite sms, comunicandogli che non rientrava più nei suoi piani.

Palmarès

Il Palmarès di Diego Costa è molto soddisfacente e i trofei da lui vinti sono i seguenti:

  • 1 Coppa di Spagna con l’Atletico Madrid;
  • 1 Campionato Spagnolo con l’Atletico Madrid;
  • 3 Supercoppa Europea con l’Atletico Madrid;
  • 1 Coppa di Lega Inglese con il Chelsea;
  • 2 Campionato Inglese con il Chelsea;
  • 1 Europa League con l’Atletico Madrid.

Le amichevoli estive vanno prese con le pinze ma vincere contro una grande squadra dà sempre stimoli e questo è il caso della vittoria del Napoli sul Bayern Monaco per 3-0. Il nuovo tecnico Luciano Spalletti può trarre sicuramente ottime indicazioni dalla grande prova allo stadio Allianz Arena e può essere soddisfatto.

Il mattatore della partita è stato Osimhen, autore di una doppietta contro lo squadrone bavarese, e l’attaccante sembra essersi mosso come l’allenatore chiedeva. Anche se i partenopei contavano molte assenze, come inizio non c’è male e sembra che la squadra stia pian piano assimilando le idee del mister.

Vittoria Napoli Bayern Monaco 3-0 – La partita

Il Bayern si schiera con il 4-3-3, con un attacco di tutto rispetto, formato da Lewandowski, Sane e Coman. Il Napoli di Spalletti scende in campo con un 4-2-3-1, con Osimhen unica punta ed Elmas, Politano e Zedadka a supporto.

All’inizio il Bayern spinge molto e ci prova con Lewandowski che è sempre molto pericoloso quando calcia in porta. Ci sono diverse occasioni per i tedeschi e su Musiala il portiere del Napoli contini è bravissimo e respinge fuori. Dopo la prima mezz’ora comincia a farsi vedere il Napoli, che prima pensava solo a difendere.

Il primo tempo si chiude con qualche spunto ma senza gol e la ripresa appare, invece molto più frizzante. Al minuto 68′ la partita si sblocca, con Ounas che recupera una palla sulla trequarti avversaria e serve Osimhen, che segna con un bel tiro dalla distanza. Passano appena due minuti e il nigeriano raddoppia, battendo il portiere e mettendo la palla allo stesso angolino della prima rete. Se gli infortuni non saranno frequenti, come nella scorsa stagione, sicuramente la punta del Napoli farà parlare di sé molto bene.

All’85’ arriva il terzo gol, che chiude definitivamente la gara e lo realizza Machach che sfrutta un bell’assist di Tutino. Ancora è tutto da definire ma è comunque un buon inizio per la squadra di Spalletti.

A volte si può arrivare, quasi per caso, da un paesino di provincia al tetto d’Europa e Domenico Berardi e la sua Storia dell’Europeo 2020 ne sono un esempio. Il suo percorso inizia dai calci ad un pallone prima a Bocchigliero e poi a Mirto, in provincia di Cosenza.

Man mano che il ragazzino cresce, tutti notano le sue qualità e arriva il momento del provino con il Cosenza. In quel periodo, 2008, viste le vicissitudini societarie dei rossoblu e la miopia di qualcuno, il trasferimento salta. Il motivo ufficiale sembra assurdo e la dice lunga sulla lungimiranza di alcuni dirigenti delle squadre.

Vista la lontananza da casa, infatti, il giovanissimo Berardi ha la necessità di affittare un appartamento per allenarsi; questo ostacolo appare insormontabile alla dirigenza e alla proprietà del Cosenza, tanto che il club rinuncia al suo ingaggio. Sembra uno scherzo ma è la realtà: il calcio italiano rischia di perdere un grande talento per via della mancata volontà della società di sostenere le spese di alloggio di un appartamento. Questo, almeno, è quanto dichiarato da qualche ex dirigente dei silani.

