Altri sport

Intervista a Edwige Gwend: «Il judo non è solo sport, è parte della mia vita!»

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

È la stella dell’Italia del judo, ha scalato molto per raggiungere gli altissimi livelli in cui è ora. La campionessa azzurra Edwige Gwend, classe 1990, col suo carisma e la sua dedizione sportiva ha avuto modo di mettere in mostra tutto il suo talento. Atleta del gruppo Fiamme Gialle, da poco è stata insignita anche del premio migliore judoka del 2017.

Partiamo dal passato, come mai hai deciso di intraprendere l’attività sportiva del judo?

Posso confermare che il mio avvicinamento al judo è avvenuto in maniera abbastanza casuale. La mia famiglia è perlopiù di tradizione calcistica, tant’ è che anche mia sorella maggiore lo pratica.
Io a differenza del resto della mia famiglia seppur mediocre nel calcio, non me ne sono mai innamorata e  così già da piccola, a sei anni per la precisione, ho voluto provare qualcosa di diverso. Una palestra di judo vicino casa mi ha permesso di scoprire questo splendido sport e farlo mio

Cosa ti ha dato, nel corso degli anni, questo sport?

Questo sport mi ha dato tanto, e dico che non mi ha tolto niente. Sono cresciuta sia grazie ai miei genitori che grazie al judo che mi ha fatto anch’esso da “genitore”.
Il judo mi ha cresciuta, mi ha formata e ha reso l’Edwige che sono ora.
Questo sport  mi ha plasmato il carattere, mi ha fatto capire il significato dell’impegno, della sofferenza, della caparbietà, del porsi degli obiettivi e cos’è il rispetto. Il judo mi ha educata!

Hai mai pensato di provare a fare un’altra disciplina?

Forse da piccolina un po’ ci ho pensato, ma perché in realtà avrei voluto provare di tutto ero abbastanza curiosa. Il judo, però, mi ha allettata sin dall’inizio e non c’era niente di meglio dello stare scalzi sul tatami a correre qua e là con gli amici

Nel corso della tua carriera ci sono stati dei bei momenti, qual è il più bel ricordo che hai con addosso il judogi?

Lo dico sempre che il ricordo più bello per me è stato il mio primo campionato italiano all’età di 15 anni. Ebbi la possibilità finalmente di parteciparvi perché acquisii la cittadinanza italiana. La vittoria rese ancora il tutto più bello!

Quale, invece, è stato il periodo più buio?

Il periodo più brutto è indubbiamente stato quello dopo l’Olimpiade di Rio de Janeiro 2016. È stato un pessimo periodo sia dal punto di vista sportivo per come si era conclusa la gara in Brasile che familiare, a causa della perdita del mio fratello più grande

Cosa ti aspetti, a livello sportivo, per il futuro prossimo? Immagino anche Tokyo 2020?

Per quanto riguarda gli obiettivi Tokyo 2020 è indubbiamente il più grande e il più importante. Ma ad oggi, dopo aver acquisito una certa maturità, cerco di pensare e a pormi obiettivi a breve/medio termine.
Diciamo che preferisco vivere passo dopo passo i miei piani sportivi così che possa trovare sempre gli stimoli giusti. Lo scopo primario è quello di arricchire il mio palmares e concretizzarlo ancor più possibile

Come avviene la preparazione fisica e mentale per una gara?

La preparazione fisica varia in base alla gara o meglio ancora in base all’obiettivo di gara.
In base a ciò varierà il carico di lavoro: dalla tecnica allo studio dell’avversario. A livello mentale si ricerca sempre la tranquillità interiore, pensando ai propri punti di forza da sfruttare al massimo sul tatami

Il judo oltre a essere uno sport è anche uno stile di vita. È vero?

Verissimo! Una cosa che spesso diciamo è : “una volta judoka, sempre judoka!”.
Il perché sta nel fatto che il judo ti forma, diventa quindi parte della tua vita, parte di te!
Il judo ti insegna a cadere per poi saperti rialzare nello sport così come nella vita! Devo ammettere che senza questo sport, tanti episodi della mia vita scuramente non li avrei superati e non sarei stata in grado di superarli nemmeno oggi

Arrivata in Italia da piccolina, ti senti un po’ anche africana? Hai ancora qualche caro in Camerun?

Italianissima nel cuore! Ma nelle radici c’è anche un bel po’ della mia splendida Africa, del mio splendido Camerun! Mi sento anche una Leonessa d’Africa! Sono super fortunata di aver questo connubio dentro di me.
Della cultura camerunense mi piace il senso di solidarietà che si crea tra i connazionali, specialmente quando si emigra, e il senso di rispetto verso le persone più adulte.
In Camerun ho tantissimi familiari, molti zii e cugini pensa che nemmeno li conosco tutti! (ride, ndr)

Cosa pensi sulla legge dello Ius Soli?

Credo fermamente che lo Ius Soli sia la strada più che giusta da intraprendere. È una legge che per quanto e come sia cambiato il mondo mi pare assurdo non sia ancora in vigore. Per quanto tempo ancora vogliamo negare l’italianità a ragazzi italiani, solo perché nati da genitori stranieri?
Il fenomeno delle seconde generazioni è in atto da un bel po’ di tempo più di quanto si pensi! Pertanto a mio avviso è seriamente assurdo che una legge come lo Ius Soli non sia ancora stata attuata

Giornalista professionista, cura “Italians”, rubrica che parla di sportivi italiani che si sono affermati all’estero. E chissà magari, Ivanka Trump, la prossima volta non confonderà più Giorgio Chinaglia, ex attaccante di Lazio e New York Cosmos, per un santo. SCOPRI LO SCONTO UTILIZZANDO IL COUPON: DARIOS

Comments are closed.