Italians

Sebastian Giovinco trionfa in MLS Cup con il Toronto

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

È stato ed è tuttora uno dei calciatori italiani più amati e che più rappresenta l’Italia all’estero. Con la vittoria del campionato prima e della coppa poi, è entrato ancor di più nel cuore di tutti i tifosi oltreoceano.

Sebastan Giovinco stavolta ce l’ha fatta. Nel remake della finale dello scorso anno contro Seattle Sounders, il Toronto FC ha vinto la Coppa Major League Soccer 2017, guidata proprio dalla Formica Atomica.

Davanti al proprio pubblico, i Reds hanno dominato il match con una prestazione super di tutta la squadra. Tuttavia per i gol c’è stato bisogno proprio del talento italiano che ha acceso la miccia, offrendo prima l’assist al gol di Jozy Altidore e poi passando il pallone decisivo per la seconda marcatura.

Una vittoria che The Atomic Ant ha sentito molto, perché dopo la delusione dello scorso anno (sconfitta ai rigori) c’era bisogno di un riscatto, e così è stato: vittoria prima della Canadian Championship 2017 e poi il Supporters’ Shield (la coppa che si porta a casa chi vince la regular season), battendo il record di punti durante la stagione regolare con 69 punti contro i 68 dei Los Angeles Galaxy nel 1998 ed eguagliando anche il numero di vittorie dei Seattle Sounders; infine la vittoria finale nei play-off della Major League Soccer, conquistando così il titolo della stagione regolare e la MLS Cup, divenendo il primo club canadese a vincere i due titoli.

Il numero 10 italiano si gode il trionfo con una città che lo ha accolto bene e che ora lo venera quasi come una divinità. Il calore dei tifosi e l’aria positiva che si respira nello spogliatoio del team canadese gli permettono di vivere appieno quest’avventura iniziata nel gennaio 2015. In una lettera di qualche settimana fa ha manifestato tutto il suo amore per la città canadese e le dichiarazioni post gara non hanno fatto che confermare il suo pensiero: quello di restare a Toronto, perché ci sono altri obiettivi da raggiungere.

Questa stagione è stata brillante per il trentenne ex Juve e Parma. Tanto si è parlato della sua esperienza in America e c’è chi sperava in una sua convocazione nell’Italia per il beffardo playoff perso contro la Svezia.

I complimenti per la vittoria sono arrivati anche dalla società bianconera via Twitter

Dario Sette

Giornalista professionista, cura “Italians”, rubrica che parla di sportivi italiani che si sono affermati all’estero. E chissà magari, Ivanka Trump, la prossima volta non confonderà più Giorgio Chinaglia, ex attaccante di Lazio e New York Cosmos, per un santo. SCOPRI LO SCONTO UTILIZZANDO IL COUPON: DARIOS

Comments are closed.