Il giovane poi va a Modena dove vive il fratello e, nel corso di una partita di calcio a 5, qualcuno del Sassuolo, un po’ più bravo nell’osservare i talenti, lo nota e lo porta nella squadra emiliana. Da quel momento in poi Berardi segna 105 reti con la maglia del Sassuolo e vince Euro 2020 con l’Italia; molto probabilmente ora diversi club faranno pervenire offerte per il suo cartellino.

Berardi Storia dell’Europeo 2020 – Percorso con l’Italia di Mancini

La prima convocazione nella nazionale maggiore arriva il 3 ottobre 2015 con Conte ma l’attaccante è costretto a lasciare il ritiro per infortunio. Ventura poi lo fa esordire il 31 maggio del 2017, nell’amichevole contro San Marino.

Roberto Mancini, invece, lo chiama il 19 maggio 2018 e lo manda in campo il primo giugno, in amichevole contro la Francia. Il suo primo gol in maglia azzurra risale al 7 ottobre 2020 e il calabrese non scende mai in campo nelle qualificazioni a Euro 2020.

Nations League 2020-2021

Nella Nations League 2020-2021 scende in campo in 5 occasioni, andando a segno contro la Polonia e la Bosnia e contribuendo al buon percorso dell’Italia nella competizione.

Qualificazioni Mondiali Qatar 2022

Per quanto riguarda le qualificazioni ai mondiali del Qatar 2022, sono ancora in corso ma Berardi ha comunque avuto il tempo di giocare contro l’Irlanda del Nord e di segnare un gol. Molto probabilmente parteciperà anche alle prossime gare di qualificazione.

Berardi Storia dell’Europeo 2020 – Euro 2020

Mano mano che gli Europei si avvicinano, Mancini gli dà sempre più fiducia e lo fa giocare anche nell’amichevole contro la Repubblica Ceca; il giocatore del Sassuolo lo ripaga segnando e giocando benissimo.

Per questo motivo, parte titolare anche nella partita d’esordio all’Olimpico di Roma contro la Turchia. In questa partita Mancini lo impiega come attaccante esterno destro e lui risulta uno dei migliori in campo. Da un suo spunto, infatti, nasce il primo gol azzurro; Berardi è, infatti, bravo nel saltare il difensore e nel mettere in mezzo una palla tesa, che carambola su Demiral e causa il suo autogol. Lo vediamo di seguito:

 

Oltre a questo, è sempre nel vivo del gioco e serve Spinazzola nell’azione del secondo gol; mette, inoltre, anche lo zampino anche nella terza rete italiana.

Il ct lo mette in campo anche contro la Svizzera e lui si fa trovare pronto, propiziando ancora il primo gol. Nell’azione, riceve palla da Locatelli, avanza palla al piede, dribbla Rodriguez e mette in mezzo una palla su cui si avventa lo stesso Locatelli che gonfia la rete. Anche la seconda partita di  Mimmo è, quindi, magistrale.

Contro il Galles rifiata, lasciando spazio a Chiesa, e rivede il campo nella partita degli Ottavi contro gli austriaci. In questa sfida appare un po’ in confusione e non riesce a incidere, facendosi notare solo per un’acrobazia che comunque non porta i risultati sperati. Al minuto 84′ esce dal campo e al suo posto entra Chiesa, che poi segna ai supplementari.

Nei quarti di finale contro il Belgio parte dalla pancina, entra a 10 minuti dalla fine e quindi non ha il tempo per farsi notare. In semifinale contro la Spagna, la partita più dura, rileva Immobile al 61′ e riesce a dare brio all’attacco azzurro, guadagnando ampiamente la sufficienza e mettendo in difficoltà la difesa spagnola. Segna anche un gol, che viene giustamente annullato per fuorigioco e, tutto sommato, gioca una buona gara.

Anche nella finale contro l’Inghilterra, Mancini lo manda in panchina ma lo fa entrare al 54′, sempre al posto di uno spento Immobile. Berardi fa la sua parte e rischia di segnare un eurogol al volo su lancio di Bonucci ma la palla va fuori. Al momento del rigore, non si tira indietro e la mette dentro, dando un grande contributo alla vittoria degli Europei e facendosi trovare sempre pronto nei momenti decisivi. Di seguito, rivediamo il suo rigore che trasforma molto bene:

 

Nel complesso, possiamo dire che Domenico Berardi disputa un grande Europeo ed è una pedina da cui Mancini vuole ripartire per il futuro prossimo della nazionale.

Le olimpiadi procedono spedite e i risultati dei Quarti di Finale delle Olimpiadi 2021 di  Calcio ci dicono quali sono le squadre che approdano alla semifinale. Le sfide dei quarti di finale regalano diverse emozioni e in questo caso gli esiti rispettano pienamente i pronostici della vigilia.

Sicuramente vedremo delle semifinali altrettanto avvincenti perché le squadre sono molto competitive e ben attrezzate per questa rassegna sportiva.

Risultati Quarti di Finale Olimpiadi 2021 Calcio – Le partite

Risultati Quarti di Finale Olimpiadi 2021 Calcio – Spagna-Costa d’Avorio

Il risultato finale inganna, perché la partita è molto combattuta. La Spagna tiene molto la palla, come sempre, ma anche gli ivoriani hanno diverse occasioni da gol e passano in vantaggio al 10′ con Bailly, su calcio d’angolo.

Al minuto 30, però, Olmo pareggia, sfruttando un intervento incomprensibile del difensore ivoriano, che respinge corto e favorisce lo spagnolo. Al 90esimo Gradel segna e sembra fatta per la Costa d’Avorio ma la Spagna pareggia con Mir al 93′; gli iberici poi dilagano ai supplementari, grazie alle reti di Oyarzabal e a un’ altra doppietta di Mir.  Per la Costa d’Avorio di Kessie è una brutta beffa perché a due minuti dalla fine erano in vantaggio e vedevano la semifinale vicinissima; i meccanismi difensivi, però, vanno rivisti.

Giappone – Nuova Zelanda

La partita tra Giappone e Nuova Zelanda si rivela più combattuta del previsto, anche perché i giapponesi giocano meglio ma riescono a sbloccarla solo ai calci di rigore. Visti i percorsi delle squadre, si immaginava una vittoria molto più agevole e netta dei nipponici che alla fine passano ma soffrono.

Considerando le statistiche, il Giappone ha meritato ma si nota subito che è stata una partita tesa, ricca di ammonizioni e di scontri.

Risultati Quarti di Finale Olimpiadi 2021 Calcio – Brasile-Egitto

I sudamericani del Brasile battono l’Egitto di misura, grazie ad un gol di Cunha, servito da Richarlison al limite dell’area. Questi due attaccanti si stanno rivelando i trascinatori della squadra verdeoro e di seguito vediamo il gol qualificazione:

L’Egitto ha avuto qualche occasione ma il Brasile ha meritato la vittoria, anche grazie al tasso tecnico notevolmente superiore rispetto agli Africani.

Corea del Sud – Messico

La sfida tra Corea del Sud e Messico regala ben 9 reti ed è sicuramente la più spettacolare della giornata. Le due squadre di affrontano a viso aperto, senza troppi tatticismi e hanno più o meno lo stesso numero di occasioni. I messicani, però, si dimostrano più bravi nel finalizzare e segnano tre gol nel primo tempo, con Martin, Romo e Cordova e tre nella ripresa, con Martin, Cordova e Aguirre.

La Corea del Sud ci prova fino alla fine e segna tre reti, due delle quali di Dong-Gyeong Lee e la terza di UiJo Hwang a tempo scaduto.

I tifosi milanisti possono sorridere perché il rinnovo di Kessie è vicino e potranno quindi continuare a vedere in maglia rossonera un perno del centrocampo. Grazie alle sue prestazioni di altissimo livello, il calciatore ivoriano ha meritato un cospicuo aumento del suo ingaggio, che passa da 2,2 a 6 milioni di euro a stagione, bonus inclusi.

Nella scorsa stagione è stato sicuramente il milanista che ha offerto il rendimento più alto e ha giocato 50 delle 53 partite dei rossoneri. Ha, inoltre, segnato 14 reti e si è dimostrato anche un ottimo rigorista, abilità in cui ha sostituito Ibra che è apparso un po’ impreciso dagli 11 metri.

Visto il suo grande contributo nella scorsa stagione e considerando le ambizioni del Milan di ritornare a vincere trofei importanti, lasciarlo partire sarebbe stato un grande errore. Il quasi certo rinnovo dimostra, quindi, la forte volontà dei rossoneri di rinforzarsi e il desiderio del giocatore di crescere in questo club. I tifosi rossoneri, inoltre, dopo aver visto le partenze di Donnarumma e Calhanoglunon avrebbero sopportato la partenza di Kessie.

Rinnovo di Kessie vicino – Caratteristiche Tecniche

Franck Kessie è un principalmente mediano molto abile in fase difensiva, anche per via dei suoi trascorsi come difensore centrale, nei primi anni della sua carriera. A questo, però, abbina una grande scelta del tempo degli inserimenti e un ottima qualità nel gioco aereo; che, assieme alla sua buona tecnica, gli hanno consentito di realizzare molti gol in carriera.

Si tratta, quindi di un centrocampista completo e duttile, molto forte fisicamente e bravo a coprire e, nello stesso tempo, molto efficace in fase offensiva. Destro naturale ma bravo anche nel calciare di sinistro, è dotato di un ottimo tiro da fuori, di un buon dribbling e di un grande controllo della palla.

La sua duttilità gli consentono di ricoprire qualsiasi ruolo a metà campo e la sua tecnica fa sì che vada spesso incontro ai difensori per agevolarne la fase di impostazione. Nella fase di transizione positiva, di solito è molto bravo nell’attaccare la profondità, grazie alla sua rapidità di passo davvero notevole.

In fase di non possesso, è molto disciplinato tatticamente e sa quando andare in aggressione e quando ripiegare per chiudere gli spazi. Dal punto di vista comportamentale è sempre stato ineccepibile e quindi bene ha fatto il Milan a non privarsene e bene fa la nazionale ivoriana a puntare su di lui.

A volte una lettera cambia completamente il significato di una parola e quindi, leggendo che Joao Pedro è in trattativa con l’Atlanta, non dobbiamo confonderci con la squadra di Gasperini. Si tratta, infatti, di una squadra del campionato americano, che si sta muovendo con molta decisione verso l’attaccante del Cagliari.

Il club a stelle e strisce avrebbe proposto al calciatore un contratto da 3,5 milioni di euro a stagione e avrebbe fretta di chiudere; il calcio mercato negli USA sta, infatti, per terminare e quindi la trattativa deve concludersi il prima possibile. L’offerta è molto alta e il brasiliano andrebbe a prendere più del doppio di quanto prende adesso al Cagliari ma la trattativa è complicata.

La società sarda non è intenzionata a cederlo facilmente, visto che si tratta del miglior giocatore cagliaritano delle ultime due stagioni e anche del capitano. Se dal punto vista dello stipendio non ci sono problemi, per quanto riguarda il compenso al club le parti sembrano distanti. Il Cagliari valuterebbe, infatti, il cartellino del giocatore 18 milioni mentre gli americani avrebbero offerto 12. Se l’Atlanta vuole il giocatore a tutti i costi, dovrà aumentare l’offerta e dovrà farlo subito, visto che il 5 agosto termina il calcio mercato americano.

Il mercato del Cagliari si dimostra, quindi, in questo periodo molto caldo, viste le grosse operazioni in corso, tra qui quella di Nainggolan e Nandez.

Joao Pedro trattativa Atlanta – Caratteristiche Tecniche

Joao Pedro nasce come centravanti e ora è un trequartista, anche se può giocare anche come seconda punta, come ala e come mezzala. La sua tecnica individuale è notevole, visto che è bravo nel dribbling e ha un bel tiro, efficace anche da fuori area. Nelle ultime due stagioni ha migliorato, inoltre, migliorato moltissimo il suo senso del gol, divenendo bravo anche in area di rigore e nel gioco aereo. Ciò gli ha consentito di realizzare, negli ultimi due anni, 35 gol, che per un trequartista sono tanti.

E’ anche un ottimo rigorista, avendo un alta percentuale di realizzazioni dagli undici metri e divenendo uno dei più contesi nell’asta del fantacalcio. Ormai si è ambientato benissimo in Serie A e il Cagliari lo lascerà partire solo a fronte di una congrua offerta, anche perché non è semplice da sostituire.

EliminatoCi sono squadre che non badano a spese e la grossa offerta del Manchester City per Grealish mostra che i Cityzens appartengono a questa categoria. Pochi giorni fa i media parlavano di 90 milioni di euro più bonus per il giocatore della nazionale inglese, che l’Aston Villa avrebbe rifiutato categoricamente. Il City, però, avrebbe rilanciato, arrivando a offrire ben 100 milioni di sterline.

Se la trattativa dovesse andare in porto, il 25enne diventerebbe il calciatore britannico più pagato della Premier League. Il giocatore è sicuramente valido ma la quotazione sembra un tantino eccessiva, visto che con l’Inghilterra di Euro 2020 non partiva sempre titolare e nella sua carriera ha realizzato 37 reti; che non sono poche ma forse non giustificano questa offerta proibitiva.

Ora tutti i media staranno a guardare se l‘Aston Villa accetterà questa proposta economica che è molto difficile da declinare e l’idea è che la trattativa potrebbe andare in porto, grazie all’elevato ordine di grandezza della proposta. C’è da dire, però, che il palmarès del giocatore non è, al momento, invidiabile, anche se un paio di settimane fa lui ha sfiorato la vittoria dell’Europeo, perdendo però la finale contro l’Italia.

Grossa Offerta Manchester City per Grealish – Caratteristiche Tecniche

Grealish è un’ala sinistra che predilige calciare con il piede destro e quindi è predisposto a rientrare verso il centro. Il suo fisico non è mastodontico ma la sua tecnica individuale è eccelsa e lo porta spesso a giocare anche come trequartista. I suoi punti di forza sono il dribbling e la sua bravura del mandare in gol i suoi compagni di squadra.

E’ anche molto bravo nella protezione della palla e subisce molti falli ma, quando la circostanza lo richiede, sa cimentarsi nel gioco duro e non tira indietro la gamba; essendo bravo anche in fase difensiva, a volte si trova a ricoprire anche la posizione di mezzala e lo fa con grande efficacia.

Non è un goleador stratosferico ma è bravo nella costruzione del gioco e nell’ultima stagione ha giocato in 27 occasioni, segnando 7 reti. Probabilmente un giocatore della sua classe è destinato a giocare per un club con maggiori ambizioni e l’offerta del City potrebbe essere la sua occasione per esplodere.

Quando Mourinho si mette in gioco, il rafforzamento della sua squadra è una priorità e la notizia di Shomurodov vicinissimo alla Roma va sicuramente in questa direzione. Il club capitolino sarebbe vicino all’accordo con il Genoa per un prestito di 2,5 milioni più il diritto di riscatto che diventerà facilmente un obbligo, per una cifra di 17,5 milioni. A seguito della cessione di Kluivert al Nizza, questo acquisto sarebbe un rinforzo dell’attacco e sembra molto gradito al tecnico portoghese.

Il centravanti uzbeko ha dato implicitamente conferma della quasi avvenuta operazione, salutando i suoi nuovi tifosi romanisti su Twitter. Il giocatore firmerà un contratto di 5 anni, con uno stipendio di 2 milioni di euro a stagione più bonus. Per la Roma si tratta di un giocatore che ha fatto vedere il suo valore in Serie A e che potrebbe fare un grande salto di qualità nella squadra giallorossa.

Shomurodov vicinissimo alla Roma – Caratteristiche Tecniche

Shomurodov è un centravanti dal fisico possente, essendo alto 190 cm ed è una seconda punta molto rapida, con buone qualità tecniche. Grazie alla sua stazza, è capace anche di giocare da terminale offensivo e di tenere la palla per far salire la squadra. Per tutti questi motivi, è abile sia nell’attacco della profondità quando ha spazio, sia nel venire incontro per agevolare la manovra dei centrocampisti; è anche bravo nel gioco areo, grazie alla sua altezza ma può migliorare nella scelta dei tempi di elevazione.

Calcia prevalentemente di destro e, grazie al suo piede buono, è bravo anche nei cambi di gioco, in cui riesce a smarcare gli avversari che si lanciano in profondità. Ovviamente è nel giro della nazionale Uzbeka, in cui ha giocato 41 volte e realizzato 21 reti. Nella sua patria tutti lo vedono come una stella, tanto da accostarlo, in modo forse un po’ azzardato, a Lionel Messi. Pur non scomodando il 6 volte pallone d’oro, si può dire che si tratta di un attaccante abbastanza completo; visto che partecipa anche alla fase difensiva della sua squadra e si sacrifica per aiutare i compagni.

I gironi sono ultimati e adesso iniziato i quarti di finale del 31 luglio delle Olimpiadi 2021 di Calcio, che sono, ovviamente, a eliminazione diretta. Gli accoppiamenti risultano molto interessanti e si vedranno sicuramente delle partite avvincenti e molto equilibrate.

Fino ad adesso, infatti, il torneo olimpico di calcio si è dimostrato molto avvincente e molto probabilmente anche le prossime partite saranno spettacolari e frizzanti. Le due sfide più combattute in teoria sono Spagna-Costa d’Avorio e Corea del Sud-Messico, che promettono molti gol.

Quarti di Finale 31 Luglio Olimpiadi 2021 Calcio – Le Gare

Quarti di Finale 31 Luglio Olimpiadi 2021 Calcio – Spagna-Costa d’Avorio

La Spagna è passata come prima nel suo girone e ha dimostrato di essere una squadra molto simile alla nazionale maggiore. Le percentuali di possesso palla e l’efficacia della manovra, infatti, sono le stesse di quelle della Spagna di Euro 2020. Nel primo turno non ha avuto grossi problemi e l’unica pecca è stata la scarsa efficacia realizzativa, rispetto alla grossa mole di gioco creata.

La Costa d’Avorio, invece, è riuscita a fermare Brasile e Germania, ottenendo due pareggi importantissimi, e a vincere contro l’Arabia Saudita. In virtù di tali risultati, ha passato il turno in un girone molto difficile, trascinata dall’ottimo Kessie del Milan.

Confronta le Quote – Spagna- Costa d’Avorio

Quarti di Finale 31 Luglio Olimpiadi 2021 Calcio – Giappone- Nuova Zelanda

Il Giappone è favorito nella sfida contro la Nuova Zelanda perché si è dimostrato forse la squadra migliore, nelle fasi a gironi. I nipponici hanno, infatti, sbaragliato la Francia e vinto tutte e tre le partite del primo turno, chiudendo al primo posto a punteggio pieno.

La Nuova Zelanda si è qualificata con 4 punti, grazie a una migliore differenza reti rispetto alla Romania e non ha sempre espresso un gioco travolgente. Parte, pertanto, svantaggiata e dovrà fare di più di quanto mostrato finora per passare il turno.

Confronta le Quote – Giappone-Nuova Zelanda

Quarti di Finale 31 Luglio Olimpiadi 2021 Calcio – Brasile – Egitto

Il Brasile è largamente favorito per quello che ha fatto vedere nelle partite del primo turno. Al netto di alcuni cali di concentrazione, sembra una macchina da guerra e dispone di Richarlison, che finora è il miglior giocatore delle Olimpiadi.

L’Egitto ha stupito tutti con la qualificazione in extremis raggiunta nell’ultima partita del girone, con la vittoria ai danni dell’Australia, su cui nessuno sperava.

Confronta le Quote – Brasile – Egitto

Quarti di Finale 31 Luglio Olimpiadi 2021 Calcio – Corea del Sud – Messico

La partita tra Corea del Sud e Messico si preannuncia molto scoppiettante, visto che le due squadre hanno segnato molti gol nelle sfide del primo turno. Gli asiatici hanno passato il turno come primi in classifica mentre il Messico è arrivato secondo, avendo perso contro il Giappone.

La sfida appare molto equilibrata ed aperta a ogni tipo di pronostico anche se i bookmakers danno il Messico leggermente favorito.

Confronta le Quote – Corea del Sud – Messico